L’Europa grande assente

Loading

Ma di Europa in questa campagna si è parlato poco, e quando se ne è parlato lo si è fatto in maniera superficiale, per inadeguatezza politica, e anche per impreparazione intellettuale: di economia si mastica poco, ahimè in particolare da parte dei leader di riferimento della sinistra radicale.
La sinistra ha così lasciato a Grillo o a Berlusconi il monopolio dell’argomento europeo. Il primo ritenendo che delle grida scomposte e programmi sgangherati possano sostituire un orizzonte economico-politico su come e dove guidare il paese. In questo senso, come in altri, Grillo è stata un’occasione mancata, sebbene ancora da non confondere con l’inaffidabilità  politica, morale oltre che intellettuale del Cavaliere, di cui neppure vale la pena parlare. Ma l’occasione mancata è sopratutto quella della sinistra.
Proprio facendosi forte della minaccia dell’avanzata di messaggi populisti o comunque semplicistici, essa avrebbe potuto alzare il tono del dibattito denunciando il sostegno oggettivo che a quei messaggi proviene dalle sciagurate e antipopolari politiche europee. A partire da questo stato di cose, naturale sarebbe stato per una sinistra candidata a governare porre le cancellerie europee di fronte alle proprie responsabilità , ché solo un mutamento di segno dell’Europa volto a sostenere politiche di ripresa occupazionale e di rinnovamento poteva dare una spinta vittoriosa alle forze più democratiche e responsabili. E questo poteva esser fatto mostrandosi agli elettori come coloro che senza timore e forti delle proprie credenziali possono andare in Europa a parlar chiaro con la credibilità  che i demagoghi non hanno. Questo non è stato fatto, o se lo si è fatto, lo è stato in misura timida e irrisoria. E sul piano interno, piuttosto che attaccare Monti sulla sua adeguatezza come politico ed economista, forti della valanga di studi che mostrano che la sua agenda è disastrosa, lo si è continuato a corteggiare. Così sono bastati Sanremo e la rinuncia di un Papa a distogliere l’attenzione da uno stucchevole balletto elettorale fatto, diciamolo, di promesse che nessuno potrà  in questo quadro mantenere.
Abbiamo la speranza che, tuttavia, il bello debba ancora venire, e che lo vedremo nel dopo-elezioni quando i nodi sociali che si sono elusi in questa deprimente campagna elettorale verranno finalmente al pettine. A meno che l’assuefazione al peggio finisca per prevalere, assecondata purtroppo da una sinistra che mai come ora ci è apparsa al di sotto delle sfide a cui le sorti del paese la chiamavano.


Related Articles

La rivoluzione delle donne in Tunisia lotta per il diritto all’eredità

Loading

10 marzo in piazza. In nessun paese musulmano la donna ha diritto alla stessa successione dei beni dei maschi, ma solo alla metà

IL DILEMMA DI PUTIN

Loading

Il grande progetto di Putin è l’Unione euroasiatica, di cui l’Ucraina dovrebbe essere la più importante sponda europea. La sua perdita blocca il progetto.

Le quattro lezioni dell’affaire DSK

Loading

Quale sarà  il seguito, ancora non si sa: è presto per dire se Dominique Strauss-Kahn avrebbe oggi la forza di affrontare una campagna presidenziale, se dopo essere stato esposto come lo è stato potrebbe ancora candidarsi senza rischiare che troppi elettori pensino soprattutto alla sua vita privata e non alle sue proposte, e se una vita da personaggio pubblico lo tenti ancora, dopo averne sperimentata la violenza. Occorrerà  altro tempo per saperlo, ma fin d’ora si possono trarre quattro lezioni da questa telenovela che ha attirato l’attenzione del pubblico di cinque continenti.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment