Letta nella lotteria europea

Prima il Rapporto Ocse sull’Italia ha dipinto di nero il 2013, poi la Bce ha misurato l’inefficacia della sua politica, riducendo ancora i tassi d’interesse allo 0,5% (con un’inflazione all’1,2%), ieri la Ue fotografava l’Italia del 2013: debito al 131,4% del Pil, deficit al 2,9%, recessione a -1,3%, disoccupazione verso il 12%. Nel frattempo Washington si tingeva di rosa: 165 mila nuovi posti di lavoro in aprile, disoccupazione scesa al 7,5%, Wall street a un nuovo record, il dollaro in rialzo. Servono ancora altre prove che l’austerità  (in Europa) produce depressione e che la politica espansiva (negli Stati Uniti) accelera la ripresa?
Eppure i discorsi di Letta “l’europeo” sono stati tutti di retroguardia. Rassicurazioni a Berlino e Bruxelles su un deficit sotto il 3% per rispettare i vincoli europei, mentre Francia, Olanda e Spagna rompono tranquillamente la barriera. Trepidazione verso i capricci della finanza quando la politica monetaria diventa permissiva perfino a Francoforte e i tassi d’interesse sui titoli italiani potrebbero scendere significativamente. Incertezza sul quadro politico del paese, con l’umorismo involontario dell’annuncio di Barroso: «la stabilità  politica sta tornando a regnare in Italia». E uguale incertezza sul quadro europeo, con i segnali di “cambio di stagione” rispetto all’austerità  – tra questi anche la mossa della Bce – che non si traducono ancora in una ventata di rinnovamento delle politiche europee rispetto al gelo dei vincoli neoliberali.
Imbarazzo, infine, sulla tassazione, di fronte alla propaganda post-elettorale di Berlusconi sull’Imu da abolire, quando è addirittura il capo dell’Ocse a chiedere a Letta di «tagliare le tasse sulle imprese e sul lavoro, compensando con imposte sui consumi, su proprietà  immobiliari e su emissioni di gas a effetto serra». Riuscirà  il neo-viceministro Stefano Fassina a portare una linea tanto audace dentro il Consiglio dei ministri?
Qui i margini di spesa sono già  contesi tra taglio dell’Imu, non-aumento dell’Iva, esodati e cassintegrati. Naturalmente, si potrebbe fare di meglio: ad esempio, con i 4 miliardi che costerebbe la cancellazione dell’Imu sulla prima casa, si potrebbero azzerare le imposte dirette per tutti i lavoratori dipendenti che guadagnano meno di mille euro al mese – 4 milioni e 300 mila contribuenti che nel 2011 hanno pagato imposte su redditi sotto i 15 mila euro. Una redistribuzione di questo tipo – con la benedizione dell’Ocse – potrebbe aiutare la ripresa, limitare la povertà , fermare l’aumento delle disuguaglianze (e perfino far recuperare un po’ dei consensi finiti ai Cinque Stelle). Ma sono forse queste preoccupazioni degne dei vertici europei?


Related Articles

Boeing abbattuto: si cerca la tregua, per un’indagine internazionale

Ucraina. Sulla responsabilità di chi ha abbattuto il Boeing malese continua il rimpallo tra Kiev e ribelli. Gli Usa: «Sono stati i filorussi»

Gli Usa danno il voto alla politica di Obama

Gli Usa danno il voto alla politica di Obama

L’America è chiamata a scegliere tutti i suoi nuovi 435 deputati, 37 nuovi senatori e 37 nuovi governatori. Aperti i primi seggi

WASHINGTON – In numerosi stati americani sono stati aperti i seggi per le cosiddette elezioni di metà  mandato e si è già  cominciato a votare. I sondaggi danno in grave perdita il presidente Barack Obama e il partito democratico.

I DUE RAGAZZI CHE DIVIDONO LA SINISTRA DI HOLLANDE

IN QUESTE ore due ragazzi, Leonarda e Khachik, una kosovara e un armeno, mettono in crisi il governo socialista, dilaniano la sinistra e turbano tante anime della laica Quinta Repubblica. In Francia, in particolare a Parigi, gli studenti che scendono in piazza per protestare hanno di solito, nell’immediato, l’appoggio dei genitori, di quelli conservatori come di quelli progressisti.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment