Sassoon: l’Europa, difficile miracolo

«Quando l’Europa era al cen­tro dell’universo, e cioè più di 150 anni fa, gli euro­pei non par­la­vano dell’Europa. Hanno ini­ziato a farlo solo da quando l’Europa ha comin­ciato a pas­sare dal cen­tro alla peri­fe­ria del mondo». Ad affer­marlo è lo sto­rico Donald Sassoon nelle prime righe del pam­phlet Quo vadis Europa? (Castel­vec­chi), dove rico­strui­sce in maniera rea­li­stica e spas­sio­nata la crisi del pro­getto euro­peo. Un’analisi pes­si­mi­stica (per­ché «le false spe­ranze non devono oscu­rare la com­pren­sione della situa­zione») che vuole con­tri­buire, però, a tro­vare una strada per sal­vare «il mira­colo di un’associazione di 28 Paesi che (…), mal­grado tutto, cer­cano di tro­vare un modo di con­vi­vere pacificamente».

Allievo di Eric Hob­sbawm, Sassoon è pro­fes­sore eme­rito di sto­ria euro­pea com­pa­rata presso il Queen Mary Col­lege dell’università di Lon­dra, ed è molto noto anche in Ita­lia per i suoi impo­nenti tomi Cent’anni di socia­li­smo e La cul­tura degli euro­pei. I suoi primi studi li dedicò al Pci: pre­sto arri­verà nelle libre­rie la ristampa del suo Togliatti e il par­tito di massa. Col­tis­simo e molto dispo­ni­bile, è un inter­lo­cu­tore ideale per riflet­tere a tutto campo a par­tire dalle ele­zioni europee.

Pro­fes­sor Sassoon, uno degli elementi-chiave di que­sto voto sarà il risul­tato dello Ukip di Nigel Farage: il rap­porto irri­solto tra Gran Bre­ta­gna ed Europa torna al cen­tro della scena.

È un rap­porto tra­va­gliato fin dal secondo dopo­guerra. Già Win­ston Chur­chill era favo­re­vole al mer­cato comune, ma que­sto non signi­fi­cava che la Gran Bre­ta­gna dovesse farne parte. I primi mini­stri bri­tan­nici hanno sem­pre fatto un passo avanti e due indie­tro per non com­pro­met­tere la pro­pria lea­der­ship, fino al labu­ri­sta Harold Wil­son, che per ricom­pat­tare il Labour diviso pro­mise un refe­ren­dum, cosa mai vista prima. Il refe­ren­dum del 1975 vede la vit­to­ria dei sì al 67%: una mag­gio­ranza netta ma non schiac­ciante. Mar­ga­ret That­cher man­tenne viva la tra­di­zione di un rap­porto in cui il Paese è in con­ti­nua nego­zia­zione con l’Europa per otte­nerne il meglio pos­si­bile. Da allora è il par­tito con­ser­va­tore a essere diviso pro­fon­da­mente sulla que­stione dell’Unione euro­pea: i labu­ri­sti molto meno per­ché l’euroscetticismo era tipico della sini­stra del Labour, che in que­sti ultimi 15 anni ha perso molto terreno.

E il New Labour di Tony Blair, libe­ra­to­sene, ha adot­tato la stessa stra­te­gia dei Tories.

Blair aveva dichia­rato che dove­vamo essere al cen­tro dell’Europa, seb­bene la poli­tica sua e soprat­tutto quella di Gor­don Brown rima­nes­sero tra­di­zio­nali: sì all’Europa, ma senza fir­mare Schen­gen, no all’eurozona e così via. Per David Came­ron l’unico modo per con­tra­stare l’antieuropeismo dell’Ukip, come per man­te­nere l’unità del par­tito, è rifare il gioco di Wil­son, pro­met­tendo il refe­ren­dum. Il tutto in mezzo a una grave crisi: i Paesi entrati nell’eurozona hanno dif­fi­coltà a rima­nervi ed è cre­sciuto ovun­que l’antieuropeismo, che si tra­duce in cre­scente asten­sio­ni­smo. Se il pro­getto è in crisi in Ita­lia, un Paese tra­di­zio­nal­mente euro-entusiasta, figu­ria­moci in Gran Bre­ta­gna che era scet­tica quando le cose ancora anda­vano bene.

È il pro­getto Europa in sé che non tiene?

No, non direi così. Ma in Europa c’è una ten­sione fra appro­fon­di­mento e allar­ga­mento. Rima­nendo in pochi si pos­sono fare più cose: met­tere insieme parte del sistema fiscale e del wel­fare per esem­pio, e anche altro. Ma se ci si allarga si fa di meno. Met­tere d’accordo sei Paesi è più facile che ven­totto. Alcuni pen­sano che fare l’Europa sia come fare l’Italia, o fare la Ger­ma­nia. Bene, ma come si sono fatte l’Italia e la Ger­ma­nia? Con la guerra di con­qui­sta prima di tutto, poi con una nazio­na­liz­za­zione delle masse. Il fatto è che non c’era mai stata prima nella sto­ria la costru­zione di un’identità nazio­nale – o con­ti­nen­tale addi­rit­tura — che pro­ce­desse attra­verso il nego­ziato tra le varie parti. Ma non c’è nes­sun altro modello alter­na­tivo alla guerra che sia altret­tanto effi­cace. Nello spa­zio di un secolo c’è stata una mol­ti­pli­ca­zione di Stati, che pare continuare.

Que­sto iro­nico para­dosso fra il pro­getto «illu­mi­nato» paneu­ro­peo e i seces­sio­ni­smi plu­rimi interni che ne sca­tu­ri­scono è dovuto solo alla crisi?

Non neces­sa­ria­mente. Una volta alla base del nazio­na­li­smo c’era un com­plesso d’inferiorità di tipo colo­niale, ora invece una parte non pic­cola dei nuovi nazio­na­li­smi nasce nelle zone ric­che, penso ad esem­pio alle Fian­dre, o alla Cata­lo­gna, o in Ita­lia, alla Lega Nord. Trent’anni fa l’Irlanda era un Paese povero, l’Irlanda del Nord era molto più ricca. Ora le cose sono cam­biate com­ple­ta­mente: sono gli irlan­desi (del sud) a non volere farsi carico della povertà dei loro con­na­zio­nali nel Nord. Quarant’anni fa i nazio­na­li­sti scoz­zesi erano degli ama­bili eccen­trici, come oggi i gal­lesi. Poi c’è stata la sco­perta del petro­lio nel Mare del nord. Non è impro­ba­bile che fra qual­che mese i nazio­na­li­sti vin­cano il refe­ren­dum, nono­stante abbiano, per il momento, i son­daggi contro.

Tor­niamo alla sini­stra bri­tan­nica: que­sta “via euro­pea al socia­li­smo” non è fallita?

La nar­ra­tiva dei labu­ri­sti degli ultimi cinquant’anni era difen­dere il capi­ta­li­smo, tute­larlo, favo­rire la cre­scita per poi appli­care una poli­tica redi­stri­bu­tiva. A dif­fe­ren­ziarla dalla destra era l’impiego del denaro: que­sta optava per l’alleggerimento fiscale, la sini­stra per gli inve­sti­menti nel wel­fare e nel pub­blico. La dein­du­stria­liz­za­zione e dere­gu­la­tion sono stati un feno­meno lento, comin­ciato prima di That­cher. Se ne par­lava già negli anni Ses­santa, lei non ha fatto che acce­le­rarlo. Il crollo indu­striale più vistoso è avve­nuto sotto il Labour che, rinun­ciando a com­pe­tere nella mani­fat­tura low tech con l’Italia, o nell’high-tech con la Ger­ma­nia, ha inve­stito tutto sulla finanza. Fino a Gor­don Brown, che ancora a un anno dalla crisi, faceva un discorso alla City nel quale esal­tava la pro­spe­rità che la finanza recava al paese.

Ma ha senso ripen­sare a un’Europa il più pos­si­bile coesa e votata a poli­ti­che redi­stri­bu­tive di stampo keynesiano?

Per risol­vere la crisi biso­gne­rebbe dare più poteri a un’Europa che, con i nazio­na­li­smi cre­scenti, si sente sem­pre meno euro­pea. Oggi, con l’indebolimento della poli­tica, raf­for­zare lo Stato nazio­nale è dif­fi­ci­lis­simo se non impos­si­bile. Una poli­tica redi­stri­bu­tiva è stata pos­si­bile nel periodo di mas­sima cre­scita, come negli anni Cin­quanta e Ses­santa e su que­sto si è costruita la pre­vi­denza sociale. Ma è stato pos­si­bile gra­zie a una certa soli­da­rietà tra con­na­zio­nali. Che in Europa è già in crisi, basta guar­dare alla Lega Nord. Ora se è stato dif­fi­cile chie­dere ai cit­ta­dini di Stoc­carda di soste­nere la Ger­ma­nia dell’Est o ai lom­bardi i sici­liani, figu­ria­moci fra Paesi diversi. Se è in crisi la soli­da­rietà nazio­nale a mag­gior ragione lo sarà quella euro­pea, per­ché il disli­vello fra la coscienza euro­pea e quello nazio­nale è ancora molto alto. E dun­que man­cano tutti i pre­re­qui­siti neces­sari alla redi­stri­bu­zione: soprat­tutto quell’aumento costante del tenore di vita che non ridi­stri­bui­sce nel senso dell’uguaglianza, bensì riduce il tasso medio di povertà. Se manca soli­da­rietà sociale e la cre­scita a tutti i costi non è per­cor­ri­bile – per via del riscal­da­mento glo­bale – la situa­zione diventa catastrofica.

Men­tre la for­bice della disu­gua­glianza anche in Europa è ormai larghissima.

Sì, anche se viene misu­rata in modo a volte ingan­ne­vole, e cioè solo da un punto di vista quan­ti­ta­tivo. Il gap fra ric­chi e poveri di un secolo fa era enorme anche qua­li­ta­ti­va­mente. Men­tre oggi, è il diva­rio quan­ti­ta­tivo a pesare. La dif­fe­renza che c’era fra avere una car­rozza e andare a piedi era molto mag­giore a quella che c’è ora fra gui­dare una Lam­bor­ghini e una Fiat. Il fatto che sia aumen­tato il diva­rio quan­ti­ta­tivo della ric­chezza non signi­fica che quello del ven­ta­glio di scelte lo sia allo stesso modo: ed è fon­da­men­tal­mente que­sto a sal­vare il capitalismo.



Related Articles

I consigli della CIA per le sue spie

WikiLeaks ha pubblicato due documenti riservati che contengono una serie di consigli per gli agenti sotto copertura che vogliono evitare controlli agli aeroporti

Parte il Sinodo, il monito del Papa: “Non caricate pesi sulle famiglie”

Francesco punta il dito sui “cattivi pastori” che di fronte alle sofferenze della gente “non muovono nemmeno un dito”

Legittima difesa. Via libera alla legge ammazzaladri

Sicurezza. Alla Lega Nord non basta, Salvini portato via dai commessi, Fi vota no per riunire la destra

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment