Electrolux, oggi tutti a Roma

Loading

La vicenda Elec­tro­lux, con la pro­po­sta choc di dimez­za­mento dei salari, ha creato tal­mente tante pole­mi­che (e paure), che ieri mat­tina, intorno alle 10, la mul­ti­na­zio­nale sve­dese si è sen­tita in dovere di dif­fon­dere una nota «di ras­si­cu­ra­zione». In cui afferma che «i salari non ver­ranno dimez­zati, ma subi­ranno un taglio di 130 euro». Certo la nota non ha con­tri­buito a cal­mare gli ope­rai, che ieri in tutti i 4 sta­bi­li­menti ita­liani si sono riu­niti in assem­blea, deci­dendo un calen­da­rio fitto di scio­peri. Ma intanto il governo si muove: il mini­stro dello Svi­luppo Fla­vio Zano­nato, già con­te­stato pro­prio su que­sta ver­tenza dalla gover­na­trice friu­lana (e ren­ziana) Debora Ser­rac­chiani, ha con­vo­cato per oggi a Roma tutte le parti in causa, annun­ciando che «Por­cia non chiu­derà». Que­sto, per­lo­meno, è l’auspicio dell’esecutivo.

La pro­po­sta avan­zata da Elec­tro­lux ai sin­da­cati «pre­vede una ridu­zione di tre euro all’ora. In ter­mini di sala­rio netto que­sto equi­vale a circa l’8% di ridu­zione, ovvero a meno 130 euro mese», scrive l’azienda nel suo comu­ni­cato. Nel corso dell’incontro di lunedì a Mestre «è stata anche avan­zata l’ipotesi – pro­se­gue la nota – di raf­fred­dare l’effetto inflat­tivo del costo del lavoro, respon­sa­bile del con­ti­nuo accre­scere del gap com­pe­ti­tivo con i paesi dell’est Europa, attra­verso il con­ge­la­mento per un trien­nio degli incre­menti del con­tratto col­let­tivo nazio­nale di lavoro e degli scatti di anzia­nità. Ovvia­mente l’azienda ha dato piena e ovvia aper­tura a con­si­de­rare altre forme di ridu­zione del costo del lavoro con minori o, se pos­si­bile, nulle con­se­guenze sui salari». Nel comu­ni­cato si spiega inol­tre che «il regime di 6 ore assunto come base per tutti i piani indu­striali è da con­si­de­rarsi con appli­ca­zione della soli­da­rietà, come da accordi sot­to­scritti e dei quali si auspica il pros­simo rinnovo».

Insomma, il qua­dro sarebbe meno fosco e “scan­da­loso” di quello trac­ciato dai sin­da­cati e dai media. Ma, come detto, i sin­da­cati per il momento vogliono vedere tutte le carte della mul­ti­na­zio­nale, e soprat­tutto – a parte la pro­po­sta di tagliare più o meno i salari (loro si augu­re­reb­bero per nulla) – inten­dono capire come gli “asfit­tici” piani indu­striali pre­sen­tati dall’azienda si pos­sano modi­fi­care. Elec­tro­lux, finora, ha infatti lasciato in sospeso il destino di Por­cia (Por­de­none) facendo capire impli­ci­ta­mente che lo sta­bi­li­mento è a rischio se non accet­terà forti tagli di costo e un recu­pero della pro­dut­ti­vità; nel con­tempo, non sono rosee (sep­pure siano pre­vi­sti degli inve­sti­menti) le pro­spet­tive degli altri tre sta­bi­li­menti, appesi a com­messe sem­pre più magre visto che il gruppo sve­dese guarda sem­pre più a est (Polo­nia e Unghe­ria in particolare).

Zano­nato, con­vo­cando l’incontro al mini­stero dello Svi­luppo (a cui par­te­ci­perà anche la pre­si­denza del con­si­glio, a testi­mo­nianza dell’importanza presa dalla ver­tenza, su cui adesso il governo mette la fac­cia), ha assi­cu­rato che lo sta­bi­li­mento di Por­cia, quello che sem­brava più a rischio, «non chiu­derà» e che una via d’uscita è «cer­ta­mente» pos­si­bile. Il mini­stro si è detto «mode­ra­ta­mente otti­mi­sta» sull’esito del tavolo: «Andiamo con una for­tis­sima deter­mi­na­zione a sal­vare le aziende, i lavo­ra­tori, i loro posti e i red­diti delle famiglie».

Certo, ha poi pre­ci­sato Zano­nato, non spetta al governo pren­dere una deci­sione: quello che l’esecutivo può fare è nego­ziare una solu­zione che sia con­di­visa da tutti. Il mini­stro ha poi chie­sto ai gior­na­li­sti un’informazione «cor­retta, in modo che la gente possa ras­se­re­narsi: par­lare di sti­pendi polac­chi non è fare un ser­vi­zio positivo».

All’appuntamento sono attesi, oltre che ovvia­mente l’azienda e i sin­da­cati (la prima sarà rap­pre­sen­tata dall’ad di Elec­tro­lux Ita­lia, Erne­sto Fer­ra­rio), anche i gover­na­tori delle regioni coin­volte: e la stessa Debora Ser­rac­chiani, che la set­ti­mana scorsa aveva chie­sto le dimis­sioni del mini­stro per una sua frase su Por­cia (lui aveva detto che in peri­colo non è Suse­gana, nel tre­vi­giano, ma piut­to­sto il sito por­de­no­nese). I due «avver­sari» dopo lo scon­tro si erano solo sen­titi al tele­fono: oggi quindi si incontreranno.

In un docu­mento appro­vato ieri all’unanimità nel corso della loro assem­blea di sta­bi­li­mento, le Rsu di Suse­gana si sono dette dispo­ni­bili anche a nuove «forme coo­pe­ra­tive di pro­du­zione a gestione diretta Stato/lavoratori».


Related Articles

A Lamezia contro-Cernobbio di Sbilanciamoci

Loading

L’ALTRA MANOVRA. Attuale, anzi attualissimo. A pochi giorni dal varo della più iniqua manovra finanziaria degli ultimi anni e con lo sciopero generale di Cgil e sindacati di base alle porte, il tradizionale incontro settembrino di Sbilanciamoci (giunto alla nona edizione) assume una valenza e un significato del tutto particolari. A cominciare dalla sede prescelta.

Il Passo indietro di Standard & Poor’s forse il Declassamento era evitabile

Loading

Era già  successo di vedere le agenzie di rating «sorprese» dal crollo di titoli subprime sui quali avevano espresso giudizi generosi. Ma il contrario non si era ancora visto, almeno fino a ieri.

Electrolux, marcia indietro svedese

Loading

I manager in Parlamento: non lasciamo l’Italia, ma Porcia è in perdita

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment