«Puntavamo a un altro 1945 Ma abbiamo fallito nel nostro obiettivo morale»

Loading

«Abbiamo sprecato 800 miliardi di dollari, perso oltre 4 mila soldati rimpatriandone altri 30 mila feriti — spiega Pipes — ma tra dieci, forse cinque anni, tutti i nostri sacrifici saranno stati cancellati e l’Iraq sarà  sotto la morsa di un’altra tirannia».
L’America ha insomma perso questa guerra?
«Ha perso la guerra, anche se ha vinto qualche battaglia: ha messo fine alla cruenta dittatura di Saddam Hussein, aiutato il governo curdo nel Nord e spezzato la dominazione sunnita del Paese. Ma il vero obiettivo non l’ha raggiunto».
A quale obiettivo si riferisce?
«L’obiettivo 1945. L’amministrazione Bush, di cui ho fatto parte, aveva un progetto moralmente molto elevato per creare un Iraq libero e prospero, basato implicitamente sull’esperienza Usa in Austria, Germania, Italia e Giappone nel 1945. Invece di chiedere risarcimenti ai nemici sconfitti, l’America allora accordò loro prestiti, aiutandoli nella ricostruzione dei Paesi distrutti». 
Il metodo in Iraq non ha funzionato?
«Purtroppo ci siamo resi conto ben presto che il 1945 non poteva essere replicato in Medio Oriente nel 2003. È stato un enorme errore di valutazione, e una sconfitta, dover ammettere che il nobile intento di trasformare l’Iraq in un faro del Medio Oriente è fallito».
L’amministrazione Obama doveva restare?
«È stato l’allora presidente Bush, 4 anni fa, a firmare contro i miei consigli l’attuale ritiro. Una data arbitraria che non tiene conto della situazione sul terreno. Lo dico da repubblicano convinto».
Se si potesse tornare indietro cosa cambierebbe?
«Chiederei all’America di appoggiare un governo militare retto da un generale iracheno, guidandolo gradualmente verso la democrazia. Chiederei elezioni non dopo 23 mesi, ma 23 anni perché, come bene insegna la Cina, ci vuole tempo a passare da una cruenta dittatura alla democrazia. Avremmo dovuto inviare le truppe ai confini e in zone strategiche, non a pattugliare le strade di Falluja. Ci siamo solo fatti odiare. Ma ormai è troppo tardi per recriminare».
Pensa che l’attuale ritiro aiuterà  il presidente Obama a essere rieletto?
«Al contrario, penso che due pericoli possano compromettere la sua rielezione: lo scoppio di una guerra civile in Iraq e un incremento dell’influenza iraniana nel Paese. Francamente sono sorpreso che Obama abbia deciso di rispettare la scadenza invece di proteggersi e rimandare il ritiro di almeno un anno. Se qualcosa andrà  storto, i repubblicani potranno addossargli tutta la colpa».


Related Articles

Dopo il vertice Ue. Patto con 14 Paesi sui migranti, così Merkel cerca di salvarsi

Loading

Per placare Seehofer, accordi bilaterali sui rimpatri dei migranti. Tre membri di Visegrad si sfilano. Italia fuori

Repubblica Ceca. Alle presidenziali Miloš Zeman in testa

Loading

Primo turno. Il presidente uscente sotto le aspettative, al 39%, il 26 e 27 gennaio dovrà vedersela con l’ex presidente dell’Accademia delle Scienze Jirí Drahoš, al 26%

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment