LA VITA DI UN OPERAIO «VALE» 1.900 EURO

Loading

Il padre del giovane ha incontrato a Bondeno il presidente della Commissione d’inchiesta sugli infortuni sul lavoro del Senato. «Ai familiari delle persone morte sul lavoro – ha riferito Bruno Cavicchi – non spetta nessuna somma di denaro se il parente deceduto, in questo caso mio figlio, non contribuisce al sostegno della famiglia». Il giovane operaio (morto assieme a un collega, Leonardo Ansaloni) non era padre di famiglia, non aveva moglie e figli da mantenere. «Sto pensando di portare quell’assegno al prefetto», ha aggiunto il padre. La replica dell’Inail parla dei vincoli del T.U. 1124 del 1965. «Una legge di quasi cinquant’anni fa, che senza dubbio non può tener conto di cambiamenti significativi intervenuti sia nel lavoro sia nella famiglia».


Related Articles

Pil, soltanto Cipro peggio di noi A Bruxelles piano da 40 miliardi

Loading

Palazzo Chigi: calo atteso. Investimenti dalla banda larga alla «buona scuola»

“Così Fiat ha un impianto di troppo in Italia”

Loading

Marchionne: indirizzare la produzione negli Usa. E il Lingotto sale al 61,8% di Chrysler

Sfiduciati o a caccia I senza lavoro sono sei milioni

Loading

Chef superstar, e non solo dietro ai fornelli dei loro ristoranti stellati ma ospiti in tv, autori di libri o artefici di trasmissioni che bucano il video. Questa nuova «visibilità» di una professione antica come quella del cuoco influenza di certo le aspirazioni di tanti giovani che soprattutto in un momento di difficoltà economica e di instabilità come quello attuale sognano un futuro (ben pagato) in cucina.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment