Gara a chi preme di più

Loading

Angela Merkel manda a Atene i suoi rallegramenti per l’approvazione parlamentare dell’ennesima tornata di atroci tagli, mentre nel centro della città  bruciavano banche e negozi incendiati per protesta. La cancelliera non si è scomodata di persona, ma ha esternato compiacimento tramite il portavoce Steffen Seibert: «Queste decisioni attestano la volontà  e la disponibilità  dei greci a assumersi in proprio grandi oneri, anche duri sacrifici, per rimettere in carreggiata il loro paese». Non si tratta, ha proseguito Seibert, «di risparmi fine a se stessi, ma di riforme in tutti i campi politici: Le rigide strutture dell’economia greca e del mercato del lavoro vanno cambiate per liberare forze produttive. Passo dopo passo ciò consentirà  di riacquistare spazi di manovra finanziaria, per creare posti lavoro e crescita».
Sembra di sentire un disco che ripete sempre lo stesso ritornello: più «flessibilità », e tutto andrà  nel migliore dei modi. La cancelliera non ha nemmeno bisogno di istruire volta per volta il portavoce su quello che dovrà  dire: basta che Seibert prema un bottone della sua memoria automatica.
A ricordare da Bruxelles che Atene non ha ancora fatto tutti i compiti, ci ha pensato il commissario europeo Olli Rehn. Il voto del parlamento greco è solo «un primo passo». Ma per sbloccare il secondo pacchetto di crediti di 130 miliardi di euro occorrono ulteriori risparmi per 325 milioni e un impegno, «assunto per scritto» dai maggiori partiti greci, a proseguire il programma di consolidamento nella prossima legislatura. Queste due condizioni vanno esaudite prima della riunione dei ministri delle finanze a Bruxelles mercoledì prossimo. 
Anche a Berlino, al di là  del compiacimento espresso dalla cancelleria, è stato Philipp Rà¶sler, ministro delle finanze e presidente del partito liberale Fdp, a mettere i puntini sulle i. Rà¶sler ha insistito su una «rapida realizzazione» del pacchetto di misure di risparmio: «Adesso vogliamo vedere cosa seguirà  agli atti legislativi». 
Certo è positivo che le leggi siano state approvate con una larga maggioranza. Ma le leggi vanno messe in atto, e gli effetti dovranno essere valutati dalla troika di ispettori del fondo monetario internazionale, della banca centrale europea e della commissione. 
Anche Horst Seehofer, presidente dei cristiano-sociali e primo ministro bavarese, gonfia il petto con proclami sul rigore altrui. E mette in chiaro che l’importo di 211 miliardi di euro, per cui la Germania si è assunta l’impegno di garantire i fondi salvaeuro, è «un tetto massimo isuperabile».
Seehofer ha tirato fuori dal cappello anche la sorprendente proposta di consultare in futuro i cittadini tedeschi, con appositi referendum, sull’opportunità  di impegnare il bilancio della Rft in programmi di sostegno finanziario o in meccanismi di stabilità  valutaria. 
La proposta è priva di conseguenze pratiche immediate perché, nonostante la costituzione preveda la possibilità  di referendum, mai i partiti tedeschi si sono risolti a formulare una legge applicativa. Ma quel che stupisce è la sfacciataggine del bavarese. Non è stata proprio Merkel, insieme a Sarkozy, a gettare alte grida di scandalo quando l’ex premier greco Papandreu propose di consultare i cittadini con un referendum sul programma di austerità ? Non lo costrinsero a rimangiarsi quel proposito «irresponsabile», che avrebbe messo in forse gli impegni assunti con gli altri governi europei? E adesso, il diritto a tenere referendum, negato ai cittadini-debitori greci, va assicurato ai cittadini-creditori tedeschi?
Il tira e molla sui referendum la dice lunga sulla schizofrenia della Germania, pronta a chiedere limitazioni alla sovranità  di bilancio altrui. Pronta d’altra parte a rivendicare, fino alla corte di giustizia dell’Aia, la propria «immunità » se qualcuno osa chiedere conto, davanti ai tribunali italiani, di quella quota del «debito sovrano» tedesco contratta non coi «mercati», ma con l’umanità  ferita dalle stragi e dalle deportazioni del Reich tedesco, in Italia e in Grecia. 
All’Aia si discuteva anche delle pretese dei familiari delle vittime della strage di Distomo: la Germania è riuscita a farle dichiarare inagibili in Italia.


Related Articles

Il fantasma greco della Merkel

Loading

Nel varco eventualmente aperto dalle urne greche e dalla scelta di Merkel di tenere Atene nell’euro potrebbero infiltrarsi italiani e altri “mediterranei”

Paul Krugman: Ma l’Europa è un disastro la moneta unica è diventata una camicia di forza

Loading

L’analisi 2 /Paul Krugman Il Nobel per l’Economia: la crisi ha colpito tutti, dalla Finlandia alla Spagna

Shipping Zeus contro Wotan

Loading

IL MARE, LIQUIDO COLLANTE DELLA GLOBALIZZAZIONE. La crisi che non ti aspetti. La Grecia degli armatori sta comprando le navi tedesche a un prezzo stracciato. Pechino ha bisogno di trasportare le sue merci e dal Pireo parte alla conquista della decadente e litigiosa Europa. Ad Amburgo intanto le banche pubbliche scricchiolano, perché i profitti di cantieri, moli e assicurazioni crollano

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment