Carceri: Osapp, aggredito assistente polizia penitenziaria a Saluzzo

Loading

A darne notizia e’ l’Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria (Osapp), per voce del segretario generale Leo Beneduci. ”A Saluzzo si tratta della prima aggressione a un poliziotto penitenziario nel 2012 – prosegue il sindacalista – mentre nel 2011 se ne sono contate a decine, fortunatamente, non di gravissima entita’ ma tali da rendere tuttora teso il clima della struttura. Probabile che tra le cause della persistente invivibilita’ lavorativa nel carcere – aggiunge Beneduci – vi siano il gravissimo sovraffollamento (435 detenuti presenti per 187 posti) e la notevole carenza nell’organico della polizia penitenziaria (160 unita’ presenti su 229 previste)”. “In questi ultimi anni – conclude – nessuno dell’amministrazione penitenziaria, meno che mai il provveditore regionale di Torino, responsabile per gli istituti di pena del Piemonte e della Valle d’Aosta, ha fatto alcunche’ per alleviare i particolari e gravi disagi, per il personale e per l’utenza, della struttura saluzzese” .


Related Articles

Grecia in vendita, operazione Exarchia

Loading

Con la scusa della nuova metropolitana il governo ha militarizzato il quartiere cuore del movimento degli studenti di Atene. Un corpo speciale provvede a reprimere il dissenso con metodi violenti

Detenuti raggruppati in base alla pericolosità : nasce il carcere su misura

Loading

 

“Progetto circuiti regionali” del Dap. L’obiettivo è creare una “nuova geografia penitenziaria” che migliori la qualità  di vita dei detenuti e degli operatori. Tamburino, capo del dipartimento: “Il preludio di ulteriori sviluppi e di maggiore efficienza”

Nella famiglia-tana è troppo dolce la vita dei giovani adulti

Loading

In alcune regioni 9 “ragazzi” su 10 abitano ancora in casa con i genitori (la Repubblica, MARTEDÌ, 27 FEBBRAIO 2007,

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment