Giornalisti, l’ordine non può difendere la «falsità  di stampa»

Loading

Ho inviato una lettera al presidente dell’Ordine dei giornalisti d’Abruzzo, dove sono iscritto da oltre dieci anni, dicendogli che faccio fatica a riconoscermi come iscritto, se giornalista significa usare la libertà  di stampa e di informazione come ha fatto il giornale Libero. Anch’io ritengo assurdo e inaccettabile l’arresto per il reato di diffamazione a mezzo stampa; anch’io ritengo che questo reato debba essere punito con il risarcimento alla parte offesa e con la rettifica. Ma scendere in piazza dietro la bandiera della libertà  di stampa in difesa di chi la calpesta non mi sta bene. Perché, sapendo di mentire, sul giornale Libero, all’epoca diretto da Sallusti, è stato pubblicato un articolo dal titolo «Dramma di una tredicenne, giudice ordina l’aborto»: storia non vera, una ricostruzione dei fatti tutta inventata, in malafede perché era già  stata smentita anche da Ansa e Tv. Ovvio che l’arresto per un articolo è cosa mostruosa ma se scrivendo si compie un falso e si diffama è altrettanto ovvio che questo è un reato e va punito: a tutela di un diritto di tutti, perché i giornalisti non hanno alcun diritto in più degli altri cittadini.
L’articolo pubblicato da Libero non è affatto espressione di quel diritto fondamentale che è la libertà  di stampa, al contrario nega e offende la libertà  di pensiero. È forse un’opinione scrivere che dei magistrati alleati e concordi con padre e madre e medici assassini avevano estirpato e ucciso una creatura dal grembo della madre? È libertà  di pensiero invocare la pena di morte per questi giudici, medici, genitori?
Alla luce di ciò, mi è davvero difficile ritrovarmi nelle dichiarazioni dei tanti che parlano di sentenza devastante per la libertà  di stampa, e nello stesso tempo non condannano con altrettanta chiarezza il fatto che ha scatenato la vicenda: la pubblicazione di una falsa notizia. Chiarezza che andava fatta già  all’indomani della pubblicazione di questo falso. Affinché la protesta contro una legge ingiusta sia credibile occorre pertanto che sia accompagnata dall’affermazione che chi scrive il falso e chi diffama, chi usa l’informazione per ben altri scopi, non è un giornalista e che per questo deve essere cancellato dall’Ordine e punito in base a una giusta legge (non certo il carcere). Il principio «il giornalista ricerca la verità  e non manipola i fatti per interessi di parte» è scritto nel nostro Dna di giornalisti, e io, se non viene ribadito, ho sempre più difficoltà  a sentirmi iscritto e parte dell’Ordine dei giornalisti.
*direttore di Voci di Dentro


Related Articles

Strasburgo vuole spaccare Google

Loading

L’Europarlamento chiede di separare le attività del motore di ricerca dagli altri servizi

Diffamazione, bavaglio alla stampa

Loading

Sparisce la reclusione per i giornalisti ma in cambio la nuova legge prevede multe da migliaia di euro, rettifiche senza diritto di replica, “oblio” che cancellerà i fatti. Scatta una raccolta di firme contro

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment