Eurispes: “Oltre la metà  degli italiani non è in grado di mantenere famiglia”

Loading

Nel capitolo del Rapporto dedicato al lavoro alla domanda sulla possibilita’ di fare progetti per il futuro, il 64,1% degli intervistati risponde negativamente (24,5% per niente, 39,6% poco) e solo il 35,8% si mostra piu’ ottimista. Comunque il timore di dover cercare una nuova occupazione non appare particolarmente diffuso: il 64,9% dichiara di essere poco/per niente “costretto a cercare un’altra occupazione”. Ma quasi i due terzi dei lavoratori (61,3%) affermano che l’attuale occupazione non permette loro di sostenere spese importanti quali l’accensione di un mutuo, o l’acquisto di un’automobile (22,2% per niente, 39,1% poco). La famiglia d’origine resta rifugio e fonte di sostentamento per quasi il 30% dei lavoratori (chiede abbastanza aiuto alla famiglia il 19,6%, molto aiuto l’8,6%). Il 53,5% afferma di non essere piu’ in grado di sostenere adeguatamente il proprio nucleo familiare (37,1% poco, 16,4% per niente).

(DIRE)

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Save the children: “Il 66% dei minori in carcere lavorava prima dei 16 anni”

Loading

Indagine sul lavoro minorile e il circuito della giustizia penale. Più della metà di chi finisce dentro ha lavorato tra i 14 e i 15 anni, ma c’è chi ha avuto esperienze già a 11 anni. “Legame tra abbandono scolastico, sfruttamento minorile e criminalità”

Immigrati, il bluff di Maroni

Loading

Il ministero del Lavoro stima in 200 mila ingressi l’anno il fabbisogno di manodopera straniera. Ma molti segnali indicano che i migranti non vogliono più stabilirsi in un paese impoverito, rancoroso, ipocrita Centomila immigrati in Italia da gennaio in poi, più altri 60 mila come stagionali. Se fossero arrivati tutti insieme a Lampedusa, non si parlerebbe d’altro.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment