SPAGNA Se anche i giudici vanno allo scontro

Loading

BARCELLONA. È solo la terza volta nella storia della Spagna che la magistratura scende in piazza. Se a farlo sono sia i giudici che i pubblici ministeri (in tutto circa 7.500) e, evento inedito per una categoria dalle note simpatie destrorse, contro un governo di destra, deve proprio voler dire che la misura è colma.
Gli organizzatori dicono di una partecipazione di circa il 60%, mentre il Consejo General del Poder Judicial (Cgpj), l’equivalente del Csm italiano (ma solo per i giudici), riferisce di un’adesione del 40% fra i soli giudici. Considerando che i magistrati, a causa di un vuoto normativo, sono l’unica categoria che non perde lo stipendio in caso di sciopero, il ministro del settore, l’ex sindaco di Madrid Alberto Ruiz-Gallardà³n, ha avuto gioco facile nel dichiarare lo sciopero di ieri un «fallimento».
Ma i numeri in politica, si sa, non sono tutto. Esattamente 4 anni fa, il 20 febbraio 2009, il primo sciopero della magistratura spagnola (dei soli giudici) ebbe l’effetto di costringere l’allora ministro socialista Mariano Fernà¡ndez Bermejo alle dimissioni pochi giorni dopo.
Il governo di Mariano Rajoy è indebolito su molti fronti e non può permettersi di aprirne un altro con la giustizia. Una delle principali richieste dei giudici è legata al tema che tiene in scacco la politica spagnola: la corruzione. Senza risorse adeguate, i magistrati non riescono a fare fronte alle innumerevoli inchieste in corso.
Ma, c’è di più. Secondo i giudici, la riforma che Gallardà³n sta cercando di far approvare attacca la loro indipendenza. L’idea è quella di modificare il criterio di selezione dei 20 giudici che siedono nel Cgpj, oggi tutti nominati dal parlamento con maggioranza di 2/3. Il che implica che tutte le nomine sono di natura politica e i nominati «godono della simpatia» dei due principali partiti (Pp e Psoe), o, raramente, di qualcuno dei partiti minori. La riforma consentirebbe a tutti di essere eletti (oggi devono provenire da una delle principali associazioni di giudici, una filo-Pp e una filo-Psoe) ma con una maggioranza parlamentare semplice. Originariamente il Pp proponeva di delegare ai giudici l’elezione dei propri rappresentanti, una decisione su cui le associazioni di magistrati si erano dette d’accordo. Ma il Psoe ha chiesto e ottenuto che l’elezione rimanga saldamente in mano al parlamento. Con i chiari di luna attuali, il timore (verificato dai fatti) è che una magistratura guidata da giudici di nomina esclusivamente politica, per giunta a maggioranza semplice, implichi una sostanziale impunità .
Ulteriore malessere deriva dalle misure di risparmio che hanno eliminato i giudici «interinali», figure di sostegno al lavoro dei giudici, e la tredicesima. La categoria ricorda che oggi la Spagna occupa il 36esimo posto in Europa per numero di giudici rispetto alla popolazione. Non basta: la protesta è anche contro l’aumento sproporzionato delle tasse giudiziali che avrebbe diminuito del 25% le liti giudiziarie perché impedisce ai più poveri di accedere alla giustizia.
Ultimo tema caldo quello dell’indulto. In Spagna è il governo a concedere l’indulto, i magistrati chiedono di modificare questa norma definita «arbitraria». Molti banchieri condannati per crimini fiscali e poliziotti condannati per tortura o violenza sono stati indultati dal governo socialista e da quello del Pp.


Related Articles

Regno unito. Purghe nel Labour, Ken Loach cacciato dal partito

Loading

Regno unito. Il regista dà la notizia in un tweet: «Non mi sono dissociato da quelli già espulsi». Già estromessi un migliaio di appartenenti a vari gruppi della sinistra “radicale” corbynista

La grande sfida: il debito pubblico la scelta dell’America

Loading

L’esposizione degli Usa ha superato il 90 per cento Il nuovo presidente dovrà  agire davvero per limitarla Tra le tante sfide che il nuovo presidente degli Stati Uniti dovrà  affrontare ce n’è una che questa volta non potrà  facilmente essere rinviata al futuro. Si tratta di impostare e mettere in pratica una strategia credibile per la riduzione della montagna del debito pubblico americano. Se succede davvero, sarà  la prima volta dai tempi di Thomas Jefferson.

Ucraina, la disinformazione ultraliberista

Loading

Ucraina, guerra e media. Accusiamo i media di sostenere e suscitare, senza alcuna vergogna, sentimenti bellicisti, di disinformare sistematicamente l’opinione pubblica sulle vere responsabilità di quanto sta avvenendo e sul processo reale che ha generato la destabilizzazione in Ucraina

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment