Contro la riforma delle pensioni: la Gran Bretagna scende in piazza

La più grande e importante degli ultimi quarantanni, secondo la previsione unanime dei giornali inglesi, che vedrà  oltre due milioni e mezzo di lavoratori del settore pubblico, sostenuti da 19 unioni sindacali, scendere in piazza a protestare contro la riforma pensionistica varata dal governo.

Insegnanti, medici, studenti, impiegati e molte altre categorie di lavoratori si sono unite contro una riforma che, tra le altre cose, prevede un aumento dell’imposizione fiscale di quasi 3 miliardi di sterline entro il 2014/2015, la riconfigurazione dell’età  pensionabile a soglie fisse statali e uno svantaggioso peso dell’inflazione sulla rateizzazione annuale della pensione percepita. A risentire della mobilitazione, molti servizi essenziali.

Dagli ospedali alle scuole, in gran parte chiusi, fino agli aeroporti. Con l’esplicito intento di paralizzare la città , riprendendo lo slogan, creando dei disagi che possano così diventare strumento di pressione e rinegoziazione delle istanze dei protestors. Intanto, dalle prime ore del mattino, Londra sembra davvero una città  fantasma. Moltissimi i negozi chiusi, vetrine abbassate e i passanti nel centro pulsante di Soho si contano sulle dita di una mano. In lontananza, riecheggiano i rulli dei tamburi provenienti dai molti picchetti localizzati in oltre cinquanta punti della città . Quelli da cui a momenti partirà  la marcia che a mezzogiorno di Londra (h13:00 italiane) si compatta a Lincoln’s Fields.


Related Articles

La Festa del lavoro in tutto il mondo

La Festa del lavoro in tutto il mondo

Belle foto di bandiere, manifesti, scontri, proteste e una girandola, da Roma all’Avana per il primo maggio

La cedolare secca non ha funzionato gli affitti in nero sono oltre un milione

Secondo le stime della Cgia di Mestre l’erario in due anni ha incassato 5 miliardi in meno

Iva, la tassa sui poveri: a loro costa il 60% in più che ai contribuenti ricchi

Consumatori: 12 euro il rincaro del metano.  Uno studio del Centro Europa Ricerche confronta il suo impatto sulle classi di reddito

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment