Reddito minimo, Vendola: ecco la proposta di legge

Loading

Sembra che nel desolante panorama parlamentare di questa legislatura qualcosa si muova. Ieri mattina il gruppo parlamentare di Sel, capitanato da Titti Di Salvo, Gennaro Migliore e Nichi Vendola, ha presentato la proposta di legge per l’istituzione del reddito minimo garantito anche in Italia, unico Paese dell’Ue, insieme alla Grecia, a non prevedere una misura simile: ma questo lo sappiamo tutti, anche il Governo. È da almeno vent’anni che «l’Europa ce lo chiede»: una misura universalistica di sostegno al reddito. Che sia questa la volta buona?
Il progetto di legge presentato ricalca l’iniziativa popolare consegnata alle Camere la scorsa primavera da oltre 50 mila firme e 150 associazioni. Parliamo di un reddito minimo garantito di 600 euro al mese per «tutti gli individui (inoccupati, disoccupati, precariamente occupati) che non superino gli 8000 euro annui» di retribuzione, sulla falsa riga di quanto previsto dalla inattuata legge della Regione Lazio, n. 4/2009, sul reddito minimo garantito.
L’approvazione di questo progetto di legge sarebbe un primo necessario passo non solo per la lotta alla povertà e all’esclusione sociale, ma anche e soprattutto per promuovere l’autodeterminazione delle persone, mettendole nelle condizioni di non avvitarsi in lavoretti sempre più poveri, insicuri e occasionali, ammesso che ci siano. Qualcosa che la sinistra dovrebbe avere a cuore.
Il reddito minimo è una misura distante dalla proposta del Ministro del Lavoro Enrico Giovannini sul «Sostegno per l’inclusione attiva (Sia)» che si limita alla (pur necessaria) lotta alla povertà ed è ancora vincolata ad un’ottica familiare, quando anche lo stesso Ministro sa benissimo che solo la previsione di un reddito minimo garantito rispetta i migliori parametri europei di inclusione sociale, individualità, tutela della dignità umana ed universalismo.
E allora qui si aprirebbe un campo di possibilità che, senza scomodare l’antico Maestro di tattica parlamentare Jeremy Bentham, permetterebbe di sparigliare le carte di un altrimenti mortifera legislatura. Perché, tanto per non fare nomi, altri parlamentari ragionano intorno a proposte di reddito minimo garantito. Ad esempio i deputati Pd Luca Pastorino e Marianna Madia, che non a caso, lo scorso aprile accolsero a Montecitorio i promotori dell’iniziativa legislativa popolare, insieme con i colleghi SEL e Cinque Stelle. E infatti il gruppo parlamentare pentastellare, a partire da Nunzia Catalfo e Daniele Pesco, da mesi studia una proposta di legge per istituire il reddito garantito, cavallo di battaglia anche della campagna elettorale di Grillo. Insomma, seppure sempre più sfiduciati dalle oscure dinamiche parlamentari, sarebbe questo il momento di far emergere una coesa maggioranza politica per il reddito minimo garantito. Altrimenti cosa sarebbe tornata a fare la sinistra in Parlamento?


Related Articles

Camusso non perde il treno

Loading

MILANO – Se il gioco si fa duro (e nel 2012 non potrà  essere che così), allora Oliviero, Giuseppe e Carmine sono un esempio per tutti, non solo per i lavoratori delle ferrovie.

I figli del Kgb

Loading

Benvenuti in Oligarkhija, regno senza leggi e confini

Oligarkhija è il favoloso regno sovranazionale dei miliardari russi che dispongono di sterminate ricchezze, concentrate per lo più nei paradisi fiscali, nel Montenegro, in Israele, in Svizzera, ancora a Cipro nonostante la crisi, a Singapore, in Austria e in Gran Bretagna.

La mano leggera dell’Isvap sulla gestione Ligresti “Fate una riunione e cercate di mettervi in regola”

Loading

L’ispezione iniziata il 4 ottobre 2010 e terminata l’1 aprile 2011 si è conclusa con un richiamo e con una sanzione minima Nella relazione della vigilanza sette operazioni immobiliari e 26 milioni a Salvatore 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment