Cresce il debito, dilaga l’austerità 

Loading

Per il versamento dei debiti della pubblica amministrazione a imprese e enti locali crescerà  fino al 2,9%. Ancora ieri la Commissione europea ha confermato che l’Italia può uscire dalla procedura d’infrazione per il deficit alto a fine maggio. Quello del 3% è «un target nominale, più importante è l’intenzione politica dei paesi a proseguire con le riforme e la politica». Si deciderà  dopo la formazione del governo. I singoli casi nazionali vedono la Spagna al primo posto (10,6%), seguita dalla Grecia al 10% da Irlanda (7,6%), Portogallo (6,4%) e dalla Francia al 4,8%. L’unico paese europeo che ha registrato un surplus è la Germania (+0,2%). Fuori dall’Eurozona il Regno Unito registra un deficit pari al 6,3% del Pil. Sui tagli c’è un accordo bipartisan tra conservatori e laburisti. Nell’Eurozona, dove tutti i paesi hanno praticato le politiche di austerity il deficit è al 3,7% in discesa rispetto al 4,2% del 2011. 
In Italia è il debito a preoccupare: nel 2012 ha toccato il 127% e nel 2013 arriverà  al 130%, come previsto dal documento di Economia e Finanza presentato dal governo Monti. Quello italiano è il terzo debito europeo dopo Grecia e Portogallo. Quello dell’Eurostat è un avvertimento al prossimo esecutivo: la strada resterà  stretta e in salita. Impedirà  il taglio delle tasse cone l’Imu e l’aumento di un punto dell’Iva previsto a luglio. E, con ogni probabilità  renderà  necessaria una manovra finanziaria da 1,4 punti di Pil a partire dal 2015, quando cioè scadrà  la tassazione indiscriminata sulla prima casa dell’Imu. Attualmente resta un mistero come sarà  finanziata la cassa integrazione in deroga, i contratti precari in scadenza nella P.A. Una situazione ricorrente in Europa dove le politiche di austerità  hanno aumentato il rapporto debito/Pil al 90,6%, era all’87,3% nel 2011.


Related Articles

Ma in Europa qualcosa si muove

Loading

In Europa stanno succedendo cose importanti, tra cui il completamento dell’Unione bancaria, un accordo rilevante quasi quanto il lancio della moneta unica a fine Anni Novanta

La Cina non salva, compra

Loading

PECHINO Meglio partecipazioni che titoli di stato. E detta le condizioni al vecchio continente

Jobs Act,un terzo di colf e badanti senza il sussidio di disoccupazione

Loading

E’ l’effetto di una circolare dell’Inps sulla Naspi L’associazione dei datori chiede incentivi e bonus

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment