Separazioni in aumento: 88 mila nel 2010

Loading

La durata media del matrimonio al momento dell’iscrizione a ruolo del procedimento risulta pari a 15 anni per le separazioni e a 18 anni per i divorzi. L’eta’ media alla separazione e’ di circa 45 anni per i mariti e di 42 per le mogli; in caso di divorzio raggiunge, rispettivamente, 47 e 44 anni. Questi valori sono in aumento per effetto della posticipazione delle nozze verso eta’ piu’ mature e per l’aumento delle separazioni con almeno uno sposo ultrasessantenne.

La tipologia di procedimento maggiormente scelta dai coniugi e’ quella consensuale: nel 2010 si sono concluse in questo modo l’85,5% delle separazioni e il 72,4% dei divorzi. La quota di separazioni giudiziali (14,5%) e’ piu’ alta nel Mezzogiorno (21,5%) e nel caso in cui entrambi i coniugi abbiano un basso livello di istruzione (20,7%). Il 68,7% delle separazioni e il 58,5% dei divorzi hanno riguardato coppie con figli avuti durante il matrimonio. L’89,8% delle separazioni di coppie con figli ha previsto l’affido condiviso, modalita’ ampiamente prevalente dopo l’introduzione della Legge 54/2006.

Nel 20,6% delle separazioni e’ previsto un assegno mensile per il coniuge (nel 98% dei casi corrisposto dal marito). Tale quota e’ piu’ alta nelle Isole (24,9%) e nel Sud (24,1%), mentre nel Nord si assesta sul 17%. Gli importi medi, invece, sono piu’ elevati al Nord (520,4 euro) che nel resto del Paese (447,4 euro). Nel 56,2% delle separazioni la casa e’ stata assegnata alla moglie, mentre appaiono quasi paritarie le quote di assegnazioni al marito (21,5%) e quelle che prevedono due abitazioni autonome e distinte, ma diverse da quella coniugale (19,8%).

(DIRE)

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Un cimitero per feti, la scelta di Renzi spacca i democratici

Loading

La legge in vigore – il dpr 285 del 1990 – lo prevede. E a Firenze, nel grande cimitero comunale di Trespiano, già  dal 1996 esiste di fatto una piccola area specificamente destinata al seppellimento dei feti.

L’ultimo tabù degli italiani Il silenzio sul milione di bambini che vive in povertà assoluta

Loading

Persino nella rissosa lotta politica è rimasto quest’ultimo tabù: la paura di ammettere che in Italia ci sono situazioni che una volta definivamo da «Terzo mondo» e che non coinvolgono solo ragazzi stranieri

“Capire gli attentati a Equitalia” E su Grillo è bufera bipartisan

Loading

Il comico: condannare non basta. Befera: questa battuta non fa ridere. Solidarietà  alla società  per la riscossione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment