La svolta Ue di Barack

Loading

Già  al G8 di Camp David di una decina di giorni fa, il presidente degli Stati Uniti aveva rovesciato tre anni e mezzo di dottrina strategica: a lungo le sue priorità  erano state la Cina, l’Afghanistan, l’Iran e semmai la Russia. L’Europa seguiva a qualche lunghezza di distanza. Non più. L’avvitamento dell’area-euro è tale che la Casa Bianca ha iniziato non solo a guardare con attenzione, ma anche a cercare di esercitare una pressione. Lo scenario di una deriva della Grecia fuori dall’area monetaria, il rischio di una spirale di panico in Spagna, la fuga di capitali verso la Germania sono pericoli anche per gli Stati Uniti. Un’uscita di Atene dall’euro può far sembrare il crac di Lehman un evento minore e rigettare in alto mare la ripresa sulla quale conta Obama per vincere un secondo mandato. Per questo il presidente la settimana scorsa ha parlato con vari leader europei, fra i quali Mario Monti, per cogliere il senso reale dell’ultimo vertice di Bruxelles. È la sua (nuova) strategia dell’attenzione. Quella dell’influenza, immancabilmente, è seguita con il vertice a distanza di ieri. E continuerà  in futuro.


Related Articles

Bernstein difende Woodward “Il Post ha paura dei suoi scoop”

Loading

 Il cronista del Watergate contro il suo ex giornale: “Teme Murdoch”   

Iraq. Lavoratori più poveri e senza diritti, lo sfruttamento trionfa

Loading

#mediorientexpress. Sindacati troppo deboli, l’unica è scioperare. Ma chi lo fa viene accusato di terrorismo. I bambini sfruttati sono la norma. E la pandemia produce altri due milioni di disoccupati

è scontro tra ONG e Viminale sul Codice per i salvataggi

Loading

Migranti. Le organizzazioni contestano le nuove regole volute da Minniti Venerdì nuovo incontro con le proposte di modifica al testo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment