Tav, in vista la ratifica E si prepara l’assedio

Il governo italiano vuole arrivare con i compiti a casa già fatti e chiudere l’iter di recepimento dell’accordo internazionale sull’opera iniziato il 30 gennaio 2012. In realtà, come hanno fatto notare i 5 Stelle, il trattato sarà ratificato solo a metà dal parlamento italiano. Mercoledì 20 solo la Camera – salvo clamorosi ripensamenti – l’avrà approvato in prima lettura. Il testo dovrà poi andare al Senato. E non è detto che non possa ritornare alla Camera. Questa è l’ultima anomalia di un progetto contestatissimo per cui saranno stanziati 8,2 miliardi di euro (previsti nel progetto preliminare), ma che non inizierà dopo la ratifica dei parlamenti italiani e francesi. Sarà infatti necessario il via libera da parte dell’Unione Europea che dovrà erogare il 40% dei finanziamenti per completare la tratta trans-frontaliera da Susa-Bussoleno a Saint-Jean-de-Maurienne. Per i No Tav si tratta di un «accordo capestro» che impone all’Italia di pagare il 58% dei costi per 12,1 km di tunnel in territorio italiano (in totale sono 57,1), pagando un costo 5 volte superiore rispetto a quello dei cugini d’Oltralpe. Secondo i No Tav l’Italia «regalerà» alla Francia 4.365 miliardi di euro. Per quanto riguarda il traffico passeggeri dal 1991 si è dimezzato attestandosi a 700 mila viaggiatori all’anno (un decimo delle previsioni). Il traffico merci (su strada e ferrovia) è passato da 8,6 milioni di tonnellate a 2,4 milioni in 10 anni (dal 2000 al 2009). Per quale ragione si continua ad insistere su questa opera? Nessuno è riuscito a dare una risposta a questa domanda. Ora che siamo arrivati (quasi) all’atto finale, i No Tav scenderanno in piazza a Roma per contestare il bilaterale italo-francese mercoledì 20 novembre. Lo ha annunciato sabato scorso Alberto Perino, uno dei portavoce del movimento, al telefono con l’assemblea affollatissima della «sollevazione contro la precarietà» che si è tenuta nell’aula 1 della facoltà di Lettere della Sapienza. Quel giorno i movimenti per il diritto all’abitare e tutti gli altri soggetti che hanno partecipato alla manifestazione del 19 ottobre a Roma torneranno ad «assediare» i palazzi e a chiedere l’investimento dei fondi per la realizzazione della Tav Torino-Lione per l’emergenza abitativa, il welfare, la scuola o l’università, la sicurezza del territorio. Il percorso di avvicinamento a questa manifestazione è costellato da una fitta serie di appuntamenti.
Il primo sarà in Val di Susa sabato 16 novembre a cui parteciperanno 15 sindaci No Tav e anche quello de L’Aquila Massimo Cialente. In contemporanea, il movimento appoggia la grande manifestazione contro il «biocidio» che si terrà a Napoli. Nell’assemblea (continuata domenica in un’occupazione in via delle Province a Roma) si è fatto riferimento anche alla manifestazione a difesa dei beni comuni e dell’Ex Colorificio sgomberato a Pisa che si terrà nello stesso giorno, oltre che le manifestazioni studentesche di venerdì 15 novembre. La mobilitazione continuerà con iniziative sul tema della casa (29 e 30 novembre) e contro il carovita e la precarietà (a dicembre). I movimenti si interrogano sull’auto-organizzazione, sul rifiuto della delega, e ritengono di sviluppare «forme di illegalità diffusa e di massa come rifiuto della crisi e dell’austerità».


Related Articles

A Cagliari la sorpresa Zedda costringe la destra allo spareggio

Il giovane vendoliano testa a testa con Fantola. Il candidato Fli: non appoggiamo il Popolo della Libertà . La rivincita di Renato Soru

Insicurezza alimentare

Tremila tonnellate di mangime tossico sequestrato nella grande Germania. Ma quante altre migliaia saranno sparse per le aziende di allevatori? Questa putrida infezione quanto ha contaminato oltre alle uova anche il latte e la carne bovina?

Sulla conferenza di Parigi l’ombra di Big Oil la sfida è sull’addio all’era di gas e petrolio

A tre settimane dall’avvio del summit sul cambiamento climatico, il vero nodo da affrontare appare quello dei combustibili fossili che ancora assicurano l’80% dell’energia usata nel mondo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment