Pensioni ko e flexsecurity

Loading

La ministra del Welfare annuncia le misure al via già  lunedì: contributivo per tutti e aumento di età  per le donne. Ma si teme anche il congelamento degli assegni. E apre al reddito minimo garantito I primi provvedimenti sulle pensioni arriveranno velocemente, «in pochi giorni», già  «lunedì prossimo», come ha confermato ieri a Bruxelles la nuova ministra del Welfare Elsa Fornero. Ci sarà  probabilmente un passaggio con i sindacati, ma anche quello sarà  rapido. Perché c’è l’urgenza dei conti italiani e perché – come ha spiegato la stessa Fornero – «queste riforme ce le chiedono Bruxelles e i mercati».
Quel che è certo, anche perché Fornero lo ha anticipato, è che già  al consiglio dei ministri di lunedì si deciderà  l’estensione del metodo contributivo pro-rata per tutti. «Una delle misure» che sarà  presentata lunedì prossimo al consiglio dei ministri «sarà  l’introduzione del metodo contributivo pro rata basato sull’uniformità  di trattamento», ha detto Fornero, aggiungendo che d’ora in poi «se si faranno eccezioni, saranno non più verso l’alto ma solo verso il basso, secondo equità ». Un altro tema che verrà  affrontato sarà  «forse l’accelerazione di alcuni sentieri di adeguamento, per esempio dell’età  pensionabile delle donne, che erano già  stati adottati dal governo precedente». Nessun accenno, invece, allo spostamento della soglia di anzianità  oltre i 40 anni, ma secondo molti anche questo punto sarà  oggetto di modifica.
Nessun accenno, anche, al blocco degli adeguamenti delle pensioni a partire da gennaio, il provvedimento più temuto e che farà  più male alle tasche degli anziani: la Cgia di Mestre ha calcolato che frutterebbe 4,4 miliardi di euro, ma perché sia segnato dall’«equità » non basterebbe certo esentare solo quelle minime (467 euro), ma bisognerebbe risparmiare (almeno) anche quelle sotto i mille euro, e quindi il gettito sarebbe a questo punto nettamente inferiore.
Quanto al dialogo con le parti sociali, la ministra ha detto che «c’è la disponibilità  mia e del presidente del consiglio». «Abbiamo l’intendimento di vedere le parti sociali, ma questo dipende dal presidente del consiglio – ha aggiunto – e dai vincoli di tempo, perché noi ne abbiamo poco per queste azioni che ci sono richieste da Bruxelles e dai mercati».
Fornero ha parlato anche delle riforme del mercato del lavoro e della «flexsecurity», ma si è mantenuta più sul vago, anche perché «al consiglio dei ministri del 5 non ci saranno misure specifiche». Un’affermazione importante, però, l’ha già  fatta: «Lavorerò perché ci sia l’introduzione di un reddito minimo garantito, che però va congegnato e inserito in un pacchetto più ampio». La ministra ha poi precisato che «si tratta di mie preferenze personali» e non del governo.
La titolare del Welfare ha detto che da lunedì in poi si comincerà  a studiare una introduzione anche in Italia della «flexsecurity», «cercando di dare chances di lavoro vero ai giovani e alle donne, e a tutti quei precari che sono stati finora ai margini». Nessun accenno all’articolo 18, ma è chiaro che l’aumento e l’estensione degli ammortizzatori sociali vengono visti dal nuovo governo come il normale contorno di un alleggerimento della rigidità  in uscita.
Il Pd, con Livia Turco ha apprezzato l’uscita sul reddito minimo. Il reddito minimo garantito ha già  dei precedenti in Italia: in Lazio ad esempio si è sperimentato (ma adesso i fondi sono esauriti e tutto è bloccato) una sorta di sussidio dato a chi non lavora, che nell’intenzione dei teorici di questo strumento non dovrebbe andare più soltanto ai disoccupati (cioè chi ha già  lavorato almeno una volta), ma a una platea più vasta che include anche gli studenti e/o chi è in cerca di prima occupazione. Cosa però abbia in mente Elsa Fornero di preciso è ancora ampiamente un mistero.
La leader Cgil Susanna Camusso ha ribadito che «la riforma annunciata è contraria all’equità », che «i pensionati hanno già  dato», e che «il superamento della dualità  tra precari e garantiti non si risolve togliendo i diritti a tutti». Quanto alle pensioni, il presidente dell’Inps Antonio Mastropasqua, ha detto che «l’età  di uscita va innalzata»: secondo l’istituto nei primi 10 mesi del 2011 l’età  media di uscita è stata di 58,7 anni (nel 2010 era 58,6); i due terzi dei pensionati per anzianità  nel 2010 sono usciti con 40 anni di contributi.


Related Articles

Il precariato a scuola è illegale e la Consulta grazia Renzi

Loading

I docenti precari dopo 36 mesi di servizio vanno assunti, ma non il personale Ata a cui è riconosciuto solo un indennizzo

Rapporto Censis. Senza furore, con il virus della sfiducia avanza l’uomo forte

Loading

Italia 2019. Pubblicato il 53esimo rapporto Censis sulla società italiana 2019. Un ritratto su un paese «stressato» dove il «48% vuole l’uomo forte»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment