Fiat, soluzione Mazda per Pomigliano o Melfi

Loading

TORINO – Un aiuto dal Giappone. Un aiuto per risolvere i dilemmi che da qualche settimana attanagliano i vertici del Lingotto alle prese con il passaggio piຠdifficile della crisi: come affrontare il drammatico calo di vendite in Europa senza sacrificare altri stabilimenti italiani dopo Termini Imerese. Finora il problema è stato risolto grazie agli strumenti del tanto vituperato welfare europeo: un uso massiccio della cassa integrazione e la mobilità  per i dipendenti siciliani. Ma è chiaro che questa soluzione da sola non basta. Investire ora con il mercato basso, dice Marchionne, è molto pericoloso. Bisognerebbe avere molti soldi da rischiare (come i tedeschi) o una buona dose di incoscienza. Soprattutto se si tratta di investire sui modelli che tradizionalmente sono il core business di Torino, a partire dalla Nuova Punto. L’annuncio di alcuni mesi fa del rinvio dell’investimento sull’utilitaria, indirettamente confermato dalle indiscrezioni di ieri, è la dimostrazione che a Torino ci si comporta in questo momento come il bagnante che mette il piede nell’acqua e torna sulla spiaggia temendo che sia troppo fredda.
In questo quadro di oggettiva difficoltà  Marchionne deve produrre entro il 30 ottobre (data di presentazione dei risultati trimestrali) un progetto credibile per i quattro stabilimenti italiani in grado di addolcire la pillola della fine di Fabbrica Italia, il piano del 2010 ormai troppo ambizioso. In queste settimane di lavoro in America, l’ad del Lingotto starebbe studiando l’ipotesi di rendere piຠforte l’accordo annunciato il 23 maggio con i giapponesi della Mazda. Che attualmente prevede la realizzazione del nuovo Alfa Duetto nella fabbrica di Hiroshima ma che, si dice in questi giorni a Detroit, sarebbe solo l’inizio di una collaborazione piຠampia. «La Ford ha commesso un errore a rompere l’alleanza con Mazda», dicono i vertici di Auburn Hill. L’ultima auto prodotta dalla decennale joint venture è uscita dalle linee di montaggio americane due giorni fa. Con lo yen forte alla casa nipponica conviene produrre fuori dal Giappone ed è un fatto che oggi Mazda non ha una base produttiva europea a differenza degli altri costruttori del Sol levante. Produrre utilitarie negli stabilimenti italiani della Fiat potrebbe dunque essere una soluzione interessante. 
L’ipotesi consentirebbe al Lingotto di ridurre in parte significativa il problema della sovra capacità  produttiva installata in Italia che rispetto al piano 2010 è di un milione di vetture e che ancora oggi sarebbe molto superiore al mezzo milione. È noto che nelle settimane scorse una delegazione Mazda ha visitato Pomigliano anche se quello campano non è l’unico stabilimento candidato ad ospitare la produzione giapponese. Melfi, dove si realizza la Punto potrebbe essere un’alternativa, soprattutto se prendesse piede l’ipotesi di dividere con Mazda i costi di realizzazione dell’architettura della nuova utilitaria. La Fiat potrebbe così scambiare le conoscenze sulle tecniche giapponesi in fatto di flessibilità  degli impianti produttivi, che consentirebbero già  oggi di produrre modelli di architetture diverse sulla stessa linea.In caso di joint venture sulla progettazione della nuova utilitaria, si potrebbe anche ipotizzare il ventilato slittamento del lancio al 2015.
La carta giapponese non servirà  da sola a risolvere tutti i problemi della Fiat ma potrebbe diventare una parte importante del nuovo piano che Marchionne sta studiando per l’Italia. Il resto dovrebbe farlo una ripresa anche non clamorosa del mercato, in particolare quello italiano che non potrà  rimanere per molti anni sotto la soglia del milione e mezzo di auto vendute nell’anno.


Related Articles

La crisi globale, dieci anni dopo

Loading

Nel 2008 siano giunti al pettine i nodi di una crisi che ha le proprie radici negli anni Settanta, quando si affermano la dottrina liberista e i processi di finanziarizzazione dell’economia

E Volkswagen lancia l’offensiva 140 nuovi modelli entro il 2014

Loading

PARIGI — Sullo schermo compare il volto emozionato di Diego Fernandez Juerta, giovane operaio portoghese, che illustra le meraviglie del sistema di formazione professionale dell’azienda: «Io l’ho provato e mi sono trovato molto bene». Di fianco a lui il responsabile della formazione del gruppo Volkswagen, sostiene che «purtroppo non in tutta Europa si realizza una formazione che unisce il lavoro manuale con l’apprendimento teorico».

Pensioni, tre mesi in più al lavoro

Loading

Per le donne l’ipotesi della soglia dei 65 anni. Salgono i contributi dei precari

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment