Romania e Bulgaria nell’area Schengen i Tanti Sì (con Riserva) dell’Europa

Loading

Spiegazione ufficiosa, avvalorata anche a Bruxelles: la Romania risponde come può all’Olanda, che da sempre — come altri — si oppone al suo ingresso nell’area di Schengen. Cioè in quella vasta parte d’Europa dove, ormai dal 1985, alle frontiere non viene più richiesto alcun passaporto. 
Pure per la Bulgaria, la porta è ancora chiusa. Anche se la promessa di aprirla è stata ribadita in quasi tutti i vertici comunitari (l’ultimo il primo marzo 2012, 26 sì su 27, unico veto dichiarato l’Olanda: se ne riparla a giugno), anche se i due Paesi sono membri dell’Ue ormai da anni, anche se la Commissione europea verifica periodicamente l’azione dei loro governi in tema di corruzione. Le promesse ideali sono bellissime, e per la Ue questa rimane una delle più importanti, ma tradurle in fatti può essere molto difficile: l’allargamento dell’area Schengen richiede il sì unanime di tutti i Paesi membri, mentre i contrari — apertamente o no — sono diversi. Olanda apertamente, la Finlandia un po’ meno, poi Nicolas Sarkozy che ha imperniato il suo programma elettorale «Francia Forte» sul rafforzamento dei controlli alle frontiere e minaccia di abbandonare Schengen se così non sarà , poi ancora altri Paesi più defilati. Romania e Bulgaria non fanno abbastanza per fermare la corruzione, dicono i guardiani che sbarrano la porta. Ma il motivo vero del loro «no» è un altro, e tutti lo sanno. Dietro Bucarest e Sofia, con i loro confini ben poco blindati, ci sono la Repubblica Moldava, l’Albania, tutti i Balcani, la Turchia. 
Ci sono le grandi ondate migratorie dall’Oriente. Quelle ondate premono già  alla frontiera greco-turca, dove si sta costruendo un muro antiprofughi. E i guardiani alla porta di Schengen, che il loro sia solo egoismo o pragmatico realismo, temono lo sfondamento. La Ue è nata dal germoglio della solidarietà  comunitaria: un ideale fra i tanti, che però a volte non può spalancare da solo una frontiera agli uomini, e neppure ai tulipani di Haarlem.


Related Articles

La politica dei respingimenti

Loading

Ci sono tanti luoghi ai quali l’osservatore delle cose italiane dovrebbe guardare in questi giorni: Milano e Napoli, per esempio, ma anche le piazze finanziarie e le capitali europee dove si affrontano i problemi del debito italiano e si dettano le regole che dovranno governare la nostra economia. Ma il luogo sul quale oggi si concentra l’attenzione dell’informazione politica è un piccolo comune in provincia di Bergamo con un nome che risvegliava un tempo solo gli echi scolastici di una brutta poesia di Guglielmo Berchet: Pontida

Se questo è un ministro. Nave Diciotti, Salvini indagato attacca i magistrati siciliani

Loading

Governo. Il ministro indagato per sequestro di persona aggravato. Bonafede difende i pm

Sekine ammazzato tra le baracche

Loading

Rosarno. Il giovane bracciante maliano avrebbe ferito un carabiniere, che poi per difendersi gli ha sparato all’addome. La vita durissima dei raccoglitori nella tendopoli di San Ferdinando, le nuove leggi non bastano

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment