Un omicidio razzista, condanne dopo 20 anni

Sono le prime due persone condannate per un omicidio che aveva causato molta impressione all’epoca: Stephen Lawrence, ragazzo nero, era stato attaccato e ucciso da un gruppo di giovani bianchi presso una fermata dell’autobus a Elthan, nel sud della capitale britannica, sotto gli occhi di numerosi testimoni. Nel leggere la sentenza il giudice ha dichiarato che «l’omicidio è stato commesso per nessun’altra ragione che l’odio razziale», la vittima non aveva provocato né minacciato in alcun modo gli aggressori (all’epoca tutti minorenni). I due hanno sempre negato l’accusa (ma sono stati inchiodati da un video di sorveglianza), e dapprima i magistrati non ritennero accettabili alcune testimonianze (nel ’99 un’inchiesta parlò di razzismo istituzionale). Solo l’ostinazione dei genitori Lawrence ha portato alle attuali condanne.


Related Articles

Piedi scalzi non solo al lido, sono cento marce

Il pacifista che ha dato vita alla mobilitazione insieme al regista Andrea Segre: “Non mi aspettavo così tante iniziative parallele a quella di Venezia, che sarà straordinaria”. Cgil in azione con pullman e motonave per il Lido, prime marce a Palermo e Bari

Da Tunisi la dignità  e l’orrore L’importante è che se ne parli

World social forum/ UN BILANCIO ALLA CASA INTERNAZIONALE DELLE DONNE
ROMA. Ci vuole sempre qualcosa di scritto per cambiare le cose. Ci vuole la parola «dignità » per trasportarlo dal continente europeo a quello africano e ritorno. E così è stato per un gruppo di donne impegnate a combattere l’ideologia della guerra e la violenza in tutte le sue dimensioni: quelle internazionali e quelle nazionali.

Come l’Europa proteggerà i confini

Una cosa accomuna cambiamenti climatici e profughi: questi non sono “migranti economici” da “rimpatriare” in una “patria” che non hanno più. Sono tutti profughi ambientali

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment