Intesa stringe il cerchio sull’erede di Passera

Loading

MILANO – I maggiorenti di Intesa Sanpaolo lavorano alacremente per trovare il successore di Corrado Passera. Ma il nome ancora non ci sarebbe, e non è detto che il consiglio di gestione di martedì 22 ridarà  un leader alla maggior banca italiana. Non bisogna sbagliare candidato, che sarà  probabilmente esterno; ma neppure indugiare, pena possibili ritorsioni del mercato, che ieri ha dato segnali al titolo (-2,94%, peggio dell’indice bancario).
Intanto anche in casa Unicredit, che ha appena deliberato un aumento di capitale da 7,5 miliardi, la tensione è in aumento. Le Fondazioni socie sono in difficoltà  per la decisione di non erogare il dividendo a Piazza Cordusio, dopo svalutazione di avviamenti per 8,6 miliardi. «Qualcuno dovrà  spiegare la svalutazione: era necessaria? È negligenza o incapacità ? – ha detto Giovanni Puglisi, presidente dell’ente BdS che ha lo 0,32% di Unicredit –. Vogliamo risposte chiare, anche dai sindaci della banca». La sua Fondazione sosterrà  la banca» nell’aumento, ma l’esborso porterà  a «quasi azzerare le erogazioni nel 2012». Martedì Cassamarca di Treviso che ha lo 0,7% di Unicredit e sta studiando l’aumento, ha sospeso le erogazioni fino al ritorno dei dividendi, e tagliato del 20% i compensi ai consiglieri.
Tornano in casa Intesa le dimissioni dell’ad, attese ma non con tanta celerità , hanno azionato la liturgia imperniata su ruolo e personalità  di Giovanni Bazoli. Il presidente ha avviato, già  da inizio settimana, consultazioni con i grandi azionisti (le cinque Fondazioni San Paolo, Cariplo, Cariparo, Carifirenze, Carisbo) chiedendo loro di esprimere pareri. In queste ore il professore bresciano sta tastando il polso ai papabili. Domani, verso pranzo, Bazoli farà  il punto della situazione con gli enti. Se esce il nome buono, martedì potrebbe essere nominato, oppure si prenderà  qualche giorno in più. La partita è complicata: serve un manager capace di entrare in corsa in un’azienda grande e complessa, senza urtare le sensibilità  dei dirigenti interni. Questi sperano in una promozione interna, o almeno in un esterno “spaccatutto”, di tale prestigio da zittire tutti. La prima condizione potrebbe soddisfarla l’ex dg Pietro Modiano (ora in Tassara), ma il suo ritorno metterebbe in imbarazzo Marco Morelli, il dg vicario che da statuto ha preso le deleghe di Passera. La seconda condizione vale per calibri come Vittorio Colao (Vodafone) e Andrea Orcel (Bofa); ma le prospettive di banca commerciale in Italia nel breve-medio termine rendono difficile arruolare simili manager. Altri banchieri italiani, stimati da Bazoli e su cui si potrebbe puntare sono Giampiero Auletta Armenise (ex Ubi), Giovanni Gorno Tempini (Cdp), Victor Massiah (Ubi), Fabio Gallia (Bnl).
Ieri Giuseppe Guzzetti, presidente di Cariplo, era a Torino e ha avuto un breve colloquio con la vicepresidente della Compagnia Sanpaolo, suor Giuliana Galli. Nel pomeriggio, rientrato a Milano, è stato un’ora in Ca’ de Sass, insieme a Bazoli con cui ha un asse storico. «La scelta del nuovo ad è nelle mani del professor Bazoli, dunque aspettiamo lui – ha detto -. Al momento non sono in agenda incontri, ma poiché sono azionisti importanti sicuramente lo faranno».


Related Articles

Età  a 67 anni, i tedeschi dopo di noi

Loading

Più tardi anche i francesi. In Italia la soglia raggiunta nel 2023, a Berlino nel 2029

Fiat, rientrano i 19 di Pomigliano Così il rilancio dei concessionari

Loading

 Fiat ha preso nei giorni scorsi la decisione di licenziare 1.500 dipendenti in Polonia, nello stabilimento di Tychy, dove attualmente si costruisce la 500 per l’Europa, la Ford Ka e la Lancia Ypsilon (è al termine l’assemblaggio della vecchia Panda, spostata nello stabilimento di Pomigliano).

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment