Ilva, adesso i sindacati temono il blocco della produzione

Loading

I provvedimenti parlano del sequestro degli impianti ai fini del risanamento e della messa in sicurezza. Nessuno ha mai pensato alla facoltà  d’uso. Non è un termine che compare ma si parla di utilizzo a quei fini». Eppure l’Ilva, ancora oggi, continua il suo ciclo produttivo seppur al 70% delle sue potenzialità . Anche per questo, dopo la notifica avvenuta ieri in azienda dell’atto in merito al vertice di sabato scorso, gli ingegneri e custodi giudiziari Valenzano, Laterza e Lofrumento, hanno accelerato i tempi per redigere il crono-programma che darà  immediata esecuzione alle indicazioni del procuratore capo Sebastio, per eliminare del tutto le emissioni inquinanti del siderurgico. I custodi dovranno valutare, impianto per impianto, le soluzioni migliori per non compromettere la funzionalità  degli impianti e per «consentire, in ipotesi, la ripresa dell’operatività  dei predetti, in condizioni di piena compatibilità  ambientale». Né più né meno di quanto ordinato dal Gip Patrizia Todisco e ribadito dal Tribunale del Riesame. Ma se il Gruppo Riva tace, in attesa che la Cassazione si pronunci sulla richiesta di revoca dei domiciliari per Emilio e Nicola Riva, gli altri soggetti interessati hanno iniziato a sentire puzza di bruciato dopo il vertice di sabato. Nel quale è stato ipotizzato il blocco dell’ingresso di minerali nei parchi del siderurgico, onde evitare il continuo accumulo negli oltre 70 ettari dell’area, dalla quale proviene la polvere che investe quotidianamente la città  di Taranto e il rione Tamburi, distante poche centinaia di metri. I primi ad intervenire sono stati i sindacati metalmeccanici Fim, Fiom e Uilm, che hanno chiesto un incontro ai custodi per capire come interverranno sui parchi. I custodi nel vertice di sabato hanno definito insufficiente il progetto di barrieramento dell’area che l’azienda, con il placet di Comune, Provincia, Regione e sindacati, ha avviato nel mese di luglio e che dovrebbe completarsi nel 2013. I custodi pensano infatti alla copertura dei parchi come unica soluzione per risolvere in via definitiva un problema che dura da decenni. Quest’operazione comporterebbe però un investimento a nove zeri per il Gruppo Riva, da sempre contrario a tale soluzione. Inoltre, i sindacati sostengono come la giacenza del minerale attualmente presente nei parchi, permetterebbe all’azienda un’autonomia produttiva di appena 20 giorni: dopo di che il siderurgico sarebbe costretto a concludere il suo ciclo produttivo. Il blocco dell’arrivo del minerale, avrebbe ripercussioni anche per le attività  del porto di Taranto, che attualmente stima in 65-70% il traffico annuale di navi che approvvigionano di materia prima l’Ilva. Anche per questo il presidente dell’Autorità  Portuale, Sergio Prete, è alla ricerca di soluzioni alternative per diversificare le attività  dello scalo ionico. Intanto proprio oggi la commissione Ippc-Aia analizzerà  la situazione dei parchi. Che sono il nucleo centrale dell’intera vicenda: perché questo comporterebbe anche un’altra conseguenza, non di poco conto per il Gruppo Riva. Ovvero acquistare il coke invece di produrlo: dunque ulteriori pesanti investimenti per l’azienda.


Related Articles

Critiche e rimedi per le politiche di cooperazione

Loading

L’idea di «aiuto pubblico allo sviluppo, così come l’abbiamo conosciuto negli ultimi cinquant’anni: unidirezionale, dall’alto, asimmetrico, assistenziale», è ormai esaurita, archiviata dalla crescita di una società  civile globale sempre più attiva e sempre meno disposta ad accettare le retoriche dell’aiuto, e dalla «radicale ridefinizione delle categorie di Nord e Sud del mondo».

Gamberale mette nel mirino Serravalle e Sea

Loading

Il fondo F2i punta 400 milioni sul 18% delle autostrade e il 20% di Linate-Malpensa.  La giunta milanese alla ricerca di fondi dovrà  decidere se bandire un’asta entro dicembre 

“Attenti ai derivati, serve trasparenza”

Loading

Richiamo della Corte dei Conti al Tesoro: strumenti aleatori

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment