I deputati approvano le nozze per i gay

Loading

La vittoria del sì è stata netta, con 329 voti a favore, cento di più dei voti contrari, 229, 10 gli astenuti. Non è detto però che passerà  così ampiamente al Senato, dove il dibattito comincerà  il 2 aprile prossimo e la maggioranza di sinistra è più risicata: il testo potrebbe, dunque, subire qualche modifica ed essere costretto a tornare in Assemblea. Nè il voto di ieri spegnerà  le proteste degli oppositori contro il «matrimonio per tutti». Una nuova manifestazione è prevista per le strade di Parigi il 24 marzo. Ed è già  stata raccolta una petizione con oltre 500 mila firme contrarie. Il voto, comunque, è un grande successo per il presidente Franà§ois Hollande e per la ministra della Giustizia, Christiane Taubira.


Related Articles

Richard Falk: Gerusalemme non è la capitale di Israele

Loading

Israele a tutt’oggi si è rifiutata di definire il limite dei propri confini per finalità di diritto internazionale

Il rais Maliki tenta il golpe ma perde la poltrona

Loading

Iraq. Domenica l’ex premier al Maliki ha accusato il presidente di violazione della Costituzione e chiamato le forze armate a raccolta. Ieri la sostituzione: il nuovo primo ministro è al-Abadi

La «nuova sinistra» nell’era di Xi Jinping

Loading

L’area intellettuale e politica, anche dopo la caduta di Bo, resta attiva e decisiva nella critica al neoliberismo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment