Gelo del Cavaliere: ora anche lui sa che cosa provo io

Che ieri se ne stava a Villa la Certosa e che, in pubblico, si è fatto sentire solo con una nota sul caso Sicilia. Un silenzio prevedibile: «E che doveva dire?», allargano le braccia i suoi. Ma che dà  il la al solito copione: quello di un Pdl che si divide almeno in due filoni. Da una parte, si schiera la maggioranza del partito (in particolare i vertici) di provenienza ex forzista, pronta a dare la solidarietà  al capo dello Stato in primo luogo con Gianni Letta che a portarla va direttamente al Quirinale, di persona (Alfano interverrà  con una nota solo in serata). Dall’altra c’è una vasta minoranza che con tutti gli ex An reagisce con gelida freddezza, se non con ostilità . Infine, ci sono i pasdaran: spicca Daniela Santanchè, che accusa Napolitano di aver «sospeso la democrazia» e gli chiede di «richiamare Berlusconi», ma anche Sandro Bondi avverte che il capo dello Stato «non può essere esente da critiche». Nel variegato tono delle dichiarazioni, spicca però la richiesta di tutti, fatta con toni duri: è tempo di varare una legge sulle intercettazioni, che per dirla con Mariastella Gelmini «da dieci anni chiediamo, mentre le anime belle arrivano solo ora a dire che servirebbe per impedire questi abusi». Insomma, la linea dettata da Palazzo Grazioli è chiara: okay alla solidarietà , che non si può far passare il Pdl come il partito che spara sul capo dello Stato, no alla genuflessione però. Con l’obiettivo di portare a casa almeno un risultato: la legge sulle intercettazioni appunto, o almeno la consapevolezza che i giudici, come predica Berlusconi, possono essere veri persecutori quando vogliono. E questo è il pensiero che ieri ha esternato l’ex premier a chi gli ha parlato: «Mi dispiace per Napolitano, ovviamente io non c’entro niente con quello che scrivono i miei giornali, dal Giornale a Panorama», il cui scoop, secondo quanto giurano dal gruppo, Berlusconi avrebbe scoperto solo a settimanale già  in stampa. E però, ha aggiunto l’ex premier con malcelata soddisfazione ai suoi interlocutori, adesso «anche Napolitano si accorgerà  che cosa vuol dire stare sulla graticola, essere alle mercé di pm pronti a tutto, essere esposti alla gogna delle intercettazioni. Quando la chiedevo io una legge mi hanno boicottato in tutti i modi, e dal Quirinale non ci hanno aiutato…». Insomma, Berlusconi potrebbe anche non aver dato l’okay in anticipo perché il pezzo fosse pubblicato su Panorama, ma quell’area del partito pronta allo scontro sapeva benissimo che da lui non sarebbero arrivate scomuniche. Perché, per dirla con un big di via dell’Umiltà  «nel Pdl c’è chi rappresenta la pancia di Berlusconi e chi la testa, sempre». E se ieri da Bondi alla Santanchè a Bianconi («Adesso Napolitano non passi per vittima») hanno fatto capire il vero umore del Cavaliere, da Letta a Lupi, si è mossa la diplomazia: litigare con il capo dello Stato, passare per destabilizzatori, assumersi le responsabilità  di un attacco che parte «da sinistra e dalle loro divisioni» come Cicchitto, è una azione autolesionista che «non può giovare a Berlusconi, in ogni caso». Per questo la missione al Colle di Gianni Letta, che quando ha appreso delle anticipazioni di Napolitano si è letteralmente infuriato, è diventata necessaria per rimettere in carreggiata il partito e per ricucire ancora una volta i difficili rapporti tra il capo dello Stato e il Cavaliere. Che potrebbe essere soddisfatto, come ammettono i suoi, per l’indebolimento dell’immagine (e della capacità  di incidere sui prossimi scenari post elettorali) del presidente della Repubblica, ma che «in un momento tanto difficile per lui dal punto di vista elettorale, economico e giudiziario» ha bisogno di «tranquillità , non di nemici giurati». Paola Di Caro


Related Articles

Dialetto, danze popolari e fondi pubblici l’utopia mangiasoldi della scuola padana

La legge-mancia di Berlusconi e gli assegni di Belsito usati per coprire i buchi in bilancio La moglie di Bossi è onnipresente: ogni giorno passa per le classi e controlla i quaderni dei bambini 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment