La giustizia minorile che discrimina: misure alternative precluse agli stranieri

Loading

RIVA DEL GARDA (Tn) – C’è ancora un forte problema di discriminazione nella giustizia minorile, che nega l’accesso alle misure alternative agli autori di reato quando sono stranieri. È quanto emerso dal convegno “La tutela di minori”, in corso fino a sabato a Riva del Garda
“I dati ci dicono che oltre l’80% dei casi di messa alla prova riguarda italiani – evidenzia Nicoletta Pavesi, dell’Università  Cattolica di Milano – e che la percentuale di minori stranieri presenti in carcere è molto maggiore rispetto alla percentuale di minori stranieri autori di reato. Questo significa che per questi ragazzi la detenzione è la scelta privilegiata”. Ma non la scelta migliore: “Sappiamo che il percorso in carcere è stigmatizzante e spesso non solo non rieduca, ma spinge verso altre forme di criminalità ”. Al contrario, l’esperienza delle comunità  e dell’affiancamento nella rieducazione hanno dimostrato di funzionare, ma sono off limits. 

“Il minore straniero si trova al centro di un sistema discriminatorio e poco tutelante e la sua condizione di vulnerabilità  e svantaggio sociale viene peggiorata da un clima culturale di chiusura – sottolinea don Claudio Burgio, cappellano dell’istituto penale per i minorenni Beccaria di Milano e fondatore dell’associazione Kayròs -. I minori stranieri non accompagnati sono tra i più esposti alla scelta della carriera deviante come esito del parziale o totale fallimento del percorso di integrazione. L’illegalità  è all’origine del loro progetto migratorio e ciò li rende particolarmente ricattabili”. Buone pratiche in questo senso si stanno diffondendo, come quelle dell’associazione Kairòs, che gestisce una comunità  per minori e avvia progetti di forte integrazione con il territorio, con la promozione della cittadinanza attiva. “Possiamo contare per ora solo sul privato sociale, sul volontariato e sull’impegno dei singoli operatori – conclude Pavesi -, ma non su un impegno integrato da parte delle istituzioni, perchè manca attenzione su questo aspetto prima ancora delle risorse. Ma una società  che non promuove la legalità  tra le nuove generazioni è destinata a fare una brutta fine”. (gig)

 © Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Addetti al non profit, utili idioti? La denuncia di Capodarco

Loading

Il presidente della Comunità, don Vinicio Albanesi, nel suo blog: ”Volontari ormai marginali rispetto alle politiche sociali. E nella società

No cannabis club a Torino, siamo italiani

Loading

All’alba del 18 agosto la procura ordina una irruzione al Centro sociale Gabrio, trovandovi 60 piante di marijuana e una modesta quantità di foglie essiccate. Due persone denunciate ex articolo 73 della legge sugli stupefacenti e sequestro delle piante

Carcere, la latitanza di Monti

Loading

Un mese fa, il 22 ottobre, è iniziato un digiuno collettivo che ha già  coinvolto decine di esponenti delle associazioni che si occupano di giustizia e del carcere, del volontariato, avvocati e operatori penitenziari, tanti garanti dei diritti dei detenuti ed esponenti della società  civile. La richiesta al Governo è semplice: subito un decreto legge per far cessare nelle carceri italiane la vergogna del sovraffollamento, che offende il senso di umanità  e viola la Costituzione.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment