La bufala dei conti in sicurezza

Loading

Come è possibile esprimere tale certezza senza aspettare e valutare i risultati delle misure appena varate, che si manifesteranno solo nell’anno entrante? L’estate scorsa Ignazio Visco in un’importante testimonianza parlamentare dichiarò che la manovra di Tremonti, da lui considerata necessaria, aveva un carattere recessivo. Ai primi di dicembre il noegovernatore della Banca d’Italia ha ribadito il concetto in un’audizione alla Camera consacrata al decreto Monti, ben più duro delle misure avanzate da Tremonti. Ma se l’impatto della politica economica del governo è recessivo, come si può asserire che il rapporto tra il disavanzo pubblico ed il prodotto interno lordo sarà  in linea con con gli obiettivi desiderati da Bruxelles e da Francoforte, in questo caso sia da parte della Bce che della Bundesbank?
Tanto più pesanti sono queste manovre, tanto più pesante sarà  il loro effetto negativo sul pil, ormai preso come un indiscusso totem di referimento sebbene oggi un ampio schieramento di economisti consideri molto dubbia la validità  di questo indicatore. È invece molto probabile che la recessione in corso si acuirà  nei prossimi mesi impedendo una riduzione del rapporto tra il deficit nel bilancio pubblico ed il prodotto interno lordo. Il ragionamento si applica anche al rapporto tra debito pubblico e pil. Infatti anche se calasse il disavanzo pubblico di parte corrente, peraltro in Italia già  tra i più bassi della zona dell’euro, il rapporto debito e pil può crescere per via del divario tra un tasso di crescita negativo (recessivo) ed il tasso d’interesse. È difficile credere che nel 2012 il tasso di interesse sui titoli italiani si ridurrà  in maniera tale da compensare l’effetto negativo che il calo del pil avrà  sul rapporto tra debito pubblico e prodotto interno lordo. Asserire che i conti sono in sicurezza equivale a mettere il carro davanti ai buoi.
Infine, fatto importante, se si considera la revisione al ribasso delle valutazioni dell’Istat circa la crescita economica italiana, emerge come concreta possibilità  un circolo vizioso di tipo greco in cui, a causa degli effetti recessivi, ad ogni politica di austerità  corrisponde un aggravamento dei conti pubblici soprattutto dal lato del debito. Su questo punto anche il Fondo monetario internazionale nella sua ultima analisi sulla Grecia non sembra lasciar dubbi in proposito


Related Articles

Né Renzi né D’Alema, né Veltroni nel Pd arrivano “i ricostruttori”

Loading

Alla convention applausi per De Magistris, ovazione per Zingaretti. Bologna, pienone per Serracchiani e Civati

Come chiudere un conflitto permanente

Loading

L’ incarico è circondato da un alone di persistente incertezza. Se ne può capire il motivo. Il tentativo di Giorgio Napolitano è quello di chiudere un’epoca di conflitto permanente: un lusso che l’Italia di oggi non si può permettere.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment