Lavoro, intesa vicina Fornero: si può già  fare la prossima settimana

Loading

ROMA — La partita si è sbloccata e la riforma si può fare. Tutti hanno fatto un passo indietro e il grande accordo sul nuovo mercato del lavoro va avanti. In particolare l’andata a regime del nuovo sistema di ammortizzatori sociali torna al 2017, si allungano i tempi per la mobilità  degli «esodati» anziani e sull’articolo 18 nessuna abolizione ma «ristrutturazione» in salsa tedesca. Oggi il premier Mario Monti vedrà  i tre segretari dei partiti di maggioranza per un’ultima verifica, poi weekend a Milano con intervento al convegno di Confindustria e martedì gran finale a Palazzo Chigi con tutte le forze sociali. L’obiettivo è partire per l’Asia con la riforma in tasca. Il ministro del Lavoro Elsa Fornero ora vede rosa dopo il frontale dell’altro giorno con le parti sociali: «A me sembra realizzabile un’intesa che potremmo già  raggiungere entro settimana prossima». Così ha detto il ministro nel corso di un’audizione in Senato sintetizzando l’esito di un vertice durato cinque ore con i quattro leader sindacali. Parole di grande apertura anche da parte del segretario generale della Cgil Susanna Camusso: «Cose positive, il ministro è tenace, anche se a volte arrogante». E dal leader Cisl Raffaele Bonanni la conferma che «la situazione si sta ammorbidendo, posso dire che va meglio dell’altro ieri». Per il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia occorre che ora «il governo fissi dei punti fermi e indichi le cifre».
Tutti si sono impegnati al silenzio stampa ma le indiscrezioni indicano che lo «scambio» per arrivare a un punto di convergenza sia sui tempi dell’operazione sia sull’articolo 18. La fase di transizione sugli ammortizzatori non finirà  più nel 2015 come voleva Fornero ma nel 2016 o 2017. Ci sarà  così più tempo per gestire gli oltre 200 tavoli di crisi industriale con gli strumenti attuali. E, come chiedevano i sindacati, ci sarà  un ampio margine di manovra per trovare le risorse per finanziare l’indennità  «universale». I sindacati saranno accontentati anche sulla indennità  di mobilità : continuerà  a vivere per consentire agli «esodati» anziani di 55-58 anni, una volta finita l’Aspi, la nuova indennità  di disoccupazione, di approdare alla pensione. In cambio la Fornero ha ottenuto un sostanziale benestare sull’impianto complessivo della sua proposta e la disponibilità  a «ristrutturare» — parole di Bonanni — l’articolo 18 con una apertura almeno sulle procedure anche dalla Camusso. Alla fine probabilmente sull’articolo 18 si farà  un po’ di manutenzione, forse con una più specifica definizione della giusta causa e dei motivi disciplinari, dando maggiori poteri al giudice che potrà  decidere (ma entro sei mesi come in Germania) se il lavoratore licenziato ha diritto al reintegro o all’indennizzo economico.
Nel lungo incontro di ieri mattina al ministero del Lavoro, al quale ha partecipato anche il leader dell’Ugl Giovanni Centrella, Fornero a un certo punto si è assentata per convincere i grandi scontenti di questa trattativa, cioè i «piccoli» di Rete Imprese Italia che lamentano un aggravio dei costi del lavoro di 1,2 miliardi. «Se è così noi non potremo firmare» hanno affermato in una nota auspicando «che il ministro comprenda la situazione».
Che la trattativa si avvii verso uno sbocco positivo, dopo quasi tre mesi di discussione, lo dimostra anche l’attivismo del segretario del Pd Pier Luigi Bersani che ieri ha incontrato tutti i rappresentati delle parti sociali per arrivare oggi da Monti con un quadro preciso.


Related Articles

«Centonovantamila Posti di Lavoro il Cantiere di Expo per l’Italia»

Loading

Expo 2015. Il commissario Sala: dieci miliardi di indotto, la metà nel turismo

Antonio Casilli: «I robot non rubano il lavoro. Il cuore dell’algoritmo siamo noi »

Loading

Lavoro digitale. Intervista ad Antonio Casilli, autore di ricerche pionieristiche sul nuovo capitalismo e sulle lotte da Amazon a Uber.

I funerali delle operaie di Barletta: «Ora la verità »

Loading

CGIA/3 MILIONI IN NERO  «Vogliamo giustizia e verità »: i familiari e gli amici delle quattro operaie morte a Barletta nel crollo di una palazzina – Giovanna Sardaro, Matilde Doronzo, Antonella Zaza e Tina Ceci – e della quinta piccola vittima, Maria Cinquepalmi, hanno esposto ieri cartelli e striscioni durante i funerali, officiati nella piazza centrale della cittadina pugliese: presenti tra gli altri i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Camusso, Bonanni e Angeletti.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment