Fa’ la cosa giusta La fiera che può cambiare la vita

Loading

Bastava farsi un giro a Fa’ la cosa giusta, la fiera del consumo critico, per scoprire tutto un altro mondo e tutta un’altra città  che già  esistevano. In nove anni la fiera organizzata da Terre di Mezzo è diventata un grande evento internazionale. Un enorme successo giunto ormai alla nona edizione. Lo scorso anno, a pochi mesi dal voto delle comunali, ha coinvolto 750 espositori e ben 70 mila visitatori. E’ questo il popolo arancione che ha cambiato il vento di Milano, e non solo.
Quest’anno però l’aria è davvero diversa. E’ la prima edizione dell’era Pisapia. La conferenza stampa che ha annunciato il lieto evento si è tenuta a Palazzo Marino e durante tutta la tre giorni – tra prodotti bio e pannelli solari – sarà  allestita una agorà  per ascoltare e per farsi sentire dagli assessori della giunta che dialogheranno di giustizia sociale, lavoro, casa, benessere… Il Comune, inoltre, avrà  suoi spazi espositivi dedicati al Bike sharing e al Car sharing. Si tratta di una eccezionale vetrina che i nuovi inquilini di Palazzo Marino non potevano certo disertare. Ma soprattutto Fa’ la cosa giusta è un appuntamento irrinunciabile per tutti quelli che pensano che si possa cambiare la propria vita, senza l’avallo della politica, partendo dal basso, da se stessi, dalla propria etica, dal proprio modo di consumare, produrre, abitare, mangiare, divertirsi, viaggiare… 
Alla nona edizione di Fa’ la cosa giusta ci saranno oltre 700 espositori su un’area di 29 mila metri quadri. Sono in programma 240 appuntamenti culturali. Una sezione speciale è dedicata al tema del turismo consapevole e alternativo, sempre nel rispetto di chi vive e lavora nei paesi che ospitano i turisti (per sopravvivere). Si passa da mete esotiche con particolare attenzione per il Brasile, a borghi sconosciuti ma bellissimi a pochi passi da casa. Da itinerari per sportivi con tanto di salita su una parete per arrampicata, a succulenti itinerari enogastronomici, senza dimenticare le proposte per gite scolastiche educative, per chi vuole muoversi senza stress con lo slow turism, magari su due ruote, e per chi ha pochi soldi. 
«Nove anni fa – afferma Miriam Giovanzana, direttore editoriale di Terre di Mezzo – sembrava di parlare di un mondo lontano quando proponevamo questi temi, oggi non soltanto sono diventati trendy ma sono anche una leva per uscire dalla crisi». Infatti, l’altro filo rosso che da sempre anima Fa’ la cosa giusta è l’attenzione a non ricadere nel girone infernale del consumismo usa e getta a scapito della comunità , dell’ambiente, ma anche del portafoglio sempre più magro in tempi di crisi. E allora ecco i grandi classici. Le auto ecologiche, tutto per ciclisti e bambini, super stand per cibi sani con mille idee per gustarli come si deve e per non sprecare. Il tutto condito da una ampia offerta di attività  pratiche, laboratori e giochi per grandi e piccini. Non si predica cosa si dovrebbe fare in un mondo ideale: lo si fa qui e ora. Ci si gode la vita, alla faccia del consumismo, ma anche dell’austerity, si prova a cambiare il nostro mondo senza aspettare che qualcuno lassù si decida di cambiarlo al posto nostro.


Related Articles

Vivere alla vigilia dell´Apocalisse

Loading

Clima, si moltiplicano gli studi che prevedono il collasso del pianeta. Summit Onu a Nairobi (La Repubblica, MARTEDÌ, 07 NOVEMBRE

Un disastro da clima surriscaldato

Loading

Sandy, l’uragano «post tropicale» che ha investito la costa orientale degli Stati uniti provocando devastazioni a New York, nel New Jersey e in altri 15 stati, riporta alla ribalta l’allarme per il cambiamento globale del clima. Non perché ogni evento estremo come questo sia direttamente «colpa» del riscaldamento dell’atmosfera terrestre – le variazioni estreme della meteo sono sempre esistite. Il punto è che sono sempre più frequenti, e questo sì che si deve al clima.

Guatemala. Le multinazionali e la palma della violenza

Loading

La lotta dei contadini indigeni espropriati delle loro terre per far posto alle monocolture di olio di palma delle multinazionali. L’ex guerrigliero Julio Tut Sub non cede, negli scontri muore un 16enne

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment