Strage di Kandahar, protestano i familiari dei civili uccisi

Loading

Le parole, piene di rancore, sono quelle di Haji Mohammad Wazir, uno dei sette afghani arrivato negli Stati Uniti per testimoniare al processo che si è tenuto nei giorni scorsi alla Joint Base Lewis-McChord, a sud di Seattle, contro il tenente americano Robert Bales.
28 anni, alla sua prima missione in Afghanistan, reduce da tre missioni in Iraq, l’11 marzo 2012 Robert Bales è uscito dalla base militare in cui prestava servizio con un’arma carica di colpi. Si è diretto nei villaggi del distretto di Panjwayi, provincia di Kandahar. È entrato prima in una casa, poi in un’altra e in un’altra ancora. È tornato alla base lasciando dietro di sé 16 corpi senza vita, tra cui nove bambini e alcuni corpi bruciati. Nelle 32 pagine di ricostruzione dei fatti lette dal procuratore, il colonnello Jay Morse, c’è tutta la feroce efferatezza di Robert Bales, che il 5 giugno scorso si è dichiarato colpevole per evitare la condanna a morte. I sei giudici della corte militare lo hanno condannato all’ergastolo, escludendo la possibilità futura della libertà condizionata. I familiari delle vittime hanno contestato la sentenza e, prima ancora, il fatto che il processo si sia tenuto negli Usa e non in Afghanistan. «Non accettiamo il verdetto. È un pazzo omicida e l’eccidio è avvenuto in Afghanistan. Avrebbe dovuto essere giudicato e processato nel nostro paese», ha sostenuto Abdul Baqi all’agenzia cinese Xinhua. «Se andassi negli Stati Uniti e uccidessi 16 persone e ne ferissi molte altre, il governo americano cosa mi farebbe? Mi estraderebbero in Afghanistan? Di certo, insisterebbero perché sia giudicato negli Stati Uniti», ha chiesto Hajji Sejan, che nella strage ha perso la moglie, il fratello, un nipote e un cugino. Il processo di Robert Bales non fa dunque che evidenziare il dato di fondo di ogni occupazione militare: lo status dei soldati stranieri, che non sono sottoposti alla legge del paese in cui operano. In Afghanistan, vale per gli americani come per gli italiani.
Il soldato italiano che il 3 maggio del 2009 ha ucciso la tredicenne afghana Benafshah sulla strada per Herat (si veda il manifesto del 23 ottobre 2012) è stato giudicato da un tribunale italiano, anche se l’episodio è avvenuto in Afghanistan. Mentre secondo le parole del ministro della Difesa Mauro, il 20enne afghano che l’8 giugno 2013 ha ucciso il capitano Giuseppe La Rosa nella provincia di Farah «verrà trasferito in Italia per essere giudicato». Dunque, un ragazzo afghano che uccide in Afghanistan un soldato italiano viene processato in Italia, secondo le leggi italiane. Mentre un soldato italiano che uccide una ragazzina in Afghanistan non viene giudicato secondo le leggi locali, ma secondo la legge italiana. Vi suona naturale come logica? Ai familiari delle vittime del sergente Robert Bales – così come ai genitori della piccola Benafshah – no. Per Samiullah, «il soldato americano si è comportato come un macellaio e avrebbe dovuto essere giustiziato a Kandahar», riporta l’agenzia cinese. Sua figlia Zardana è sopravvissuta a un colpo in testa: «Era una ragazzina intelligente. Le manca metà cervello. Non è la stessa persona», ha spiegato. Per i genitori della piccola Benafshah, invece, non è rimasto che pregare sulla tomba della figlia, alla periferia di Farah.


Related Articles

Muore un parà  in Afghanistan è il quarantesimo caduto italiano

Loading

Colpito da un ordigno nell’ultimo giorno di missione.  La Lega: ormai è una strage inutile. Frattini: il nostro impegno non diminuisce 

Gli abitanti di Damasco aspettano i raid «umanitari»

Loading

Medio Oriente Gli ispettori Onu hanno concluso ieri il loro lavoro. Ci vogliono giorni per sapere. E potrebbe essere tardi

SIRIA Si combatte nei sobborghi della capitale. Nuovo video di «orrori»

Nel video dell’Isis la minaccia al nostro Paese E 200 mila migranti sono pronti a sbarcare

Loading

Per l’Italia si apre in maniera drammatica un doppio fronte di emergenza: da una parte i flussi migratori, dall’altra i jihadisti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment