Hollande e Gabriel, Leader folgorati dal Pensiero scomodo di Habermas

Loading

Intanto, qualcuno dovrebbe organizzarla, per esaudire il desiderio espresso dallo sfidante di Nicolas Sarkozy in una intervista a due voci pubblicata dallaFrankfurter Allgemeine Zeitung e da Libération. «Lo incontrerei volentieri — afferma Hollande — perché ha detto parole chiare e illuminanti sull’Europa». «Verrei subito anch’io», aggiunge Gabriel. Nel 1985 (e questo era il riferimento storico della domanda) Franà§ois Mitterrand ed Helmut Kohl andarono a fare visita allo scrittore Ernst Jà¼nger, che era stato ufficiale della Wehrmacht a Parigi, scelto come simbolo della definitiva riconciliazione. Erano altri tempi. Oggi, all’epoca di Merkozy, il principale motivo di tensione tra i due Paesi è legato alla campagna elettorale per l’Eliseo. Nel caso che a perdere sia l’attuale presidente.
Ma se è vero che la cancelliera gli fa la guerra, non è detto che Hollande possa trovare una sponda ideologica nelle tesi del filosofo tedesco. Con «vigore giovanile», come ha notato Sergio Romano, l’ottantaduenne Habermas ha scritto in realtà  cose molto scomode su un’Europa che ha bisogno di essere «ridemocratizzata». A suo giudizio, l’unica via possibile è un «governo economico comune» che intervenga sulle condizioni di vita dei cittadini con «un trasferimento ulteriore di sovranità ». Tutto molto lontano dalla mentalità  francese e dalla storica collocazione dei socialisti parigini nella difesa delle prerogative nazionali.
Certo, queste riflessioni sono distanti anche dalle capacità  programmatiche con cui nella sinistra, in Francia e in Germania, si stanno affrontando le novità  emerse con la crisi dell’euro. Hollande vuole rinegoziare il patto fiscale, Gabriel offre ad Angela Merkel i suoi voti, determinanti per approvarlo. Entrambi mettono l’accento, da posizioni di partenza diverse, sulla necessità  di sostenere crescita e occupazione. Per evitare che siano solo slogan e che si continui a navigare a vista, forse sarebbe il caso, veramente, di andare a trovare Habermas.


Related Articles

Ungheria, uno schiaffo alla Clinton

Loading

Cancellata piazza Roosevelt alla vigilia della visita. Gli ex dissidenti: liberaci da questa destra. L’ultradestra esulta per il cambio di nome: ora è dedicata a un politico del 1800 “Nel Paese svolta autoritaria” 

Ennahda in piazza, ma è un flop

Loading

Appena tremila manifestanti in difesa del partito islamista. Slogan contro la Francia

Bo Xilai non cede ma ammette alcune accuse minori

Loading

IL PROCESSO A JINAN
Per un anno e mezzo si è speculato, immaginato scenari e dialoghi, scontri e sotterfugi, sugli eventi che seguirono la morte dell’uomo d’affari inglese Neil Heywood. Allora,

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment