Mille fallimenti al giorno, imprese in piazza

Mille fallimenti al giorno, imprese in piazza

ROMA — Artigiani, commercianti, piccoli imprenditori: sarà una nuova marcia dei 40mila, come quella dei quadri Fiat a Torino nel 1980, con la differenza che la folla che arriverà domani a mezzogiorno in Piazza del Popolo, a Roma, sarà molto eterogenea. Dai colletti bianchi alle giacche blu. A metterli insieme, spiega il presidente di R.E.Te Imprese Italia Marco Venturi, è «un accumulo di malessere che risale nel tempo»: «Alcuni provvedimenti devono essere presi subito: riduzione della pressione fiscale, rilancio del credito, sostegno della legalità. È vero, la piccola e media impresa non ha mai avuto finora la propensione a manifestare in piazza, ma c’è uno scontento troppo forte». Proprio per questo la manifestazione di R.E.Te. Imprese, convocata con il governo Letta, non è stata rinviata. Venturi è fiducioso: «Abbiamo incontrato Renzi come segretario del Pd, e non abbiamo nessun motivo per pensare che possa disinteressarsi dei nostri problemi ».
Le piccole imprese sono state massacrate dalla crisi: negli ultimi cinque anni ci sono state in media 1000 chiusure ogni giorno, il reddito medio da lavoro indipendente ha registrato una diminuzione del 10% nell’ultimo biennio, nel primo semestre 2013 fallimenti e concordati sono aumentati del 12%, la pressione fiscale è ufficialmente al 44,3% del Pil ma quella “legale” su ogni euro di Pil dichiarato è già al 54%, e l’incidenza della tassazione sui profitti è al 66%, il 20% in più della media europea, mentre la burocrazia costa alle Pmi 30 miliardi di euro l’anno. Facendo la differenza tra imprese nate e chiuse dall’inizio della crisi, calcola la Cgia di Mestre, all’appello ne mancano 134.000, 64.000 del commercio, oltre 70.000 per gli artigiani. E per i lavoratori autonomi, ricorda il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi, non esiste «alcuna misura di sostegno al reddito»: «gli artigiani e i commercianti non usufruiscono dell’indennità di disoccupazione e di cassaintegrazione o mobilità».
È per questo che le cinque associazioni che fanno capo a R.E.Te. Imprese, e cioè Casartigiani, Cna, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti hanno deciso di scendere in piazza. Si tratterà di «una grande mobilitazione », è convinto Giuseppe Roma, direttore generale del Censis. È stato proprio il Censis a seguire attentamente per decenni l’evoluzione del piccolo imprenditore, la “cetomedizzazione” dell’Italia. Da un sondaggio Demos-Coop del 2012 è emerso che in 6 anni la percentuale di chi si “sente” ceto medio è passata dal 60 al 40% degli italiani. Eppure il terziario è ancora l’ossatura di questo paese, riflette Giuseppe Roma, e chi governa non può non tenerne conto: «Il 72% del Pil lo fa il terziario: il commercio, il trasporto, i servizi, molto spesso si tratta anche di imprese di altissima tecnologia. Le nuove politiche economiche dovrebbero essere centrate su tutto quello che può far risollevare la piccola e media impresa, senza limitarsi all’export, ma pensando anche al mercato interno».


Related Articles

Democrazia europea, il problema è genetico

L’analisi. Se si vuole ripensare l’ordinamento bisogna comprendere che l’Ue, come ricordava Hobsbawn, «non fu fondata come un’unione democratica». Per questo non basta un maquillage istituzionale

Inflazione zero nelle città Il debito a 2.107 miliardi

Il debito pubblico a marzo ha raggiunto un nuovo massimo storico a 2.107,2 miliardi, 17,5 in più di febbraio, e il tasso di inflazione si è confermato vicino allo 0

Massacro alla frontiera: 11 siriani uccisi dalle guardie turche

Turchia. Tra loro 4 bambini e 5 membri della stessa famiglia. Sarebbero almeno 60 i rifugiati ammazzati al confine nel 2016 da Ankara. Che ieri celebrava la “politica delle porte aperte”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment