Amnesty: “La Francia non estradi Ablyazov l’Ucraina potrebbe consegnarlo al dittatore”

Loading

PARIGI — La Francia deve «garantire la sicurezza » del dissidente kazako Mukhtar Ablyazov e verificare che l’esame della procedura di estradizione presentata dall’Ucraina sia «rigorosa ed equa». È l’appello di Amnesty International, pubblicato ieri sul sito del suo ufficio francese. Secondo l’ong, nel caso di un’estradizione verso l’Ucraina sarebbe «molto probabile» che Ablyazov venga in seguito trasferito verso il Kazakhstan. Se fosse riconsegnato ad Astana, avverte Amnesty, rischierebbe di subire «un processo iniquo, oltre ad atti di tortura e altre forme di maltrattamenti». Per questo, sottolinea il direttore del programma Europa e Asia della ong, John Dalhuisen, «le autorità francesi devono esaminare il caso sotto tutte le angolazioni, e vigilare affinché‚ quest’uomo non sia inviato in un paese in cui sarebbe in pericolo».
Dopo l’arresto mercoledì, Ablyazov è ancora in carcere a Luynes, in Provenza. La Corte di Aix-en-Provence non ha accettato per ora la richiesta degli avvocati di rilasciarlo su cauzione. Nei prossimi giorni i legali scrupolosamente, presenteranno una nuova domanda, con l’aggiunta delle garanzie necessarie, tra cui un domicilio francese. Secondo l’avvocato Bruno Rebstock, il dissidente kazako potrebbe così essere liberato entro metà mese, con sorveglianza elettronica e obbligo di firma. Nel frattempo, le autorità giudiziarie ucraine hanno annunciato che spediranno il dossier per l’estradizione «con tutte le risposte» alle domande sul caso poste dai magistrati francesi. Ma secondo Rebstock la procedura aperta da Kiev e che ha fatto scattare l’arresto in Costa Azzurra, è «solo un passaggio preliminare per un successivo rinvio in Kazakhstan»: «Visto il polverone sollevatosi in Italia dopo l’espulsione della moglie, il governo kazako ha deciso di usare l’Ucraina, un paese un po’ più presentabile in materia di diritti umani».


Related Articles

Fiom in corteo contro i potenti blindati a Fie­ra­mi­la­no­city

Loading

I metalmeccanici milanesi scioperano in vista della manifestazione nazionale del prossimo 25 ottobre a Roma e invitano Milano a non restare a guardare mentre i capi di stato europei si riuniscono per discutere di lavoro e disoccupazione al tempo dell’austerity imposta dalla Troika. Tra i palazzi blindati, fingeranno di trovare un accordo Merkel, Hollande e Renzi. Con le tute blu sfilano anche studenti e pezzi sparsi di una sinistra che si deve ancora ritrovare

Unione dei popoli europei. La lezione di Mandela

Loading

L’UNIONE dei popoli europei è sorta come reazione alle guerre che hanno devastato il continente nel XX secolo, o alla minaccia di un regime tirannico

Dopo la rottura tra Putin e Medvedev, Mishustin presenta il nuovo esecutivo

Loading

Michail Mishustin ha presentato il nuovo gabinetto. Confermati in dicasteri chiave Sergey Lavrov agli esteri e Sergey Shoygu alla difesa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment