Continua la fuga dal risparmio gestito

Loading

MILANO – Altro mese da dimenticare per il sistema del risparmio gestito, che ha evidenziato a novembre una raccolta netta negativa per 8,489 miliardi di euro (contro i 5,79 miliardi sfumati a ottobre). Il dato diffuso ieri porta a 31,3 miliardi la perdita da inizio anno, e c’è quasi da scommettere che il mese di dicembre farà  crescere il saldo negativo dell’industria per il 2011, passandolo agli archivi come uno degli anni più neri di sempre per i fondi comuni.
La mappa mensile di Assogestioni a novembre mostra deflussi da imputare alle gestioni collettive per un totale di 6,25 miliardi (-4,77 miliardi a ottobre), in particolare ai fondi aperti, che da soli hanno registrato un saldo negativo di 6,2 miliardi (-5,1). Deflussi per 2,239 miliardi (-1,021) dalle gestioni di portafoglio. A fine novembre il patrimonio gestito dal sistema ammontava a 926 miliardi di euro (958,3 miliardi a fine ottobre), di cui 468 investiti in gestioni di portafoglio (51%) e 458 in gestioni collettive (49%). Circa i due terzi del patrimonio delle gestioni collettive, pari a 263 miliardi, è investito in fondi comune aperti di diritto estero, mentre ai fondi di diritto italiano compete la gestione dei restanti 153 miliardi. 
«Questa tendenza è il risultato della sommatoria di tre fattori negativi – commenta Carlo Gentili, amministratore delegato di Nextam Partners -. Per prima cosa i mercati azionari hanno registrato un andamento fortemente negativo, in secondo luogo anche l’investimento in obbligazioni, e in particolare in titoli di stato, ha registrato performance molto negative, infine le banche si sono trovate a corto di liquidità  e quindi ai clienti scontenti e in cerca di rendimenti sicuri hanno consigliato i loro prodotti, come i pronti contro termine, i conti deposito o le loro obbligazioni».
Passando nel dettaglio alle varie classi di investimento, i decrementi maggiori riguardano i fondi obbligazionari (-2.393 milioni, scendendo a 179.439 milioni ovvero il 43% del totale), quelli flessibili (-1.293 milioni, il 14,7% del totale), quelli monetari (-1.288 milioni il 12%), quelli azionari (-679 milioni il 21,6%) e quelli bilanciati (-486 milioni, il 4,8%). «Del resto, di questi tempi – prosegue Gentili – per un investitore un fondo obbligazionario o monetario, oltre a registrare performance negative, è più costoso e meno sicuro dell’investimento in un Bot o in un Cct. E soprattutto in questo contesto di mercato, le obbligazioni italiane a breve termine sono un prodotto interessante per i risparmiatori». In quest’ottica non stupisce infatti, che la categoria meno bersagliata dai riscatti è anche quella che di solito è appannaggio dei professionisti e dei grandi investitori professionali: i fondi hedge (che rappresentano solo il 2,4% del totale) a novembre hanno incassato solo 42 milioni di riscatti.


Related Articles

Ebola, il caso del siero miracoloso “Ma ora via alla sperimentazione”

Loading

Sono 887 le vittime di ebola in Africa Il numero dei casi certi di contagiati è di almeno 1600

Palazzi all’asta, l’annuncio sul Wall Street Journal

Loading

Dal Casinò di Murano alle caserme Una masseria a Taranto e una a Matera

Opere pubbliche. Allarme di sindacati e Anac per lo “sblocca cantieri”

Loading

«Norme pericolose» per Cantone: «Gli appalti inferiori a 200mila euro non sono mai stati bloccati»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment