Zamagni: “L’Agenzia per il terzo settore rischia di chiudere entro fine anno”

Loading

MILANO – L’Agenzia per il terzo settore rischia di chiudere entro fine anno. A lanciare l’allarme, che è anche un accorato appello a salvarla, è Stefano Zamagni, che dell’Agenzia ne è il presidente. “Non sappiamo se il Governo italiano, da cui dipende l’Agenzia, rinnoverà  il mandato all’Agenzia –ha detto durante il suo intervento alla presentazione del bilancio sociale della Casa della Carità  (vedi lanci precedenti)-. Mancano due mesi alla scadenza e non sappiamo ancora nulla. Se chiuderà   tutte le competenze verranno trasferite al ministero del Lavoro e delle politiche sociali che creerà  un’apposità  direzione. Ma ciò sarebbe un tornare indietro di anni, una grande perdita per il terzo settore”.
Nata nel 2002 come Agenzia per le onlus, dal maggio 2011 è diventata Agenzia per il terzo settore.  Il suo compito è quello di vigiliare sulla “corretta osservanza della disciplina legislativa e regolamente” di Onlus e Terzo settore. Ha la sede a Milano (via Rovello 2). “Quando è nata molte città  fecero a gare per ospitare l’Agenzia –ricorda Stefano Zamagni-. Fu scelta Milano. Da allora però Comune, Provincia e Regione non hanno fatto nulla per sostenerla. Non hanno speso un solo centesimo per l’Agenzia”. (dp)

 © Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Nuova perizia per la morte di Aldo Bianzino in carcere. La famiglia: «Riaprire il caso»

Loading

Richiesta alla procura di Perugia. «Ucciso in carcere con percosse»: elementi decisivi analizzando i resti di fegato e cervello

Le carceri private sono pronte a fare soldi a palate grazie a Donald Trump

Loading

il fondo elettorale del Presidente eletto ha ricevuto 100.000 dollari da GEO Group, e lo stesso candidato ha elogiato l’azienda in campagna elettorale: “Penso che possiamo creare un sacco di prigioni private”

Colpo accidentale

Loading

Napoli non è ancora Ferguson, ma forse è già nei suoi dintorni. Il colpo fatale è natu­ral­mente «par­tito per acci­dente». Ma iI «colpi accidentali» rischiano di costare molto cari

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment