Tasse restituite troppi Passi indietro ma la soluzione c’è

Loading

Soprattutto perché arriva in un momento estremamente delicato in cui il dramma degli «uomini dimenticati» e delle loro vedove si impone con la forza dei suoi sentimenti e delle sue immagini. È l’antropologia della crisi che si prende la rivincita sullo spread e su tutte le forme di misurazione tecnica/asettica della crisi. Però, se si vuole davvero dare un segnale di rassicurazione e invertire almeno parzialmente il mood del Paese, il vero nodo che il governo Monti è chiamato nei prossimi giorni a sciogliere riguarda i mancati pagamenti della pubblica amministrazione alle piccole imprese. Quante volte ne abbiamo scritto? Stento a ricordarlo ma purtroppo il macigno è ancora lì. Il 19 aprile scorso si è tenuta a Roma un’importante riunione alla quale hanno partecipato il ministro Corrado Passera e i vertici dell’Associazione bancaria. Al termine di quella seduta, sulla base forse di qualche fraintendimento, era sembrato che (quasi) tutto fosse risolto. L’impressione di oggi non è la stessa e non solo per la mera constatazione che da allora sono passati 15 giorni e niente di risolutivo è accaduto. Pare di capire che esistano ancora delle opinioni differenti. Come è noto non è sufficiente un accordo tra banche e imprese, c’è bisogno anche che il governo emani dei decreti attuativi che convalidino la certificazione dei crediti, estendano l’intervento del Fondo di garanzia nei confronti dei mancati pagamenti della pubblica amministrazione e che, infine, regolino la delicata questione della compensazione tra debiti delle imprese verso il fisco e crediti. E proprio il fatto che quest’ultimo tema abbia in qualche modo diviso il governo da uno dei maggiori partiti che lo sostiene (il Pdl) ha rallentato la soluzione del problema. Il risultato è che le banche sono diventate più sospettose sulla reale volontà  dell’esecutivo di offrire garanzie e tutta la catena decisionale si è fermata. Ma chiunque abbia la testa sulle spalle capisce che non ci possiamo permettere un ulteriore stop. Ed è stato giusto quindi avviare un negoziato parallelo con Bruxelles per evitare un aumento anche solo contabile del debito pubblico.


Related Articles

Ecco il nuovo lavoro, 50 anni dopo

Loading

Mezzo secolo fa la commissione d´inchiesta. Epifani: è ora di ripeterla

Egitto. 17mila operai tessili in sciopero

Loading

Egitto. Mobilitazione totale nel distretto di Mahalla al-Kubra, dove si concentrano le aziende tessili, da sempre precursore dei movimenti egiziani

Fibra ottica al 50% delle famiglie nel 2016 Piccoli centri e periferie senza internet veloce

Loading

ROMA — Parte la corsa per dare internet super veloce almeno a una famiglia su due. Telecom Italia ha cominciato infatti a puntare con forza in questa direzione, accelerando gli investimenti sulle reti di nuova generazione: in tutto 2,7 miliardi di euro dal 2014 al 2016, per coprire il 50 per cento della popolazione telefonica con la fibra ottica (con 1,8 miliardi di euro) e l’80 per cento con le reti mobili 4G (900 milioni di euro).

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment