«Buffone, venduto». E Pannella è stato cacciato dal corteo

Loading

Il leader radicale ne ha viste tante, nella sua lunga e mai noiosa avventura politica e civile: arresti (due volte per le droghe leggere, nel 1975 e nel 1997), innumerevoli e ripetitivi scioperi della fame e della sete, referendum gloriosamente vinti o miseramente perduti. Poi sit-in, occupazioni, estenuanti maratone radiofoniche, cortei, e chi più ne ricorda più ne aggiunga. C’è chi lo adora e lo venera. E chi, al contrario, lo detesta profondamente e lo accusa di tanti guasti politici.

Pannella divide. Lui lo sa e lo accetta. Ma una scena del genere ancora mancava, nella biografia pannelliana. La videoregistrazione di Radio Radicale (volutamente diramata) immortala un capitolo inedito nelle cronache politiche nostrane: un leader storico, un Grande Vecchio della nostra vicenda politica, circondato dalla folla e unanimemente contestato, insultato, sbeffeggiato. Il punto è, si sa, il comportamento della pattuglia radicale durante la fiducia al governo Berlusconi. La decisione di non seguire le opposizioni e di entrare in aula. Con l’ormai famoso commento di Rosy Bindi, anche quello molto esplicito («stronzi»).

Il giorno degli Indignati, Marco Pannella fa ciò che ha fatto per una vita: scende in piazza. Ma una volta tanto ce l’ha tutta contro. Un ragazzo giovane: «E Romano sta bene?». Un altro giovanotto gli stringe ironicamente la mano: «Avete aiutato la maggioranza, avete fatto bene, quanti soldi vi ha dato Berlusconi?». E lui risponde, a voce sempre più alta: «Ma abbiamo votato contro! Abbiamo votato contro!». Una vecchia signora: «Mi hai tradito»!». Un tipo anziano quasi come Pannella: «Ho 92 anni, vengo da Viareggio per manifestare, tu invece hai tradito….». Cominciano i cori: «Buffone, buffone», «Venduto-venduto». Uno gli rimprovera antiche amicizie: «Ma tanto voi siete amici di Craxi, stavate coi socialisti…».

Pannella sorride, ostenta serenità . Un altro grido: «Sei venuto a fare la vittima? Cerchi pubblicità ? Ma vattene. Quanto vi hanno dato?». A un certo punto Marco non ne può più: «Ahò, ma io non mi sono mai messo d’accordo in vita mia, e comincio adesso, a ottant’anni?». Lì è arrabbiato davvero, e si vede benissimo.

Fine del filmato, Pannella sembra allontanarsi ma senza fretta né per scappare. Il giorno dopo l’unico a protestare per quelle scene è Silvio Vitale, presidente dei Radicali Italiani, che mette insieme tre scene (la Madonnina distrutta, gli sputi a Pannella, il carabinieri che si salva inseguito dai sanpietrini lanciati) e dice: «Sfido chiunque a scinderli per giustificarne uno». Per il resto, silenzio del mondo politico. Ma anche questo, chi conosce Pannella, sa che è messo nel conto da un personaggio che sceglie di andarsene in piazza sapendo benissimo che troverà  terreno ostile. A ottant’anni suonati.


Related Articles

Come chiudere un conflitto permanente

Loading

L’ incarico è circondato da un alone di persistente incertezza. Se ne può capire il motivo. Il tentativo di Giorgio Napolitano è quello di chiudere un’epoca di conflitto permanente: un lusso che l’Italia di oggi non si può permettere.

Telecom Brasile, ipotesi Tangentopoli

Loading

Pagamenti sospetti dalla Svizzera al Sud America, nuovo filone della Procura (la Repubblica, GIOVEDÌ, 08 MARZO 2007, Pagina 29 –

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment