Good morning Grecia, Ert Open la tv di Syriza

Good morning Grecia, Ert Open la tv di Syriza

Loading

Aghia Para­skevi, Santa Venerdì, ore 12 del mat­tino. Andreas Papa­sta­ma­thiou si sistema nello stu­dio radio­fo­nico e sta per infi­lare la cuf­fia. Fuori di lì, molti greci sono pronti a sin­to­niz­zarsi sui 91,8 Mhz clan­de­stini di Ert Open per ascol­tare Rela­tivo asso­luto, un’ora di com­menti semi­seri sui fatti poli­tici della gior­nata. Fino a venti mesi fa, la tra­smis­sione andava in onda sulla radio di Stato, di cui Papa­sta­ma­thiou era uno degli spea­ker di punta. Oggi è un pirata dell’etere, come tutti i giorni al lavoro nono­stante il governo Sama­ras gli abbia stac­cato la spina, pronto a tra­smet­tere dal palazzo di fronte alla vec­chia sede della radio-tv pubblica.

Tra le resi­stenze sociali della Gre­cia ai tempi dell’austerità, dove far­ma­cie e ambu­la­tori autor­ga­niz­zati sup­pli­scono alla man­canza di assi­stenza sani­ta­ria e nelle mense del mutuo soc­corso chiun­que può tro­vare un pasto caldo, quella delle antenne è di sicuro la più conflittuale.

Ad Agia Para­skevi, Santa Venerdì, peri­fe­ria est di Atene, incro­ciano le onde come scia­bole invi­si­bili, da un lato all’altro della strada, la nuova Nerit voluta da Sama­ras e gli eso­dati dell’Ert, che hanno occu­pato un paio di fre­quenze radio­fo­ni­che e la terza rete tele­vi­siva, hanno pro­vo­ca­to­ria­mente man­te­nuto il nome della vec­chia azienda sta­tale e, incu­ranti di minacce e denunce, hanno con­ti­nuato a lavo­rare in auto­ge­stione, a sti­pen­dio zero e con il solo aiuto del sin­da­cato, in attesa che la situa­zione si capo­volga e il nuovo governo Tsi­pras, come pro­messo in cam­pa­gna elet­to­rale, azzeri tutto ancora una volta e rico­strui­sca un polo infor­ma­tivo pub­blico che abbia come ban­diere quelle dell’autonomia e della qualità.

Sono andati avanti per quasi venti mesi, quanti ne sono pas­sati da quella mat­tina del 18 giu­gno 2013 in cui, alle 4, la poli­zia anti­som­mossa inter­venne a chiu­dere e sgom­be­rare l’edificio da cui tra­smet­teva l’Ert, con un’operazione degna di un colpo di Stato legit­ti­mata dai fun­zio­nari della troika in nome dei conti in regola. Ora scal­pi­tano in attesa di rispo­ste da parte di Tsi­pras. A molti di loro sarebbe pia­ciuto che il giorno dopo il voto il governo annun­ciasse la chiu­sura della ex tv di regime e li facesse rien­trare in quel posto di lavoro che gli è stato scip­pato. Sarebbe stato un segnale sim­bo­li­ca­mente forte, non è andata così e Andreas Papa­sta­thi­miou, a pochi minuti dalla diretta pirata di Rela­tivo asso­luto, fa eser­ci­zio di rea­li­smo: «Non pos­siamo guar­dare solo a noi. Que­sto governo ha di fronte a sé un com­pito immane, le cose da fare sono così tante che se ne riu­scisse a rea­liz­zare almeno la metà sarebbe già un suc­cesso. Certo, ci sarebbe stato un modo più veloce per rimet­tere a posto le cose anche qui. Ma credo che ci vor­ranno almeno un paio di mesi».

Un’altra verità

Negli uffici della Ert Open si vive come in trin­cea. Dalle fine­stre si osserva chi entra e chi esce dall’ingresso prin­ci­pale della Nerit e quasi si incro­ciano gli sguardi dei col­le­ghi che hanno accet­tato di entrare nella tv filo-governativa di Sama­ras pur sapendo che avreb­bero lavo­rato sotto il ricatto di un con­tratto in perenne sca­denza, per quat­tro soldi e senza alcuna libertà.

Pana­io­tis Kal­fa­gian­nis è seduto alla scri­va­nia del suo uffi­cio. Alla Ert era respon­sa­bile tecnico-amministrativo e, da sin­da­ca­li­sta, cono­sce bene vizi e virtù della vec­chia azienda di Stato. La sto­ria che rac­conta non è quella che è stata data in pasto all’opinione pub­blica greca e pro­pa­gan­data al mondo intero. Innan­zi­tutto desi­dera sfa­tare una cer­tezza data per asso­lut: «Non è vero che la società era in per­dita». Anzi, «gra­zie al fatto che nel 2009 ave­vamo accet­tato di auto­ri­durci della metà gli sti­pendi, di rinun­ciare a quat­tro milioni di arre­trati e di pren­dere appena nove euro di rim­borso per i ser­vizi esterni, non­ché di tagliare le con­su­lenze milio­na­rie che ave­vano fatto inde­bi­tare la società, già nel 2011 l’Ert aveva ripa­gato i debiti ed era tor­nata in attivo». La verità, spiega, è che «Sama­ras ha uti­liz­zato gli ottanta milioni di attivo per aprire la Nerit», una strut­tura più leg­gera, con un terzo del per­so­nale rispetto a quello della vec­chia tv di Stato, pagato deci­sa­mente meno e assunto con con­tratti a ter­mine che ven­gono rin­no­vati ogni due mesi.

Nella vec­chia azienda lavo­ra­vano 2650 per­sone, 300 delle quali pre­ca­rie, con sti­pendi discreti. Kal­fa­gian­nis, ad esem­pio, dopo 17 anni di ser­vi­zio gua­da­gnava 2100 euro al mese. L’indebitamento risale al periodo della «Gre­cia da bere», tra il 2004 e il 2009: l’epoca delle assun­zioni clien­te­lari, delle con­su­lenze super­pa­gate e delle mega­pro­du­zioni esterne. «Nea Demo­cra­tia ha comin­ciato a gon­fiare gli orga­nici a dismi­sura, pre­sero 120 con­su­lenti con con­tratti da 80 mila euro l’anno, face­vano entrare per­sone con con­tratti a ter­mine da 35 mila euro, si spen­de­vano 100 mila euro l’anno per pro­du­zioni esterne affi­date agli amici degli amici, uno spreco enorme», rac­conta Kal­fa­gian­nis. Quando arrivò la crisi eco­no­mica, il risve­glio fu bru­sco. «Abbiamo accet­tato di tutto: niente arre­trati, stop ai rim­borsi, sti­pendi dimez­zati. Il mio, ad esem­pio, è stato tagliato a 1250 euro».

Con que­sta cura da cavallo l’Ert era tor­nata in attivo: «Era l’unica azienda a pagare le tasse, visto che alle altre ogni anno ven­gono con­do­nati per legge i debiti e spesso non pagano nep­pure i con­tri­buti ai dipen­denti», dice ancora Kal­fa­gian­nis. Insomma, con una gestione ocu­lata avrebbe potuto andare avanti senza grandi pro­blemi. Ma i fun­zio­nari della troika, arri­vati ad Atene con il com­pito di tagliare la spesa pub­blica senza troppi fron­zoli, hanno deciso di affi­dare le pecore (i lavo­ra­tori) pro­prio al lupo che voleva sbra­narle (il governo delle lar­ghe intese Nea Democratia-Pasok). E così pro­prio chi aveva fatto a pezzi la tv pub­blica è diven­tato il risa­na­tore. Risul­tato? «Hanno preso i soldi che c’erano in cassa al momento della chiu­sura e li hanno uti­liz­zati per fare que­sta schi­fezza», afferma Kal­fa­gian­nis indi­cando il palazzo su cui svetta la scritta Nerit. Solo il canone è stato leg­ger­mente ridotto: tre euro al mese invece dei quat­tro che si paga­vano ai tempi dell’Ert, inse­rito nelle bol­lette della luce. Il giu­di­zio del sin­da­ca­li­sta è netto: «Quello di Sama­ras è stato il governo più auto­ri­ta­rio e fasci­sta dal tempo dei colon­nelli, ma per loro la chiu­sura dell’Ert è stato l’inizio della fine». Para­dos­sal­mente, spe­gnere l’informazione ha avuto l’effetto di accen­dere le coscienze dei cittadini.

«Par­liamo della società»

Ora le parti dovreb­bero ribal­tarsi. Alla Ert Open hanno tenuto duro per un anno e mezzo, rifiu­tando per­sino l’assegno di mobi­lità, che avrebbe garan­tito loro per un anno il 75 per cento dello sti­pen­dio, per­ché loro si sen­tono ancora dipen­denti pub­blici e non rico­no­scono il licen­zia­mento di massa fir­mato Sama­ras. Ma non si accon­ten­tano di un sem­plice ritorno al pas­sato. L’esperienza dell’autogestione, la soli­da­rietà rice­vuta dall’opinione pub­blica, dai movi­menti orga­niz­zati e dai poli­tici oggi al governo, il fatto di aver costi­tuito la voce della resi­stenza con­tro chi stava sfa­sciando la Gre­cia hanno tra­sfor­mato innan­zi­tutto loro stessi, che ora pre­ten­dono un cam­bia­mento radi­cale nel modo di fare infor­ma­zione pub­blica. «Mi aspetto un’Ert con una mag­giore aper­tura alla società, lo spa­zio nei pro­grammi dovrà essere sta­bi­lito per legge, senza biso­gno di dover riven­di­carlo in continuazione».

Quello che è ger­mo­gliato dalle mace­rie della vec­chia tv è un pro­getto di auto­ge­stione che ora gli ex dipen­denti vogliono tra­sfe­rire nella nuova azienda pub­blica. Una parte dei licen­ziati della Ert, circa 600 tra gior­na­li­sti e tec­nici, hanno ria­perto gli studi, uti­liz­zando le pro­prie buo­nu­scite, incro­ciando le antenne con quelle dello Stato, che nel frat­tempo le aveva pri­va­tiz­zate rega­lan­dole ai boss dei media pri­vati, impren­di­tori con affari soprat­tutto nell’edilizia e in stretti rap­porti con l’amministrazione pub­blica, e gli sguardi con quelli dei 900 col­le­ghi assunti ex novo o che ave­vano accet­tato di rien­trare nell’azienda di Stato rico­struita, con con­tratti rin­no­vati di due mesi in due mesi, salari ultra­ri­dotti (dai 1000 euro, mas­simo 1200, per i gior­na­li­sti, fatta ecce­zione per le grandi firme, ai 600 per gli ammi­ni­stra­tivi e i tec­nici) e costretti a fare da mega­fono al governo.
Gli uffici della Ert Open sono tap­pez­zati di imma­gini della loro resi­stenza. Da que­ste parti è pas­sato tutto il nuovo governo: si vede Tsi­pras arrin­gare la folla nel giorno della chiu­sura, la neo­pre­si­dente del Par­la­mento Zoe Kon­stan­to­pou­lou è immor­ta­lata con il pugno chiuso, ci sono il mini­stro dell’Interno Nikos Vou­tsis e la Gover­na­trice dell’Attica Rena Dou­rou, mini­stri e sot­to­se­gre­tari, per­sino il vul­ca­nico Panos Kam­me­nos, lea­der dei Greci Indi­pen­denti (Anel) e oggi tito­lare della Difesa nella strana alleanza con Syriza. Uno scatto ritrae un sor­ri­dente Daniel Cohn Ben­dit in ver­sione tar­do­ses­san­tot­tina. A mani­fe­stare con i lavo­ra­tori dell’Ert sono stati tutti i movi­menti di resi­stenza all’austerity e loro hanno ricam­biato diven­tando il mega­fono dell’opposizione sociale ai governi della troika, dando voce alle vit­time della crisi, agli sfrat­tati, alle per­sone licen­ziate e rima­ste senza pro­te­zione. Sono stati un anello del pro­cesso di tra­sfor­ma­zione che si andava con­so­li­dando nel Paese e che ha por­tato all’exploit di Syriza. «Abbiamo tra­smesso per strada, cam­biato le forme di lotta e rin­no­vato il modo di fare sin­da­cato. Sem­brava una bat­ta­glia persa e invece l’abbiamo vinta», dice sod­di­sfatto Kal­fa­gian­nis. Non che non ci siano stati momenti di ten­sione: la poli­zia è inter­ve­nuta anche vio­len­te­mente, il sin­da­ca­li­sta è ritratto men­tre lo por­tano via in manette il giorno dello sgom­bero, ma alla fine «sono stati fre­nati dalla soli­da­rietà gene­rale che abbiamo rice­vuto» e hanno dovuto fare buon viso a cat­tivo gioco, accet­tando che l’Ert Open tra­smet­tesse in con­cor­renza con lo Stato.

Su una parete sono raf­fi­gu­rati, come in una guerra, i caduti della tv pub­blica. Sono dicias­sette, tra que­sti una gior­na­li­sta volata dal terzo piano della sede di Salo­nicco, un altro morto di infarto nel palazzo di Agia Para­skevi, Santa Venerdì, alla vigi­lia del licen­zia­mento, un altro ancora al quale è preso un colpo quando sono andati a seque­strar­gli l’abitazione, e così via men­tre al mondo veniva fatto cre­dere che la tv di Stato greca era un car­roz­zone obso­leto, inso­ste­ni­bile dal punto di vista economico.

Il vec­chio e il nuovo

Prima della chiu­sura, l’Ert poteva con­tare su tre reti nazio­nali, un canale satel­li­tare, sette radio e due orche­stre: una di musica clas­sica e un’altra di musica leg­gera, che impie­ga­vano in totale tre­cento musi­ci­sti. Aveva dician­nove sedi regio­nali, 35 antenne di tra­smis­sione e gestiva un archi­vio nazio­nale della sto­ria della tv, dei media e del cinema, qual­cosa di simile al nostro Isti­tuto Luce. Inol­tre, gli ope­ra­tori della tv pub­blica fil­ma­vano tutti gli avve­ni­menti uffi­ciali (con­fe­renze stampa, avve­ni­menti poli­tici e reli­giosi) e le imma­gini veni­vano distri­buite ai canali pri­vati, che in que­sto modo rispar­ma­viano sui costi delle troupe. Oggi la Nerit occupa solo una parte degli edi­fici dell’ex Ert, impiega un terzo del per­so­nale, che è stato posto alle dipen­denze del mini­stero delle Finanze, e non gesti­sce la dif­fu­sione, affi­data a prezzi di saldo alla rete delle tv pri­vate. Pro­duce solo i tele­gior­nali, ha un canale tele­vi­sivo e un altro su satel­lite che tra­smette solo pro­grammi degli archivi. I canali radio sono affi­dati a società pri­vate che si occu­pano della pro­du­zione, con con­tratti rin­no­vati di mese in mese.

L’Open Ert auto­ge­stita, invece, ha quat­tro canali radio (uno poli­tico, uno di intrat­te­ni­meno, un altro di cul­tura e l’ultimo di sport che la dome­nica dif­fonde una sorta di Tutto il cal­cio minuto per minuto, con col­le­ga­menti da tutti gli stadi) che dif­fon­dono in maniera ille­gale, men­tre nella sede di Salo­nicco hanno gli studi tele­vi­sivi: la vec­chia terza rete occu­pata è visi­bile in tutto il nord della Gre­cia e copre il 68 per cento del ter­ri­to­rio nazionale.

Syriza in cam­pa­gna elet­to­rale ha annun­ciato una legge per chiu­dere la Nerit e ria­prire l’Ert, rias­su­mendo il per­so­nale licen­ziato, con l’intenzione di spe­ri­men­tare l’autogestione dei gior­na­li­sti, un ine­dito in un’azienda di Stato. Per gli ex lavo­ra­tori dell’Ert dare libertà asso­luta asso­luta ai gior­na­li­sti garan­ti­rebbe un’informazione real­mente indi­pen­dente, sle­gata da inte­ressi poli­tici ed eco­no­mici. «Vogliamo che il governo rimetta in fun­zione una tv real­mente pub­blica, in rela­zione con il popolo, che possa offrire infor­ma­zione, intrat­te­ni­mento e soprat­tutto cul­tura», dice Kal­fa­gian­nis. Alla Ert Open si aspet­tano che Tsi­pras ora rompa dav­vero, come ha soste­nuto in cam­pa­gna elet­to­rale, quel nesso di inte­ressi forti tra mondo degli affari, poli­tica e media che ha stretto in una morsa di cor­ru­zione il Paese. «La nuova Ert dovrà avere mag­giori respon­sa­bi­lità verso il pub­blico e minori nei con­fronti dello Stato», si con­geda con un sor­riso Papa­sta­thi­miou. Poi infila le cuf­fie e parte il suo pro­gramma: «Good mor­ning Grecia».



Related Articles

Peà±a Nieto, «presidenziali valide»

Loading

MESSICO Sentenza della commissione elettorale contro il ricorso per brogli dell’opposizione di sinistra

Sindacati provano a rilanciare l’art. 18

Loading

Sullo stesso tema del reintegro la Cgil comincerà il 18 gennaio la raccolte delle firme per una legge di iniziativa popolare che prevede la tutela reale in tutte le aziende con almeno cinque dipendenti

Salviamo i piccoli popoli che custodiscono la terra

Loading

Oltre il 50% degli ecosistemi sono protetti dagli indigeni, ma i loro diritti vengono riconosciuti solo in un decimo dei casi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment