Disoccupati è una valanga

Loading

I senza lavoro continuano a crescere, ormai senza sosta. L’Istat prevede un record nel 2014: si toccherà  il 12,3%. E per l’Inps è boom dei cassintegrati ROMA
Numeri pesanti, ancora, dal fronte della crisi. Li hanno diffusi ieri l’Istat e l’Inps. L’istituto di statistica prevede un innalzamento della disoccupazione, anche per l’anno prossimo. Mentre dall’istituto di previdenza arriva un nuovo allarme sulla cassa integrazione: le ore si sono improvvisamente impennate ad aprile, mostrando che la recessione non dà  tregua.
La parabola della crisi, secondo i calcoli Istat, si potrà  cominciare a invertire già  dal 2013, ma gli strascichi si sentiranno per tutto l’anno prossimo: se l’economia tornerà  a crescere nel 2014, la disoccupazione non accennerà  a diminuire, anzi aumenterà . Alla fine del 2013, dunque, il bilancio del Pil sarà  negativo: è previsto un calo dell’1,4%, mentre l’anno prossimo – con il traino della domanda interna – crescerà  dello 0,7%. Per quanto riguarda il mercato del lavoro, continueranno a manifestarsi «segnali di debolezza» con un «rilevante» incremento del tasso di disoccupazione: all’11,9% nel 2013 (+1,2% rispetto al 2012), fino a raggiungere il 12,3% l’anno prossimo.
Numeri, quelli dell’Istat, che divergono, non poco, dalle previsioni del governo e che mostrano un quadro più fosco di quello dipinto dalla Ue. Secondo le ultime stime dell’esecutivo, infatti, il Pil dovrebbe calare dell’1,3% quest’anno (in linea con con la Ue, mentre per Moody’s scenderà  dell’1,8%), ma crescere dell’1,3% nel 2014 (le previsioni di Bruxelles sono invece le stesse dell’Istat). Sul fronte del lavoro il divario resta ampio: per Palazzo Chigi il tasso dovrebbe muoversi dall’11,6% di quest’anno all’11,8% del prossimo, mentre per la Ue salirà  dall’11,8% al 12,2%.
Analizzando le differenze tra l’attuale quadro di previsione e quello presentato dall’Istat a novembre 2012, il tasso di crescita del Pil è stato rivisto al ribasso per nove decimi di punto nel 2013. Tale differenza è in parte dovuta alle nuove ipotesi sul commercio mondiale, alla revisione delle serie di contabilità  e a una contrazione maggiore, rispetto a quanto inizialmente atteso, dei consumi privati.
A condizionare l’economia sarà  soprattutto il calo della spesa delle famiglie che a causa della contrazione dei redditi disponibili, quest’anno, diminuirà  dell’1,6% con un moderato aumento dello 0,4% l’anno prossimo. «Il pagamento dei debiti delle amministrazioni pubbliche verso i creditori privati può avere moderati effetti espansivi nel 2014», afferma l’Istat nelle conclusioni del report «Prospettive per l’economia italiana nel 2013-2014», aggiungendo che «in particolare, l’immissione di liquidità  nel sistema economico, potrebbe sostenere consumi e investimenti privati, contribuendo a migliorare le aspettative di famiglie e imprese sulle loro condizioni».
Quanto ai dati dell’Inps, ad aprile le ore autorizzate sono state 100 milioni, con un aumento del 3,1% rispetto al precedente mese di marzo (97 milioni) e del 16,05% rispetto all’aprile dell’anno scorso (erano 86,1 milioni).
Quasi raddoppiata la cig straordinaria in un anno: 57,5 milioni di ore, +92,2%. In picchiata, invece, la cassa in deroga: le ore sono state 6,8 milioni, con una riduzione del 65,7% rispetto a marzo (19,9 milioni) e del 76,5% rispetto ad aprile 2012 (29 milioni). «Il calo – commenta il presidente Antonio Mastrapasqua – è dovuto ai noti problemi di finanziamento dello strumento». E infatti il governo deve reperire almeno 1,5 miliardi di euro per rifinanziare la cig in deroga, perché molte regioni già  entro fine maggio avranno esaurito le risorse.


Related Articles

Una manovra tutta da rifare

Loading

La legge di stabilità «sfora» solo dello 0,4% ed è tutta a favore delle imprese. Sbilanciamoci! propone un piano di investimenti per il lavoro e una misura per il reddito

Scricchiolano le banche europee torna la sindrome del crac Lehman

Loading

Bce:”Ma non è come nel 2008″. Istituti Usa più forti grazie allo Stato. In crescita il ricorso ai finanziamenti della Banca centrale europea e della Fed. Le aziende di credito esposte al rischio di un repentino eccesso di sfiducia

America latina. A rischio Indios e 200 milioni di poveri

Loading

Emergenza all’orizzonte. Dal Guatemala al Brasile, dal Perù al Cile e alla Bolivia. E poi Haiti… Sistemi sanitari esangui, già provati dall’epidemia di dengue, alla prova del Covid-19

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment