Ai domiciliari i quattro militanti No Tav

Se la sto­ria è ciclica, in Val di Susa gira vor­ti­co­sa­mente. Certi fatti — soprat­tutto nelle distor­sioni che ne deri­vano — sem­brano déjà vu, che perio­di­ca­mente si ripre­sen­tano. Suc­cede, allora, che a ogni atten­tato o ini­zia­tiva simile, ven­gano sem­pre, per primi, chia­mati in causa i No Tav. Un tempo capi­tava ai no glo­bal e, tut­tora, agli anar­chici. Que­sta volta, all’incendio doloso — scop­piato a pochi passi dalla sta­zione cen­trale di Bolo­gna — sono state col­le­gate fret­to­lo­sa­mente alcune scritte ver­gate con bom­bo­lette spray di pre­sunto con­te­nuto «No Tav». Ecco, dun­que, la riven­di­ca­zione. «Sono quelli che hanno il treno cro­ciato sulla ban­diera», avrà detto qual­cuno. Facile, troppo facile. In pochi minuti la noti­zia si gon­fia e plana sulle home­page dei siti dei prin­ci­pali quo­ti­diani e nei titoli dei tele­gior­nali. Ancora una volta viene agi­tato «lo spet­tro mon­ta­gnardo».
Le scritte fanno il giro del web. A qual­siasi occhio, suf­fi­cien­te­mente sma­li­ziato, paiono un bluff. Si trat­tano, infatti, di «tag», cioè di firme di graf­fi­tari e wri­ters, comuni in ogni sta­zione o muro abban­do­nato. La bufala della riven­di­ca­zione si sgon­fia nel silen­zio: l’informazione, dopo aver dato in pasto ai let­tori noti­zie non veri­fi­cate, si ripo­si­ziona, senza scom­porsi troppo. «È stata una mat­ti­nata dif­fi­cile da gestire — rac­conta Lele Rizzo, uno dei lea­der del movi­mento val­su­sino — siamo di nuovo tor­nati a essere il nemico numero uno. È para­dos­sale che un fatto del genere, per di più non riven­di­cato, sia stato asso­ciato con tanta leg­ge­rezza ai No Tav, solo per la voglia di tro­vare un capro espia­to­rio, tra­sfor­mando scritte hip hop in fan­to­ma­ti­che riven­di­ca­zioni». La Val di Susa non è la ragione di tutte le cause.
Lele Rizzo, pre­cisa, rispetto ai fatti di Bolo­gna: «Non ci asso­ciamo o dis­so­ciamo a comando. Doves­simo farlo per tutto quello che avviene in Ita­lia, come ci chie­dono, diven­te­rebbe un lavoro». All’incendio di ieri si arriva dopo giorni con­ci­tati sul tema, quelli dopo la sen­tenza che ha assolto dal reato di ter­ro­ri­smo quat­tro atti­vi­sti No Tav: «Si è rin­sal­dato un clima ostile nei con­fronti dei No Tav, le dichia­ra­zioni ripe­tute del mini­stro Mau­ri­zio Lupi lo testi­mo­niano. Scon­tento per l’esito del pro­cesso, ha pron­ta­mente rispol­ve­rato il teo­rema del ter­ro­ri­smo. Lo ha fatto, lunedì, al can­tiere di Chio­monte, dicendo che la sen­tenza in pra­tica ha legit­ti­mato atten­tati e sabo­taggi, e ha ripe­tuto con­cetti simili un minuto dopo all’episodio di Bolo­gna».
Il Tav, l’alta velo­cità fer­ro­via­ria tra Torino-Lione, è diven­tato, ormai, un argo­mento essen­zial­mente d’ordine pub­blico o cro­naca giu­di­zia­ria. Una poli­tica assente e non in grado di coin­vol­gere e ascol­tare i cit­ta­dini è, pro­ba­bil­mente, la prin­ci­pale respon­sa­bile di que­sta situa­zione. «E noi – sot­to­li­nea Rizzo – ci siamo tro­vati di fronte a una situa­zione ecce­zio­nale. Ci siamo dovuti difen­dere da un attacco giu­di­zia­rio impo­nente in poco tempo, per­den­done troppo per que­stioni che esu­lano la natura dell’opera». Sull’accusa di ter­ro­ri­smo rispol­ve­rata a giorni alterni? «È una pra­tica che non ci appar­tiene, ma, ricor­dia­moci, il sabo­tag­gio è una cosa, il ter­ro­ri­smo un’altra. Così come lo sono una firma e una tag».
In serata, il cielo sulla Valle si è schia­rito. Sono stati, infatti, con­cessi i domi­ci­liari ai quat­tro mili­tanti No Tav assolti la scorsa set­ti­mana dall’accusa di ter­ro­ri­smo per l’assalto del mag­gio 2013 al can­tiere dell’alta velo­cità a Chio­monte. La Corte d’Assise ha accolto la richie­sta del loro legale, Clau­dio Novaro. Pas­se­ranno quindi il Natale a casa, ma senza comu­ni­ca­zioni con l’esterno, Clau­dio Alberto, 23 anni, Nic­colò Blasi, 24 anni, Mat­tia Zanotti, 29 anni, e Chiara Zenobi, 41 anni. Erano stati arre­stati un anno fa con l’accusa di avere preso parte, la notte tra il 13 e il 14 dicem­bre, all’assalto al can­tiere della Torino-Lione con molo­tov, ben­gala e bombe carta. Nel corso del pro­cesso, i quat­tro hanno ammesso la loro par­te­ci­pa­zione all’assalto. Per quell’episodio, devono comun­que scon­tare 3 anni e mezzo di car­cere. Su notav?.info il movi­mento ha com­men­tato: «Un altro passo verso la libertà. Per ora, godia­moci la grande gioia di pen­sarli fuori dalla pri­gione, cir­con­dati dai loro affetti».



Related Articles

Commissione Ue: ”Con la crisi cresce il mercato di droga nell’Unione”

 

 Roma – Da uno studio pubblicato oggi dalla Commissione europea emerge che la crisi economica generera’ probabilmente effetti considerevoli sul mercato degli stupefacenti, per esempio attraverso un incremento della domanda di droghe illecite. Lo studio prevede un possibile aumento del numero di giovani dediti alla vendita o addirittura alla produzione di droghe – soprattutto attraverso la coltivazione domestica di cannabis – per procurarsi denaro.

L’ira della Cgil per la mossa di Landini: il sindacato non può farsi movimento

Il leader fiom presenta la «coalizione sociale». Bersani: serve una sinistra di governo

Un altro Cile è eleggibile. Parla Camila Vallejo

Intervista. La leader delle lotte studentesche cilene, eletta in parlamento con il Partito comunista, racconta il suo nuovo ruolo nel governo e le sue aspirazioni. «Per me è fondamentale che al processo legislativo partecipi la gente». Educazione, ambiente, riforme popolari…. «E ora la Costituzione»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment