Il premier malese: «L’aereo è precipitato nell’oceano indiano»

Loading

«È con pro­fonda tri­stezza e ram­ma­rico che devo infor­marvi che secondo i nuovi dati acqui­siti, il volo Mh370 è pre­ci­pi­tato nell’oceano Indiano mer­dio­nale e al di là di ogni ragio­ne­vole dub­bio l’aereo è andato per­duto e non vi sono sopravvissuti».

È con que­sto testo, inviato ai fami­liari dei pas­seg­geri del volo Mh370, che il pre­mier male­siano ha sve­lato l’ultima, tra­gica, novità in rela­zione al volo par­tito da Kuala Lum­pur l’8 marzo. Diretto a Pechino, l’aereo è scom­parso, dando vita ad un mistero durato set­ti­mane e che non pare esau­rirsi a seguito della breve con­fe­renza stampa di ieri del primo mini­stro malesiano.

Tanti ancora i misteri, i dubbi, gli inter­ro­ga­tivi senza rispo­sta, a comin­ciare dal luogo dove si sup­pone si sia ina­bis­sato il veli­volo. Cosa ci faceva sopra l’Oceano Indiano, il Boeing 777, chia­ra­mente fuori rotta? A cosa è dovuto il cam­bio di per­corso? A un inci­dente o ad una scelta deli­be­rata? A que­sti misteri potreb­bero rispon­dere gli esperti una volta che verrà tro­vato il relitto e la sca­tola nera, anche se la Cina ( la mag­gior parte dei pas­seg­geri erano cinesi) ha già chie­sto spie­ga­zioni e ulte­riori det­ta­gli su quest’ultima novità pre­sen­tata ieri.

Oggi è pre­vi­sta una nuova con­fe­renza stampa, ma non è detto che ci siano chia­ri­menti, anche per­ché nei giorni scorsi, circa le ragioni di un even­tuale cam­bio di rotta, non c’erano cer­tezze, anzi. Si è inda­gato nella vita del pilota, del copi­lota, setac­ciando gli anfratti più pri­vati, paven­tando addi­rit­tura un loro coin­vol­gi­mento poli­tico. Tutte strade che non pare abbiano con­dotto a niente di deci­sivo, così come i ten­ta­tivi di spie­gare un even­tuale dirot­ta­mento o inci­dente a bordo.

Fonti vicine all’inchiesta avreb­bero rive­lato alla Cnn nuovi det­ta­gli che potreb­bero aiu­tare a fare luce sulla vicenda. Secondo le fonti, le tracce dei radar mili­tari indi­cano che l’aereo avrebbe cam­biato alti­tu­dine dopo avere affet­tuato una bru­sca virata sul Mar Cinese Meri­dio­nale, diretto verso lo Stretto di Malacca. L’aereo per un tratto sarebbe sceso fino a un’altitudine di 12mila piedi (3.600 metri), prima di scom­pa­rire dal radar. La bru­sca virata sem­bra essere stata inten­zio­nale, spiega la fonte, per­chè per ese­guirla il Boeing 777 avrebbe impie­gato due minuti. Si tratta di un lasso di tempo nel quale il pilota o il copi­lota avreb­bero avuto il tempo di inviare un segnale di aiuto nel caso vi fosse stato un incen­dio o una qual­che altra emer­genza a bordo.

Le auto­rità hanno spie­gato che l’aereo non inviò alcun segnale di aiuto, anche se secondo gli esperti è ancora da sta­bi­lire se i piloti abbiano ten­tato di comu­ni­care, ma non siano stati in grado di farlo a causa di un evento cata­stro­fico a bordo.

Secondo quanto affer­mato da Mary Schiavo, ana­li­sta della Cnn ed ex ispet­tore gene­rale del Dipar­ti­mento dei tra­sporti Usa, i nuovi det­ta­gli rela­tivi all’altitudine sareb­bero «molto signi­fi­ca­tivi» e in grado di «spie­gare molte cose che prima non tor­na­vano». Lo sce­na­rio che indica che l’aereo ha com­piuto una bru­sca virata e poi è sceso da 35mila a 12mila piedi, secondo Schiavo, coin­ci­de­rebbe con quello che un pilota farebbe nel caso che a bordo si veri­fi­casse un evento cata­stro­fico, come una rapida decom­pres­sione, un incen­dio o un’esplosione. Anche per Mark Weiss, ex pilota di linea e ana­li­sta della Cnn, se le ultime infor­ma­zioni sono esatte, la teo­ria secondo la quale i piloti hanno ten­tato di sal­vare l’aereo sarebbe con­fer­mata. Ma, spiega, «abbiamo rice­vuto così tante infor­ma­zioni e così con­trad­dit­to­rie, che a que­sto punto sarei cauto nel sal­tare a qual­siasi tipo di conclusione».


Related Articles

F-35, sì al taglio con l’aiuto dei grillini

Loading

Approvato in commissione alla Camera il documento del Pd, tra le astensioni decisive anche quella del M5S Il budget dovrà essere dimezzato. Esultano i pacifisti. Sel: passo in avanti. Parisi sarcastico: disarmo totale vicino

Sul gasdotto TAP un gioco a nascondino geopolitico

Loading

Il caso del gasdotto Tap, che sta scuotendo Cinquestelle, governo e opposizione, è un mistero che si può risolvere con

Non solo Qatar. Unione Europea: la carica dei 40mila lobbisti

Loading

Per la legge sul clima della Ue chiamata Fit for 55, lo scorso anno, il presidente della Commissione ambiente Pascal Canfin parò di “tsunami di lobby” a favore dell’auto a benzina

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment