“Tutti contro Amanda perché è americana ma le prove per condannarla non bastavano”

Loading

PERUGIA – «I fischi della folla dopo la sentenza non mi hanno sorpreso. È stata una reazione autolesionista di di pochi scalmanati finiti in mondovisione. Quanto accaduto fuori dal tribunale, nonostante le mie esortazioni, è lo specchio di come è l’Italia in questo momento. C’è un clima di contestazione rivolta alla cosiddetta casta politica ma anche alle istituzioni in genere. Dopo i dibattiti in tv si è formato il convincimento che tutti possano dire la loro sui processi come sulle partite. Eravamo un popolo di allenatori, ora stiamo diventando tutti giudici», spiega Claudio Pratillo Hellmann, presidente della Corte di Appello che ha assolto Amanda e Raffaele.
Come spiega questa ostilità  nei confronti di Amanda Knox?
«Ho sentito tirare in ballo la vicenda del Cermis e quella di Calipari. Storie diverse che dovevano sottostare ai trattati tra Italia e Usa. Credo che dato che Amanda è americana ci sia stata una trasposizione. Lei però è una cittadina qualunque e non poteva pagare per altro».
I pubblici ministeri l’hanno accusata di avere un atteggiamento di diffidenza per la sentenza di primo grado. Cosa non la convinceva di quel giudizio?
«Non capisco la reazione dei pm. Al loro posto con gli elementi che avevano anch’io avrei chiesto un rinvio a giudizio. Il giudice ha però il dovere di formarsi un libero convincimento. La sentenza del primo grado a mio parere era illogica e lacunosa. Per i giudici della Corte d’Assise le prove erano sufficienti per la condanna, per noi no».
È vero che lei che il giudice a latere Massimo Zanetti siete stati criticati perché provenite dal tribunale civile?
«All’apertura dell’anno giudiziario qualcuno ha detto che troppi giudici del civile erano applicati al penale. Il riferimento mi è parso chiaro anche se sia io che Zanetti nella carriera abbiamo fatto molto penale. Ma a Perugia però non c’era un altro collegio disponibile. Confesso che ho sperato di evitare il processo. Quando mi è stato affidato però ho cercato di condurlo con il massimo equilibrio».
Le udienze sono state però molto tese. Qual è stato il momento più difficile?
«Sicuramente dopo il deposito dei risultati della perizia. Credo che i pm e le parti civili abbiano capito che le loro tesi correvano dei rischi. Da quel momento il processo ha cambiato passo diventando una battaglia senza esclusioni di colpi. Ricordo l’interrogatorio in aula degli esperti che avevamo scelto. Sono stati attaccati così duramente che ho dovuto ricordare che si trattava dei periti della Corte e non di imputati».
L’assoluzione di Amanda e Raffaele lascia in carcere un solo colpevole, Rudy Guede. È lui l’unico a sapere la verità  sulla morte di Meredith Kercher?
«Non posso dire che Rudy sia l’unico a sapere che cosa è successo quella notte in via della Pergola. Di certo lo sa e non lo ha mai detto. Forse lo sanno anche i due imputati perché la nostra pronuncia di assoluzione è il risultato della verità  che si è creata nel processo. La verità  reale resterà  insoluta e potrebbe essere anche diversa. Loro potrebbero essere anche responsabili del delitto ma non ci sono le prove».
Lei ha presieduto il processo più mediatico della storia giudiziaria italiana. Ha risentito dell’influenza dei media?
«No, io e gli altri componenti della Corte abbiamo deciso in piena coscienza nella tranquillità  della camera di consiglio».


Related Articles

Generazione no sex

Loading

Li chiamano “erbivori” perché rinunciano al piacere della carne. Inseguono emozioni estreme, ma solo sul web. È il nuovo tempo delle mele. Virtuale

Aiuti a oltre 3,6 milioni di indigenti. Oltre 330 mila in più in un anno

Loading

 Roma – “Il numero degli indigenti che utilizzano risorse caritative nel 2012 e’ aumentato fino ad arrivare a 3.686.942 persone, e rispetto al 2011 c’e’ stato un aumento del 33%”. Questo il primo dato che emerge dalla relazione sul ”Piano di distribuzione degli alimenti agli indigenti 2012” realizzata dall’Agea-Agenzia per le erogazioni in agricoltura e presentata oggi a Roma presso il ministero delle Politiche agricole alla presenza del ministro Mario Catania e del ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera. Tra il 2010 e il 2012 gli assistiti sono incrementati di 923.563 persone passando da 2.763.379 indigenti nel 2010 a 3.380.220 nel luglio 2011 e a 3.686.942 nel luglio di quest’anno. Sono oltre 330 mila in più nell’ultimo anno.

Alle regioni 25 milioni, priorità  nidi e anziani. Intesa con il governo

Loading

Roma – “In un momento di crisi, in cui le famiglie italiane rischiano l’impoverimento e le risorse sono limitate, e’ necessario scegliere con estrema attenzione le priorita’ di intervento: quest’anno le risorse del Fondo nazionale della famiglia destinate alle Regioni dovranno essere impiegate per gli asili nido e per l’assistenza domiciliare degli anziani”.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment