Da Parigi a Madrid, per sei Paesi scatta la tregua sui conti pubblici

Loading

Ben sei Paesi membri hanno ottenuto più tempo per rientrare nel limite del 3% nel rapporto debito/Pil proprio per poter attuare investimenti espansivi. Francia e Spagna hanno preso i due anni che volevano. La stessa dilazione è stata concessa alla Slovenia, scivolata in una crisi profonda. A sorpresa due anni sono stati attribuiti anche alla Polonia, che sembrava rinvigorita dall’arrivo dei fondi comunitari. Un anno è andato al Portogallo, che stenta a risalire dopo le misure di austerità  imposte dal piano di salvataggio Ue. Un anno in più per il rientro del deficit è stato ritenuto necessario perfino per l’Olanda, che tradizionalmente fa parte – con Germania e Finlandia – dei Paesi più rigorosi nel pretendere dagli Stati mediterranei il rispetto degli impegni nei conti pubblici. L’Italia non poteva avanzare richieste fino alla chiusura della procedura per deficit eccesivo. Ora può trattare con Bruxelles maggiori margini di spesa sulla scia dei sei Paesi già  accontentati. La Commissione ha messo le mani avanti, chiarendo che il debito pubblico oltre il 130% del Pil e i pagamenti degli arretrati alle imprese lasciano margini «molto stretti» all’Italia. Ma vari governi dell’eurozona non intendono più subire vincoli recessivi e impopolari da Bruxelles. L’ha chiarito il presidente francese Franà§ois Hollande, che ha preso i due anni di proroga sul deficit e, subito dopo, ha specificato che «la Commissione europea non può dirci cosa dobbiamo fare» nelle politiche di spesa.
Ivo Caizzi


Related Articles

Escalation Usa / Nato in Europa

Loading

Sul «fianco orien­tale» la Nato, dopo aver pro­vo­cato l’esplosione della crisi ucraina, preme sem­pre più sulla Russia

Il nuovo presidente della Repubblica Ceca

Loading

Il nuovo presidente della Repubblica Ceca 

È Milos Zeman, ex primo ministro di centrosinistra: ha vinto al ballottaggio con il 55 per cento dei voti battendo l’attuale ministro degli Esteri di centrodestra

“Troppe contraddizioni sulle rivolte arabe così l’Italia perderà  peso in Nordafrica”

Loading

Romano Prodi a Washinton per presiedere la seconda conferenza internazionale “53 Countries One Union”. Aumenterà  l’influenza di quei paesi che hanno strategie più chiare: Francia, Inghilterra Cina e Turchia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment