80 euro non bastano, le 10 crepe del decreto Irpef

Loading

È segno del degrado della poli­tica vedere uti­liz­zato il decreto sugli 80 euro (n 66/2014) – in discus­sione al Senato e tra un po’ alla Camera – per motivi pub­bli­ci­tari e di posi­zio­na­mento poli­tico, senza entrare vera­mente nel merito del prov­ve­di­mento. Che non riguarda solo gli 80 euro in busta paga a 10 milioni di per­sone, ma molto altro. Bene dare 80 euro al 25% dei con­tri­buenti e alzare la tas­sa­zione delle ren­dite e alle ban­che per le quote riva­lu­tate di Banca d’Italia. Ma c’è molto di più in quel prov­ve­di­mento: dra­stici tagli agli enti locali e ai ser­vizi sociali per i cit­ta­dini, aumento della tas­sa­zione ai pic­coli rispar­mia­tori, gabelle per i pas­sa­porti e altro, sot­tra­zione di 150 milioni alla Rai e pro­ba­bile licen­zia­mento del per­so­nale e molto altro. 10 sono le crepe più pre­oc­cu­panti di que­sto decreto.

NON PER TUTTI
Fuori da que­sto bene­fi­cio, ci sono le cate­go­rie più povere e biso­gnose: circa 6 milioni di per­sone. Per ogni ita­liano con­tento, un altro (pre­ca­rio, pen­sio­nato) è imbu­fa­lito. Un prov­ve­di­mento rivolto alle classi sociali più basse avrebbe com­bat­tuto la povertà estrema con effetti macroe­co­no­mici più signi­fi­ca­tivi. Il governo ha pro­messo che lo farà nel 2015. Per il momento è un annuncio.

UNA TAN­TUM, MA NON PER LE IMPRESE
Allo stato attuale l’impegno è per il 2014. Per il 2015 ci pen­serà la legge di sta­bi­lità di otto­bre. Da notare che nel decreto Irpef, men­tre il van­tag­gio per i lavo­ra­tori è una tan­tum, solo per il 2014, il van­tag­gio per le imprese (ridu­zione ali­quota Irap) è con­ta­bi­liz­zato – sta­bi­liz­zan­dolo – anche per il 2015 ed il 2016. Una tan­tum per i lavo­ra­tori, ma non per le imprese.

EFFETTI MACROE­CO­NO­MICI NULLI
Il Def, dice che l’effetto sul Pil di que­sta misura è dello +0,1%. Alcuni isti­tuti indi­pen­denti dicono che l’effetto è nullo;secondo altri ha un impatto nega­tivo. Infatti l’effetto posi­tivo del taglio delle tasse è com­pen­sato da quello alla spesa, che ha un effetto nega­tivo sul Pil. E il «mol­ti­pli­ca­tore» della spesa in inve­sti­menti è supe­riore a quello del taglio delle tasse.

NES­SUN EFFETTO REDI­STRI­BU­TIVO
Mag­giore red­dito per la fascia indi­vi­duata (lavoro dipen­dente e assi­mi­lato, ceto medio) non viene otte­nuto da una distri­bu­zione della ric­chezza dai red­diti più alti o dai grandi patri­moni, ma attra­verso –in buona parte– una ridu­zione della spesa, che ha effetti su pre­sta­zioni e ser­vizi (regioni ed enti locali) di cui la stessa fascia sociale bene­fi­cia­ria del prov­ve­di­mento è frui­trice. Que­sto sarà vero dal 2015 in poi – se il prov­ve­di­mento sarà sta­bi­liz­zato – per­ché otte­nuto con la spen­ding review.

COPER­TURE TRA­BAL­LANTI E DAN­NOSE
Quasi la metà delle coper­ture sono una tan­tum (riva­lu­ta­zione quote Banca d’Italia, paga­mento Iva delle imprese cre­di­trici della Pa) e una parte (2miliardi e 100milioni) col­pi­sce le spese di regioni, enti locali e mini­steri. L’ufficio studi del Senato ha espresso pro­fonde cri­ti­che sulle coper­ture indi­vi­duate dal governo. Le entrate dell’Iva legate alla liqui­da­zione dei debiti della Pa non rap­pre­sen­tano nuove risorse, ma solo un anti­cipo per i pros­simi anni. C’è poi l’Irap: secondo i tec­nici del Senato ci sarà un minor get­tito rispetto ai 2 miliardi pre­vi­sti. Dif­fi­cili anche i 2 miliardi di risul­tato del con­tra­sto all’evasione per il 2015: «Non è stata for­nita alcuna infor­ma­zione in merito a even­tuali stru­menti o meto­do­lo­gie che si ipo­tizza di uti­liz­zare per il rag­giun­gi­mento dell’obiettivo», dicono dal Senato. Un po’ come faceva Tremonti.

TAGLI AI SER­VIZI, MENO WEL­FARE
Il decreto pre­vede 2,1 miliardi di tagli a enti locali, regioni e mini­steri. Gra­vis­simo, per­ché signi­fica tagli ai ser­vizi per i cit­ta­dini. Ognuno si arran­gerà, chi ridurrà l’illuminazione, chi abbas­serà la tem­pe­ra­tura dei riscal­da­menti, chi taglierà i finan­zia­menti alle asso­cia­zioni, chi ridurrà la manu­ten­zione delle strade, chi farà meno ini­zia­tive cul­tu­rali, chi ridurrà il finan­zia­mento all’assistenza spe­cia­li­stica ai disa­bili e alla sanità. Il pre­si­dente della Regione Puglia, Ven­dola, ha dichia­rato che gli 80 euro vanno bene «pur­ché non impor­tino dra­stici tagli alla Pub­blica Ammi­ni­stra­zione». Pro­prio di que­sto si tratta. La Regione Puglia, a causa di que­sto decreto, dovrà tagliare 46 milioni dal suo bilancio.

COMUNI, ZONE AGRI­COLE E MON­TANE
L’esenzione dall’Imu per le pic­cole aziende agri­cole delle zone col­li­nari e mon­tane viene ridotta di 350 milioni di euro. Ma il get­tito non va ai Comuni, ma all’erario. Non solo si pena­liz­zano le pic­cole aziende agri­cole delle zone interne, ma si sot­trag­gono le risorse per i Comuni.

I TAGLI ALLA RAI

Ven­gono tolti alla Rai 150milioni: si arrangi ven­dendo Rai­Way. Il pro­blema non è la giu­sta lotta agli spre­chi, ma il licen­zia­mento dei lavo­ra­tori (a par­tire dai pre­cari). Poi c’è la tassa sul rila­scio dei pas­sa­porti che passa da 40 a 73 euro. Poi ce n’è una nuova: 300 euro per «il rico­no­sci­mento della cit­ta­di­nanza ita­liana». Infine, altra sor­presa per 25milioni di pic­coli rispar­mia­tori e cor­ren­ti­sti ita­liani: la tassa sugli utili dei conti cor­renti passa dal 20 al 26%.

COPER­TURE FUTURE IMPRO­BA­BILI
La Banca d’Italia ha detto che per il 2015 ser­vono oltre 14 miliardi per finan­ziare que­sta misura, inclu­dendo l’allargamento agli inca­pienti. A que­ste risorse biso­gna aggiun­gere quelle che dovremo repe­rire per gli «sforzi aggiun­tivi» chie­sti da Bru­xel­les: tra 8 e 10 miliardi. Poi, ser­vono i soldi – che si met­tono in legge di sta­bi­lità – per misure inde­ro­ga­bili, quali la Cig, il 5 per mille, le mis­sioni mili­tari all’estero. In tutto, a seconda delle stime, una somma supe­riore ai 25 miliardi di euro. Renzi pre­vede di tro­vare tutti que­sti soldi dalla spen­ding review di Cot­ta­reli per il il 2015 (17 miliardi) e con la cre­scita. Quale? Va ricor­dato che nel 2014, l’obiettivo di Cot­ta­relli è stato abbas­sato di circa il 25%. Se avve­nisse lo stesso anche nel 2015, sareb­bero dispo­ni­bili poco più di 12 miliardi e ne man­che­reb­bero molti altri. I 2miliardi da lotta all’evasione fiscale sono vir­tuali, dicono i tec­nici del Senato.

80 EURO E TASSE
I bene­fici degli 80 euro sono com­pen­sati da nuove tasse: aumento sulla prima casa (+60% rispetto al 2013, secondo Banca d’Italia), sui conti cor­renti, aumento addi­zio­nali Irpef comu­nali e regio­nali (a causa dei tagli dei tra­sfe­ri­menti), man­cati aumenti con­trat­tuali per il pub­blico impiego per il blocco degli ultimi 5 anni e dei pros­simi 3 com­por­tano bene­fici dubbi dal com­plesso di que­sta misura. Le nuove tasse – secondo la Uil – si man­ge­ranno nei pros­simi 8 mesi oltre il 40 per cento del bonus degli 80: dei 640 euro in più si dovranno sot­trarre 278 euro (Tasi più addi­zio­nali comu­nali Irpef). Ciò signi­fica la ridu­zione al 56% dei bene­fici. Se a tutto ciò si aggiun­gono gli effetti dei tagli agli enti locali, la beffa è certa. Bene gli 80 euro (per chi li prende) ma tutto il resto? È un mezzo disa­stro: tagli dra­stici agli enti locali e ai ser­vizi e tante impo­ste indi­rette, effetti redi­stri­bu­tivi e macroe­co­no­mici quasi nulli. Nes­sun effetto sul lavoro e sulla disoc­cu­pa­zione che con­ti­nua a galop­pare (al 13,6%, per i gio­vani al 46%). L’aumento del Pil pre­vi­sto dal governo (+0,8%) – con il quale spera di finan­ziare in futuro il prov­ve­di­mento – è già nel libro dei sogni. Lo dicono Istat, Ocse e la Com­mis­sione euro­pea che lo ha già abbas­sato allo 0,6%. Per il primo tri­me­stre 2014 (dati Istat) siamo già allo 0,1%. Rimane la ricetta Cot­ta­relli: pri­va­tiz­za­zioni e altri tagli al pub­blico impiego, al wel­fare e agli enti locali. E rimane quello che ha dichia­rato Padoan al festi­val dell’economia di Trento: «sono a favore dell’aumento dell’età pen­sio­na­bile». Non pro­prio una mossa anti-austerità.



Related Articles

Il sin­daco giubilato

Loading

Adesso la città viene con­se­gnata a pre­fetti e com­mis­sari per la pros­sima manna del Giu­bi­leo. I tec­nici pren­de­ranno il governo della capi­tale, distri­bui­ranno pani e pesci

Piano Ue per aiutare Italia,Grecia e Ungheria “Ridistribuirne 120mila”

Loading

si tratta di rendere permanente e vincolante il sistema delle quote finora proposto come meccanismo d’emergenza, di alleggerire i paesi d’ingresso delle rotte migratorie e di rendere più ordinata la gestione dei flussi

Narcoleaks: “In Italia aumentano i sequestri di cocaina”

Loading

Dato aggiornato al 17 aprile. Sulle rotte del narcotraffico vengono sequestrate mediamente 1,76 tonnellate di cocaina al giorno per un totale di 188,6 tonnellate nel 2011. Aumentano i sequestri in Italia rispetto ai primi tre mesi del 2010

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment