«In carcere senza motivo Pronti a fare causa»

Loading

Un’ambulanza del 118 esce alle 17.49 e porta al Policlinico Alessandro Gallelli, 22 anni, calciatore di San Vittore Olona, in attesa di giudizio per reati minori. Morto con il collo spezzato in una cella del reparto di psichiatria. «Aspettiamo l’autopsia di oggi — precisa l’avvocato della famiglia, Antonio Romano —. Ma non crediamo al suicidio, pensiamo sia stato ucciso e siamo pronti a intraprendere azioni legali». Anche perché «la detenzione non era necessaria», sostiene l’avvocato.
Reati minori, l’accusa: «Una rissa con la Polfer causa un biglietto del treno non pagato, consumo di marijuana, piccole molestie, disturbi psicologici (asocialità ) non accertati dalle perizie» elenca il fratello. «L’hanno messo senza motivo in una cella di pochi metri quadri con il vetro rotto oltre le sbarre. I carabinieri di Cerro Maggiore hanno fatto pressioni — accusa — con rapporti minuziosi, reati mai accaduti, una violenza su una ragazza che non esiste. Non è possibile che si sia ucciso, tra 20 giorni sarebbe uscito per andare in comunità . Voleva rimanere nel mondo del calcio, non morire. Se è andato in carcere lui, ci può finire chiunque. Morti così non deve accadere mai più». Intanto il penitenziario celebra il lutto. Don Alberto riporta: «Ho visto le lacrime negli occhi dei suoi ex compagni di stanza: il carcere distrugge i detenuti».
Giacomo Valtolina


Related Articles

Centomila donne nelle piazze di tutta Italia “Il governo è cambiato, i nostri problemi no”

Loading

 “Da Monti solo sacrifici e niente welfare, ci metta al centro dello sviluppo”. Ventimila manifestano a Roma. Camusso: “Ingiuste le misure dell’esecutivo”. Comencini: “Siamo noi a fare lo Stato sociale”

«Aboliamo le leggi sicurezza». A Roma in migliaia contro i decreti Salvini

Loading

Diritti. Tante e diverse le realtà in piazza ieri a Roma. Ma dal governo nessun segnale di discontinuità

Invecchiare con l’HIV: tra emarginazione, ansia e solitudine

Loading

Una ricerca rivela il disagio della prima generazione di anziani sieropositivi: oggi 1 su 5 ha più di 50 anni. Si sentono isolati, “come i primi uomini sulla luna”, scrive il Guardian. E sentono di più il peso dello stigma sociale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment