S’impicca per crisi un imprenditore agricolo nel Trevigiano

Loading

Un imprenditore agricolo di Altivole (Treviso), Paolo Tonin, 53 anni, si è ucciso nella sua azienda ieri. L’uomo si è impiccato nel capannone attiguo all’abitazione. Secondo i familiari, il suicidio è da collegare alla difficile situazione economica in cui versava l’impresa. A fare la scoperta ieri mattina è stato il figlio di Tonin. L’uomo, che lascia la moglie e quattro figli, due dei quali lavorano nell’azienda, di recente aveva acceso un mutuo per la casa e per il nuovo capannone. Ad aggravare la sua situazione economica anche la siccità  delle ultime settimane che aveva compromesso il raccolto di asparagi. I carabinieri di Castelfranco – intervenuti dopo la chiamata dei familiari – non hanno trovato nessun biglietto di spiegazione del gesto. Agli amici l’uomo aveva confidato i gravi problemi finanziari ai quali non riusciva a trovare una soluzione. «Dum ea Romani parant consultantque… in Veneto gli imprenditori continuano a togliersi la vita», ha commentato l’assessore regionale all’agricoltura, Franco Manzato, alla notizia dell’ennesimo suicidio di un imprenditore veneto. E Federcontribuenti ha presentato un esposto alla procura di Roma per chiedere di »svolgere le opportune indagini volte ad accertare se nell’ormai dilagante fenomeno dei suicidi di contribuenti siano riscontrabili personali responsabilità , a qualsiasi livello, da parte di coloro che, ricoprendo ruoli istituzionali, avevano il dovere di impedire che tali fatti si verificassero«. L’associazione calcola che nel 2011 siano stati oltre 100 i suicidi di imprenditori e lavoratori a causa dei debiti, e almeno 11 dall’inizio dell’anno. Nell’esposto si cita tra l’altro »la politica di austerity decisa dal governo« come possibile concausa dei suicidi.


Related Articles

A New York archiviata la «war on drugs»

Loading

L’approdo politico di Ungass 2016 l’ha riassunto il Segretario di Stato statunitense, William Brownfield: riformare le politiche all’interno della «flessibilità» delle Convenzioni, ridimensionare l’approccio penale, puntando sui reati violenti di traffico e tralasciando i reati minori non violenti e il consumo, cui si addice l’intervento sanitario, non la risposta carceraria

Sovraffollamento, «parole sante» dal vertice della Cei

Loading

CHIESA E CARCERI
La situazione «delle carceri e dei carcerati» è giunta «ai limiti della sopportazione umana», ma la politica continua ad essere sorda, cieca e incapace di agire, come se si trattasse di «problemi marginali» che riguardano solo poche persone e non invece «l’intera società».

“L´indulto non ha cambiato nulla le carceri restano un dramma”

Loading

Il rapporto Antigone: pagelle per le prigioni migliori e peggiori (La Repubblica, 13 novembre 2006, Pagina 16 – Cronaca)

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment