Le carte scoperte di Tsi­pras

Le carte scoperte di Tsi­pras

Loading

Gioco a carte sco­perte ieri al Par­la­mento greco da parte di Tsi­pras. I docu­menti dello scon­tro con i cre­di­tori sono ormai pub­blici. Per prima Atene ha messo in rete la sua pro­po­sta di 47 pagine e in rispo­sta Dijs­sel­bloem ha reso pub­blico anche il suo, di sole 5 pagine ma cro­no­lo­gi­ca­mente rima­sto al 2014 e al pre­ce­dente governo Sama­ras (il pdf qui). Docu­menti noti, ampia­mente com­men­tati anche dalla stampa internazionale.

Il pre­mier greco ha difeso con pas­sione la sua pro­po­sta verso i cre­di­tori e ha riba­dito con forza che non è dispo­sto a fare un solo passo indie­tro. La sua pro­po­sta, ha spie­gato, «non è il pro­gramma di Syriza» ma è basata sulle «con­ver­genze acqui­site in que­sti quat­tro mesi di dura trat­ta­tiva» ed è quindi «l’unica base rea­li­stica» per uscire dall’impasse.

Mal­grado lo «spia­ce­vole passo indie­tro» rap­pre­sen­tato dall’«inaccettabile» docu­mento pre­sen­tato gio­vedì da Dijs­sel­bloem e Junc­ker, il pre­mier greco con­ti­nua a rite­nere che un accordo sia ora «più vicino che mai».
La sua con­vin­zione nasce dall’assoluta cer­tezza che «nell’eurozona pre­val­gono le forze ragio­ne­voli che vogliono pre­ser­vare e raf­for­zare la moneta comune» con­tro una «mino­ranza» che cerca di «umi­liare» e «sot­to­met­tere» un popolo «orgo­glioso» come quello greco.

Tsi­pras ha anche espresso la sua per­so­nale cer­tezza che pro­po­ste, come quelle avan­zate, di tagliare ulte­rior­mente le pen­sioni e aumen­tare del 10% il costo della cor­rente elet­trica «non saranno votate da nes­sun depu­tato del Par­la­mento greco».

Il lea­der di Syriza con­si­dera la pro­po­sta di gio­vedì quindi come facente parte di una «brutta tat­tica nego­ziale» che «non ha otte­nuto alcun effetto e molto pre­sto finirà nel dimenticatoio».

Tsi­pras ha rivolto un appello all’opposizione di sce­gliere tra le due pro­po­ste e di schie­rarsi a fianco del governo. Appello caduto nel vuoto: l’opposizione di destra e di cen­tro è fran­tu­mata, con­fusa e senza stra­te­gia, asso­lu­ta­mente non in grado di inci­dere mini­ma­mente sugli svi­luppi. Ma al lea­der di Syriza il dibat­tito par­la­men­tare è ser­vito per disar­mare le con­ti­nue grida di que­sti mesi di Sama­ras e del lea­der di To Potami verso il governo di fir­mare qual­siasi accordo pur di evi­tare disa­stri e catastrofi.

«Il popolo ci chiede di resi­stere e di non cedere alle richie­ste assurde dei cre­di­tori», ha riba­dito: «In que­sti quat­tro mesi abbiamo pagato per il debito 7,5 miliardi, da un anno il paese non incassa nes­sun finan­zia­mento, eppure siamo in piedi e abbiamo garan­tito con­di­zioni di sicu­rezza per il popolo greco e per quelli di tutta Europa».

Tsi­pras ha fatto un signi­fi­ca­tivo rife­ri­mento allo spo­sta­mento del paga­mento del debito al Fmi alla fine di giu­gno, facendo capire che la sospen­sione dei paga­menti da parte di Atene non è ora­mai un’eventualità remota ma molto rea­li­stica: in quel caso non ci sarà Gre­xit ma «una trau­ma­tica divi­sione dell’Europa che segnerà il suo fallimento».

Ma la «rot­tura» non ci sarà, ha assi­cu­rato. Per­ché non la vogliono i mer­cati, non la vogliono «i popoli euro­pei», non la vogliono le forze euro­pei­ste, al primo posto Syriza.

Egual­mente il pre­mier ha evi­tato di con­fer­mare gli sce­nari che erano cir­co­lati in que­sti giorni di un nuovo ricorso alle urne oppure di un refe­ren­dum popo­lare sulla pro­po­sta Dijsselbloem.

Si con­ti­nua a pun­tare tutto sul nego­ziato sulla base del docu­mento greco, come se nulla fosse suc­cesso. Sem­pre con il capo del governo greco che nego­zia diret­ta­mente con la lea­der­ship poli­tica dell’eurozona, evi­tando, per quanto pos­si­bile, il ter­reno minato dell’eurogruppo, regno incon­tra­stato del coria­ceo Schau­ble. Non è chiaro quando ci sarà il pros­simo incon­tro di ver­tice, forse in mar­gine del G7 in Germania.

Infine, Tsi­pras non ha evi­tato di lan­ciare un altro segnale, attra­verso una lunga con­ver­sa­zione tele­fo­nica, poche ore prima del dibat­tito par­la­men­tare, con Vla­di­mir Putin. Si è par­lato prin­ci­pal­mente di ener­gia, ma anche dell’interesse russo verso alcune pri­va­tiz­za­zioni gre­che, come quella delle fer­ro­vie e di alcune ban­chine del porto di Salo­nicco, signi­fi­ca­ti­va­mente com­prese nel docu­mento greco pre­sen­tato ai creditori.



Related Articles

Energia, trasporti e banche tra Mosca e Roma 10 accordi

Loading

Enel investe sul nucleare, Finmeccanica farà un jet (la Repubblica, GIOVEDÌ, 15 MARZO 2007, Pagina 11 – Economia)

Marocco, riformare la monarchia per renderla eterna

Loading

Mohammed VI concede riforme e, nonostante le polemiche, il popolo gli concede fiducia

Passare da ‘sacro’ a ‘inviolabile’, in effetti, non sembra sulla carta una rivoluzione. Però, in Marocco, non è poco. Il re Mohammed VI, dopo anni di promesse, ha compiuto un passo. Il referendum popolare ha approvato con il 98 percento di consensi la riforma costituzionale proposta dal monarca.

Shell costretta a lasciare l’Artico

Loading

Shell si ritira dal mare Artico – almeno per ora. Lo ha annunciato lunedì la stessa compagnia petrolifera, in un comunicato in cui riconosce l’ennesimo problema di sicurezza nelle sue installazioni offshore al largo dell’Alaska.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment