Un omicidio razzista, condanne dopo 20 anni

Loading

Sono le prime due persone condannate per un omicidio che aveva causato molta impressione all’epoca: Stephen Lawrence, ragazzo nero, era stato attaccato e ucciso da un gruppo di giovani bianchi presso una fermata dell’autobus a Elthan, nel sud della capitale britannica, sotto gli occhi di numerosi testimoni. Nel leggere la sentenza il giudice ha dichiarato che «l’omicidio è stato commesso per nessun’altra ragione che l’odio razziale», la vittima non aveva provocato né minacciato in alcun modo gli aggressori (all’epoca tutti minorenni). I due hanno sempre negato l’accusa (ma sono stati inchiodati da un video di sorveglianza), e dapprima i magistrati non ritennero accettabili alcune testimonianze (nel ’99 un’inchiesta parlò di razzismo istituzionale). Solo l’ostinazione dei genitori Lawrence ha portato alle attuali condanne.


Related Articles

Dai lager libici: «Ci stiamo consumando come candele»

Loading

Libia. Testimonianza da un campo di prigionia per migranti in Libia

Macedonia. “Sfondiamo” L’urlo di rivolta contro il muro

Loading

Nel campo al confine greco abbattuta la recinzione di filo spinato: “Così vi accorgerete di noi”

Assemblea Onu, un fallimento annunciato

Loading

Migranti. Il vertice Onu sui migranti voluto da Ban Ki moon si chiude senza neanche una dichiarazione comune di intenti e con gli Stati. Il commissario ai diritti umani: «Abbiamo fallito verso milioni di persone»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment