Imu, arriva la stangata sulla casa a Roma e Bologna aumenti oltre il 30%

Loading

I Comuni accendono i motori per la stangata dell’Imu. È la nuova tassa sugli immobili che da quest’anno sostituisce l’Ici e che investe nuovamente – dopo 4 anni – anche la prima casa. Ma su una base imponibile molto più alta. Con effetti allarmanti: a Bologna, sono in arrivo aumenti medi anche del 38% (per la seconda casa), a Roma del 34,1.
DECISIONI ENTRO IL 30 GIUGNO
Già  13 grandi Comuni – rivela un rapporto della Uil Servizio politiche territoriali – hanno deliberato i rincari. Di questi, 7 hanno aumentato le aliquote per prima e seconda casa rispetto a quelle standard fissate dal governo; altri 6 si sono limitati alla seconda. Ma non è che l’inizio, i Comuni approvano i bilanci fino al 30 giugno: è possibile dunque che alcuni Municipi aspettino, per il varo dei rincari, lo svolgimento delle amministrative di maggio. In questo caso, siccome la data del pagamento della prima rata dell’Imu è fissata al 16 giugno, molti contribuenti verseranno solo al momento della seconda rata, il 16 dicembre.
Da Roma a Bologna, da Firenze a Trento, da Cuneo a Salerno, da Reggio Emilia a Ferrara: gli aumenti sono già  stati deliberati. Come è noto le aliquote ordinarie dell’Imu sulla prima casa sono state fissate dal governo al 4 per mille, su queste i Comuni possono apportare un aumento o una diminuzione del 2 per mille; l’Imu sulle seconde case (che da quest’anno assorbe anche l’Irpef sulle seconde case che non si paga più) ha una aliquota standard del 7,6 per mille, aumentabile o diminuibile dai Municipi del 3 per mille. Per completare il quadro bisogna ricordare che la rendita catastale, cioè la base imponibile sulla quale si applica l’aliquota dell’Imu, è stata aumentata rispetto allo scorso anno del 60%. Va anche sottolineato che per la prima casa è stata introdotta una detrazione ordinaria di 200 euro, aumentabile di 50 euro per ogni figlio a carico under 26 fino ad un massimo di 400 euro.
I MUNICIPI HANNO FAME
All’interno di questa griglia d’azione la fame dei Comuni, in difficoltà  per i tagli, si è scatenata. In prima linea, Roma: il sindaco Alemanno ha portato l’aliquota sulla prima casa al 5 per mille e quella sulla seconda e le eventuali altre abitazioni al 10,6 per mille. I calcoli della Uil sono stati effettuati su un proprietario di un appartamento medio di 5 vani, in zona semi periferica, con rendita catastale A/2-A/3. Nel caso di una seconda casa, dove in passato si pagava l’Irpef, il raffronto è stato fatto su un proprietario con un reddito di 90 mila euro annui lordi. Il confronto è impressionate: il proprietario medio pagherà  nella Capitale 639 euro, detrazioni medie comprese, per la prima casa e 1.885 per la seconda. In pratica rispetto alla aliquota base del 4 per mille, il rincaro sarà  del 38,6%. Per la seconda casa, invece, rispetto allo scorso anno, l’aumento sarà  del 34,1%. Non va dimenticato che Roma ha l’addizionale Irpef più alta d’Italia, allo 0,9%, e rischia così di diventare la Capitale delle tasse.
Le tabelle di questa pagina danno la misura dei rincari città  per città . Si tratta dei capoluoghi di provincia – 13 su 104 – ma aumenti si segnalano in ordine sparso anche nei centri più piccoli e solo a consuntivo si potrà  verificare quanti degli 8.000 Comuni italiani hanno aumentato la pressione fiscale.
VITA DURA ANCHE IN EMILIA
A Bologna, dove sembra confermata l’aliquota del 4 per mille per la prima casa, la sorpresa sarà  per la seconda: si passerà  dai 1.266 euro comprensivi di Irpef del 2011 ai 1.747 euro di quest’anno con un rincaro medio del 38%. Stessa situazione a Firenze dove il rincaro della seconda casa (aliquota portata ugualmente al 10,6 per mille) sarà  del 36,1%. Non si scherza a Parma dove scatta la doppia aliquota a livelli assai alti (6 per mille la prima e 10,6 la seconda): i rincari saranno del 49,4 e del 35,2%. Da segnalare infine la città  amministrata dal presidente dell’Anci, Del Rio: anche Reggio Emilia non sfuggirà  agli aumenti, giacché per la prima casa l’aliquota è stata portata al 5 per mille e per la seconda al 9,6 per mille.


Related Articles

I mercati nel tempio

Loading

Dopo l’accettazione della proposta franco-tedesca di cooperazione rafforzata per l’introduzione di una tassa sulle transazioni finanziarie (Ttf), con l’Italia tra gli ultimi paesi ad aver aderito, la corazzata delle lobby finanziarie italiane ha attraccato al tempio della politica per affossare la tassa: banche, trader, fondi di gestione, sim, sicav, assicurativi, e tutte le loro associazioni di categoria.

UNA LETTERA PER LA CAMUSSO CHE ARRIVA DA LONTANO

Loading

Quando il sindacato mette al primo posto del suo programma la disoccupazione vuol dire che si è reso conto che il problema è angoscioso e tragico e che ad esso debbono essere sacrificati tutti gli altri obiettivi.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment