Lavori fatti male a Barletta Quattro arresti per il crollo

Con la sua bara bianca in piazza, Barletta aveva chiesto: «Ora vogliamo la verità ». A due mesi dalla strage ne incassa già  una prima parte: la ricostruzione della dinamica e l’individuazione dei primi 5 presunti responsabili. L’edificio venne giù perché, privato del sostegno dell’edificio attiguo, abbattuto senza precauzioni, venne sottoposto alle sollecitazioni di un escavatore che, anziché rimuovere le macerie dal cantiere, continuò a demolire. Per questo agli arresti domiciliari sono finiti Cosimo Giannini, 53 anni, titolare dell’impresa di costruzione proprietaria del cantiere; il responsabile della ditta appaltatrice Salvatore Chiarulli, di 35 anni e i suoi due fratelli: Andrea, di 44 anni, e Giovanni di 38 che era alla guida della pala meccanica. Tutti dovranno rispondere, a vario titolo, di disastro doloso, omicidio colposo e lesioni personali colpose plurime. Per il progettista e il direttore dei lavori è scattato il divieto temporaneo di esercitare la professione di architetto.
Amara la constatazione del procuratore capo di Trani, Carlo Maria Capristo che ha coordinato le indagini, iniziate sul campo tra la polvere del crollo: «Questa tragedia poteva e doveva essere evitata. C’erano stati gli allarmi. Un video mostra come questo caterpillar si muovesse sul cantiere. C’è stata molta leggerezza e spregiudicatezza. Non siamo alla colpa semplice, ma ai limiti del dolo». Un’accusa che potrebbe preludere a una riformulazione del reato in omicidio volontario. Venerdì i quattro compariranno di fronte al gip per l’interrogatorio di garanzia.
Intanto l’inchiesta va avanti. Quattordici inviti a comparire sono stati notificati a tecnici e dirigenti comunali che hanno ignorato gli allarmi.
Resta indagato anche Salvio Cinquepalmi, padre della piccola Maria, per la mancata contrattualizzazione delle ragazze e perché le crepe già  visibili nell’edificio lo avrebbero dovuto indurre a chiudere il laboratorio del sottoscala.


Related Articles

Fisco e imprese, decreto d’agosto Pronti anche i tagli alla politica

Fitch conferma il giudizio sull’Italia, resta la preoccupazione sulle riforme

DIRITTO DI SCELTA SULLA PREVIDENZA

    Oggi, o domani conosceremo i dettagli della riforma delle pensioni, parte più rilevante e al tempo stesso politicamente più sensibile del pacchetto di misure approntate dal nuovo governo per cercare di invertire le aspettative dei mercati. Questa volta non c’è stata la ridda di voci sui contenuti delle diverse misure, alimentata da apparizioni mediatiche dei singoli ministri, che aveva sistematicamente accompagnato le innumerevoli manovre dell’era Berlusconi.

Eni, scoperta record in Mozambico “Gas per 6 anni di consumi italiani”

È il giacimento più grande mai trovato dal gruppo.  L’ad Scaroni: “Nel 2016 il campo darà  300mila barili al giorno. Almeno 10 miliardi da investire”. Non si sblocca il caso Marghera 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment