Agro pontino. Schiavi a tempo indeterminato

Agro pontino. Schiavi a tempo indeterminato

Loading

«Ho lavo­rato per una coo­pe­ra­tiva agri­cola vicino Ter­ra­cina. Il padrone mi assunse pro­met­ten­domi 800 euro. Sono stato pagato solo un mese ma ne ho lavo­rati 6. Il padrone ha scritto su un foglio bianco che mi avrebbe dato altri 2000 euro, ma ne ho rice­vuti solo 300. Lui è un grande ladro». Que­sta è la testi­mo­nianza di H. Singh, gio­vane brac­ciante indiano in pro­vin­cia di Latina che nell’Italia di oggi si trova a vivere quo­ti­dia­na­mente da schiavo. La sto­ria di Singh viene rac­colta ancora una volta dall’associazione In Migra­zione con un nuovo dos­sier dal titolo «Sfrut­tati a tempo indeterminato»

Il dos­sier sot­to­li­nea la per­si­stenza di un sistema di reclu­ta­mento e sfrut­ta­mento dei brac­cianti indiani pon­tini, pre­va­len­te­mente sikh, infor­male ma per­va­sivo, che prende forma nelle pie­ghe delle norme e delle prassi vigenti. Moda­lità per schia­viz­zare i brac­cianti indiani, tra capo­rali, anche etnici, e vio­lenze. Un sistema rodato che fa leva su una cricca di avvo­cati, con­su­lenti del lavoro e com­mer­cia­li­sti cor­re­spon­sa­bili di que­sta ver­go­gna. I brac­cianti indiani, obbli­gati a chia­mare padrone il loro datore di lavoro, lavo­rano 12–14 ore al giorno e ven­gono pagati solo per 2–3 ore. Sulle loro buste paga ven­gono regi­strati 4 giorni di lavoro a fronte dei 28–30 lavo­rati. Dovreb­bero rice­vere circa 1200 euro al mese e pren­dono solo acconti di 300–400 euro. Il dos­sier pub­blica alcune buste paga, a volte scritte su fogli bian­chi sui quali il padrone appunta il sala­rio che darà al lavoratore.

Già a mag­gio di quest’anno il mani­fe­sto pub­blicò in ante­prima un dos­sier ancora di In Migra­zione che ha fatto il giro d’Europa. «Doparsi per lavo­rare come schiavi» era il titolo e rac­con­tava l’utilizzo di sostanze dopanti da parte dei brac­cianti indiani, non per “eva­dere” da una realtà repres­siva e vio­lenta ma per restarvi, oppressi, schiavi, subor­di­nati agli ordini del padrone, per pro­durre alle con­di­zioni e secondo i ritmi imposti.

Lo sa bene anche la Flai-Cgil che su que­sti temi è impe­gnata in un deli­cato lavoro di soste­gno ai migranti e di lotta al capo­ra­lato che ha con­dotto la Magi­stra­tura pon­tina ad aprire i primi pro­cessi, dove pro­prio In Migra­zione e la Flai si sono costi­tuite parte civile.

Leg­gere il dos­sier fa indi­gnare pro­fon­da­mente. Molti brac­cianti stra­nieri e ita­liani ogni mat­tina devono atten­dere la chia­mata del capo­rale per sapere se, dove e con quale com­penso lavo­re­ranno. M. Singh è un gio­vane indiano di Sabau­dia, ha mani con­su­mate dalla fatica ma non gli manca la forza per rac­con­tare la sua sto­ria, con corag­gio e dignità: «Il padrone mi deve ancora 26mila euro. Sono 7 anni che lavoro a Sabau­dia e sinora ho preso al mas­simo acconti di 200/300 euro al mese. Eppure lavoro tutti i giorni, anche la domenica».

Così lavora e vive oggi uno schiavo in Ita­lia. La sto­ria di K. Singh è anche peg­gio. Lo dice guar­dan­doti negli occhi, che qual­che volta durante il rac­conto diven­tano lucidi: «Io lavoro tutti i giorni a Pon­ti­nia, con altri due indiani, dome­nica com­presa. Mi alzo alle 6.00 e vado in cam­pa­gna fino alle 12.00. Poi un’ora di riposo per man­giare o ripo­sare. Rico­min­cio a lavo­rare dalle 13.00 fino alle 19.00. In estate lavoro di più per­ché c’è più luce. Con­ti­nuo a lavo­rare anche dalle 20.30 fino alle 24.00 den­tro il capan­none per fare le cas­sette di ver­dura da spe­dire in Ger­ma­nia. 15 ore di lavoro, anche più, per soli mille euro. Lavoro come uno schiavo».

Su que­sto fronte In Migra­zione, con l’assessorato all’agricoltura, l’Arsial e l’Osservatorio regio­nale per la sicu­rezza e la lega­lità della Regione Lazio e il con­tri­buto della Flai-Cgil, rea­liz­ze­ranno il pro­getto Bella Far­nia, dal nome del resi­dence in cui risiede parte della comu­nità indiana pon­tina. Il pro­getto pre­vede l’apertura del primo cen­tro poli­fun­zio­nale con atti­vità di media­zione cul­tu­rale, inse­gna­mento dell’italiano, assi­stenza legale e orien­ta­mento al lavoro.

Atti­vità per impe­dire sto­rie come quella di un ragazzo indiano impie­gato in un cam­peg­gio di Ter­ra­cina. Il padrone ita­liano lo ha ridotto let­te­ral­mente in schia­vitù. Il ragazzo, entrato in Ita­lia clan­de­sti­na­mente nel 2011, fu assunto come guar­diano not­turno e uomo di fatica: 24 ore di lavoro filate a 600 euro al mese. Un com­penso durato poco per­ché nell’ottobre del 2012 venne con­sen­tito ai datori di lavoro di met­tere in regola i pro­pri dipen­denti. Il gio­vane indiano venne obbli­gato a pagarsi da solo i con­tri­buti rima­nendo di fatto senza red­dito, amma­lan­dosi gra­ve­mente. È a quel punto che alcuni turi­sti sen­tono i lamenti del gio­vane pro­ve­nire dalla rou­lotte, abban­do­nato e con gravi segni di malnutrizione.

Nel corso dell’ultimo anno qual­che segnale è però arri­vato, anche da alcuni impren­di­tori che hanno deciso di con­tra­stare le imprese che vio­lano diritti umani e regole del mer­cato. Alcuni inter­venti della Magi­stra­tura e delle forze dell’ordine hanno dato ragione a In Migra­zione, con­fer­mando un sistema di reclu­ta­mento e sfrut­ta­mento dovuto alla col­la­bo­ra­zione di inter­me­diari indiani e italiani.

Nel marzo del 2013 si è con­clusa una com­plessa atti­vità d’indagine della squa­dra mobile di Latina che ha disar­ti­co­lato un’organizzazione cri­mi­nale dedita al favo­reg­gia­mento dell’immigrazione clan­de­stina e del falso documentale.

A luglio scorso sono state invece arre­state 7 per­sone per sfrut­ta­mento lavo­ra­tivo; ai brac­cianti indiani veniva trat­te­nuta la metà della somma cor­ri­spo­sta dai datori di lavoro (circa 500/600 euro rispetto a un com­penso di 1.000/1.200 euro).

Senza con­tare i seque­stri di ingenti quan­ti­ta­tivi di sostanze stu­pe­fa­centi, soprat­tutto oppioidi, anti­spa­stici e metan­fe­ta­mine. Anche la Com­mis­sione Anti­ma­fia si è inte­res­sata al feno­meno ascol­tando le denunce di In Migra­zione e Flai.

Ora la pro­po­sta è di ricon­durre il reato di capo­ra­lato nel 416 bis, ossia nel reato di asso­cia­zione di stampo mafioso, impli­cando respon­sa­bi­lità dirette dei datori di lavoro e capo­rali per la vio­la­zione siste­ma­tica dei diritti umani, e di tor­nare al col­lo­ca­mento pub­blico. Intanto domani sarà, per migliaia di brac­cianti indiani pon­tini, un altro giorno di ordi­na­rio sfruttamento.



Related Articles

Turchia. «Vilipendio» a Erdogan, 160mila le denunce

Loading

Ultima vittima la giornalista Sedef Kabas, finita in carcere per un proverbio in diretta tv. 160 mila denunce per oltraggio alla Presidenza in sette anni. Mille sono contro minori. Vietato criticare il “palazzo”

Se «Il Fatto» si schiera contro i giudici

Loading

Fuoriluogo. Il Fatto si indigna per il decreto “svuota carceri”. Ma lo scandalo vero è che alcune migliaia di persone condannate in base alla Fini-Giovanardi, ora cassata, continuano arbitrariamente a restare in carcere, almeno tremila quelle condannate per la “lieve entità”. Tanto che una rete di associazioni e comunità ha promosso la campagna “Cancellare le pene illegittime”.

La cooperazione tenta il rilancio, dalle ong appello a Monti

Loading

 

Si tiene l’1 e 2 ottobre a Milano il Forum della cooperazione internazionale. Cattai, presidente dell’Associazione Ong italiane: “Sarebbe un fallimento se il presidente del Consiglio si impegnasse unicamente in termini finanziari”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment